🇮🇹 "Costruire comunità in Africa: IOG 14 Ottobre 2021

:it: Trascrizione in italiano di “Building community in Africa”.

Pubblicato sul canale Youtube di IOHK il 14 ottobre 2021


L’Africa è posizionata in modo unico per essere il fulcro dell’innovazione nello spazio blockchain. IceAddis, uno dei principali incubatori tecnologici africani, mira a guidare l’innovazione e il cambiamento in tutta l’Africa nella sua partnership con Cardano. Sostenere una forza lavoro di individui giovani, brillanti e di talento in Africa per aiutarli a promuovere e scalare le loro idee imprenditoriali e aiutarli a far crescere le loro competenze in modo che possano contribuire all’economia globale.

John: Ciao a tutti, sono John O’Connor, direttore delle operazioni africane di Input Output. Oggi abbiamo Markos Lem, che è il CEO e fondatore di IceAddis, come stai oggi Markos?

Markos: Ciao John, grazie mille, molto bene, grazie per avermi invitato in questa conversazione.

John: Fantastico, oggi vorrei parlare di altre cose su cui stiamo lavorando. Per le persone che guardano, forse iniziare con un po’ di background su chi è IceAddis, come abbiamo iniziato a lavorare insieme.

Markos: Grazie mille, IceAddis è stata fondata nel 2011, come il primo incubatore e acceleratore di tecnologia etiope, sai, siamo molto panafricani nel cuore. La nostra missione è quella di creare un ecosistema imprenditoriale in diversi mercati, il nostro focus è l’Africa, ma abbiamo operazioni anche in altri mercati. Diciamo sempre che amplifichiamo le startup, amplifichiamo i fondatori che vogliono costruire il prossimo prodotto che possono rilasciare. Ma stiamo anche lavorando all’inizio di startup ad alto potenziale, stiamo davvero cercando di identificare le aziende abbastanza presto, fornendo servizi strutturali di sviluppo del business, le aiutiamo a crescere e diventare aziende più grandi. Questa è davvero la mia missione, siamo guidati dalla comunità, quindi tutto ciò che facciamo, cerchiamo di trovare talento e idee dalla nostra comunità. Abbiamo costruito comunità tecnologiche per molto tempo, portando l’idea di startup e portando la comunità nell’ecosistema etiope. Stiamo anche promuovendo l’innovazione africana e l’ecosistema delle startup al pubblico globale. Siamo noi in poche parole. Finora abbiamo lavorato con diverse aziende, incubato tre aziende, accelerato 31 aziende, questo 2021 festeggiamo i nostri dieci anni, quindi è stato un viaggio divertente.

John: Fantastico, una delle aree su cui stiamo lavorando insieme riguarda l’incubazione e il supporto attraverso le startup Catalyst. Per chi non lo sapesse, Catalyst è il più grande fondo di finanziamento decentralizzato del mondo, fornisce finanziamenti illimitati a startup e progetti che mettono la loro proposta sulla piattaforma Catalyst, e i titolari di Ada in tutto il mondo votano su quali progetti vengono finanziati. Poiché vediamo alcune di queste aziende vincere queste proposte su Catalyst, Markos fornirà anche l’accelerazione e il supporto per le proposte vincenti. Forse può dirci cosa significa esattamente, come sarà un’azienda dopo aver vinto la proposta e aver iniziato a lavorare con loro su questo lavoro di accelerazione, ci guidi attraverso questo, per favore.

Markos: Grazie mille, sì, questi sono tempi eccitanti. Da quando abbiamo conosciuto il programma Catalyst, siamo rimasti molto affascinati da come questo sia estremamente orientato alla comunità, estremamente decentralizzato e molto affascinante, è un grande privilegio che abbiamo l’opportunità di lavorare su questo. Quindi l’idea è che abbiamo questo voto, che sta crescendo esponenzialmente, il numero di persone che vengono finanziate attraverso questo programma. Se guardiamo alcune di queste idee, anche molti di questi progetti finanziati per l’Africa, hanno un potenziale per la fattibilità di mercato, quindi possiamo permettere loro di commercializzare in quel passo successivo, quindi va oltre il finanziamento, che possiamo avere un follow-up strutturale su queste idee. E alcuni di questi prodotti possono essere spinti sul mercato e avere vitalità. Ora stiamo pianificando due ricerche, dal programma, che ha effettivamente un valore di mercato, stiamo attraversando la fase diagnostica. Una volta che passiamo attraverso la fase diagnostica, la ricerca, e mettiamo le idee selezionate, per le nostre conversazioni, queste diventano startup, e programmi di incubazione e accelerazione. Il primo flusso sarà di 50 startup selezionate, passeranno attraverso diverse serie di lavoro, workshop, bootcamp, mentori, che sono abbastanza esperti nel mercato e anche nel settore, nella blockchain, nell’intera catena del valore. Quindi vogliamo portare il servizio di sviluppo aziendale al programma Catalyst. Questo sarà il primo tentativo di farlo, e si spera che alcuni di questi progetti finanziati dal programma usciranno in commercio e beneficeremo migliaia se non milioni di persone in tutta l’Africa.

John: Una delle cose di cui sono davvero entusiasta, per l’ecosistema Cardano, è che stiamo iniziando a creare un percorso per le startup. Proposta iniziale a Catalyst, avendo servizi di incubazione, accelerazione, forniti da IceAddis, sto cercando di portarli ad una fase in cui sono investibili, e anche pronti a fare cose reali nel mondo reale. Quindi uno degli annunci che abbiamo per questa conferenza è che lanceremo un capitale di rischio Input Output per l’Africa di 6 milioni di dollari, che si concentrerà sull’investimento in queste aziende in fase iniziale. Così possono vincere una sovvenzione non vincolata, da Catalyst, e poi passare attraverso i servizi dell’acceleratore, e poi in seguito ci sono soldi disponibili per essere in grado di fare investimenti azionari in queste aziende e aiutarle a crescere. Quindi questo è davvero eccitante per me, in futuro speriamo di costruire molto di questo viaggio direttamente nel programma Catalyst, in modo da gestire tutte le parti di esso. Una cosa eccitante, Markos, è che dopo aver fatto questo primo giro di 50 aziende, voi ragazzi presenterete a Catalyst, voi stessi, per essere in grado di ricevere finanziamenti per fare più coorti di aziende. Quindi ditemi un po’ di più su questo Markos, questo portare tutto sulla piattaforma, facendo servizi di accelerazione, un mercato competitivo, per avere anche aziende come la vostra nel programma Catalyst.

Markos: Penso che questa sia una progressione abbastanza naturale, grazie mille John per averla segnalata. Penso che per voi ragazzi portare un sostegno più sistematico a questi fondi, come secondo passo è stato molto interessante. Per quanto riguarda l’intero processo di selezione decentralizzato, una delle cose affascinanti è che si può portare questo registro di prova del concetto alla comunità, e passare attraverso lo stesso modo decentralizzato di essere selezionati dalla comunità stessa. Da un lato ci sta effettivamente dando una sorta di approvazione in questo processo, ma abbiamo anche un certo numero di aziende che vogliono ottenere supporto su questo. In realtà votando la proposta nella sfida Grow Africa, Grow Cardano, fondamentalmente questo come incubatore sta anche per beneficiare di essere in questo processo di selezione decentralizzato. Penso che questo sia piuttosto eccitante, ma penso anche che sia nuovo, questo approccio, quindi vediamo come effettivamente trasformerà la nostra fornitura di servizi per i nostri beneficiari.

John: Brillante, abbiamo parlato un po’ dei servizi di accelerazione che fornirete, abbiamo parlato un po’ dei diversi capitali disponibili, prima Catalyst e poi il veicolo di venture capital IO per l’Africa. Ma parliamo un po’ di come far crescere il flusso di affari, far crescere l’imbuto di afflusso, come fanno le persone a saperne di più su Cardano, come fanno le persone a entusiasmarsi e iniziare a pensare ai tipi di aziende che vogliono costruire? E per me questo va alla strategia della comunità. Quindi IceAddis ha anche un secondo contratto con noi per aiutarci con la gestione della comunità in tutto il continente. Così forse Markos può parlare un po’ di più su cosa significa questo, che tipo di eventi comunitari vedremo in giro, e anche come le persone possono saperne di più e farsi coinvolgere?

Markos: Sì, grazie mille, penso che sia molto interessante perché da un lato stiamo parlando della pipeline. Quindi, sviluppando le comunità, possiamo aumentare molto la partecipazione ai programmi Catalyst, così più membri della comunità ne sentiranno parlare e saranno incoraggiati a farsi avanti. Quindi sarà come un cerchio che si chiude. Ma d’altra parte, essendo noi l’azienda panafricana, siamo stati sul mercato, sul terreno, per molto tempo, come azienda africana. Una delle cose che abbiamo visto è che avere attività comunitarie determinerà alcune di queste idee per andare avanti. Sappiamo che le comunità Cardano in Africa hanno già progetti entusiasmanti in arrivo, nel progetto Catalyst ci sono già molte persone impegnate attraverso gli sforzi IoT e altre attività. Quindi vogliamo portare questa azione un po’ più avanti, una delle cose è fornire una rete in tutta l’Africa, prima lavoreremo nei sei paesi selezionati, e poi ci espanderemo a 14 paesi nella prossima fase. L’idea è quella di organizzare incontri comunitari, lavorare anche con gli ambasciatori di Cardano all’interno del paese, fornendo opportunità di networking per loro. Ciò che significa in realtà, per noi avere questa vasta rete per i mercati africani, vogliamo fare leva su questo, e principalmente stiamo andando a lavorare con gli hub di innovazione che stanno crescendo in tutta l’Africa negli ultimi anni, gli hub di innovazione beneficeranno di questa collaborazione, perché stiamo per abilitare le comunità tecnologiche in Cardano, così come aiutare a co-creare soluzioni locali, per i problemi locali, così come creare diversi eventi e opportunità di networking, all’interno dell’ambiente hub di innovazione, quindi questo è fondamentalmente sta andando a lavorare molto da vicino con questa infrastruttura esistente. Ma ci stiamo rivolgendo anche agli sviluppatori, riceveranno supporto di prima mano, aggiornamenti tecnologici, otterranno risorse educative, che già esistono e anche in futuro otterranno un supporto di esperti, così come opportunità di lavoro in futuro. Stiamo davvero cercando una comunità diversificata di centri di innovazione, sviluppatori, esperti di business, legislatori, per impegnarsi in un ambiente molto informale, in modo da poter far crescere la comunità. Quindi, da un lato, sta davvero aiutando a riunire la comunità, a creare nuove idee. Sappiamo che mettere insieme persone intelligenti crea sempre la prossima innovazione, la prossima frontiera, quindi ci aspettiamo di vedere molti grandi prodotti costruiti nell’ecosistema Cardano, provenienti dalla comunità con cui lavoreremo nei prossimi mesi e anni.

John: Questo mi ricorda una società con cui ho parlato di recente, Empower, che sta lavorando per sfruttare la liquidità delle criptovalute per costruire case sostenibili nel continente. Si sono incontrati attraverso il programma Catalyst, i fondatori stavano votando le proposte, hanno parlato e ora è una società fantastica, che è emersa da quel tipo di comunità, una impollinazione incrociata di idee. Questo è qualcosa di cui siamo molto entusiasti, riunire le comunità. Voglio parlare un po’ del potenziale in Africa, il potenziale per le storie di crescita. Ci sono state un sacco di cose nelle notizie di recente su grandi aumenti da parte di società di pagamento nigeriane, e sto cominciando a sentire che la velocità con cui sentiamo queste storie, aziende che raccolgono 200 milioni di dollari, con valutazioni di oltre un miliardo di dollari, sembra accadere sempre più spesso. Prima di tutto, forse sei d’accordo, e forse puoi dare più contesto su dove pensi che questo ci porterà e cosa c’è sulla scena africana per i prossimi cinque anni.

Markos: Sì, John, è il momento dell’Africa. Il nostro team è come, penso davvero che se la prossima grande cosa non viene dall’Africa, non sarà una grande cosa. Penso che ci sia un sacco di potenziale qui, un sacco di giovani, che si uniscono nella nostra comunità, e blockchain dà come un’ala per l’economia africana. Come hai detto, c’è già un sacco di infrastruttura di base, che è effettivamente fornita da Cardano, quando si parla di piattaforme di identità, quando si parla di DeFi e tutte quelle cose. Vorremmo essere la base per la prossima innovazione, la prossima tecnologia emergente in arrivo. Sappiamo che l’Africa può fare il salto di qualità in questo senso, penso, se si guarda all’Etiopia, con l’identità Cardano, i progetti educativi, ma anche al di là di questo possiamo fare il salto di alcuni sistemi, sviluppare qualcosa di diverso, essere il prossimo campione. Quindi in questo senso c’è un sacco di potenziale con la tecnologia blockchain, è già al centro di molte comunità techno, in Africa. C’è molto più capitale in arrivo, gli IDE stanno aumentando, c’è di più, non solo gli investitori d’impatto, ma anche diversi tipi di investitori stanno effettivamente guardando il mercato africano ora, è un mercato in crescita, giovane, innovativo, motivato. Quindi penso che se qualcuno non pensa all’Africa come al suo mercato, posso dirgli che si sta perdendo qualcosa.

John: Una delle opportunità, penso, nel contesto africano, sono le opportunità di lavoro per gli sviluppatori freelance. Quindi una delle sfide nelle comunità tecnologiche, spesso, è che non ci sono abbastanza aziende che assumono nel tuo mercato. Se sei ad Addis Abeba non ci sono abbastanza aziende tecnologiche che assumono sviluppatori formati. Quindi, come risultato, è difficile ottenere valore per il tuo set di abilità. Man mano che ci spostiamo in questo mondo globalizzato, penso che le opportunità per le persone di lavorare ad Addis, o di lavorare in un’azienda negli Stati Uniti, nel Regno Unito, stiano aumentando, ed è qui che vediamo il successo di Andela. Quindi sul lato dell’Input Output, ora che abbiamo lanciato Plutus, abbiamo contratti intelligenti finalmente disponibili, siamo molto entusiasti di aiutare a far crescere questi ecosistemi di sviluppatori, che inizia con il corso di formazione Plutus, che eseguiremo nel primo trimestre del prossimo anno in Ghana. Ma quello che volevo chiederti, Markos, era: quale sarebbe il tuo consiglio per gli sviluppatori nei mercati di cui stiamo parlando, per guadagnare esperienza, credibilità e, si spera, ottenere un lavoro, che sia locale o che lavori per una società internazionale, quali sarebbero le tue parole di saggezza?

Markos: Ci sono così tante opportunità in termini di posti di lavoro creati in diversi mercati, e sappiamo che avendo una tecnologia abilitante, un sacco di giovani sviluppatori e anche sviluppatori emergenti, si può indirizzare un mercato oltre la propria piccola cerchia. In effetti anche questo è come un mercato trasversale, perché ci sono così tante opportunità di collaborazione. Penso che una delle cose che per esempio vediamo con gli sviluppatori in Etiopia, è che c’è una tendenza a concentrarsi solo su un progetto, specificamente per le sfide locali, che è grande, perché abbiamo bisogno di soluzioni locali per problemi locali. Ma allo stesso tempo, ora abbiamo questa opportunità di competere nel mercato globale, finché abbiamo internet, abbiamo un sacco di opportunità di competere con le controparti in Asia, Europa, Nord America, portando posti di lavoro a questi paesi, portando più valuta estera a questi paesi, e anche allo stesso tempo, creando questo lavoro collaborativo. Penso che avendo questa solida base tecnologica, quando parliamo di Cardano, non stiamo parlando solo di un’attività unilaterale, le applicazioni non hanno limiti, ciò che possiamo costruirci sopra non ha limiti. Se le persone hanno accesso a quella tecnologia di base, le persone hanno accesso a internet, ai telefoni cellulari, ai contratti intelligenti, possono costruire quei progetti, creare posti di lavoro per se stessi. Penso che questo sia anche qualcosa al centro di molti governi africani ora, la creazione di posti di lavoro è probabilmente una delle più grandi cose all’ordine del giorno, almeno in Etiopia sono sicuro che è il più grande ordine del giorno, perché ci sono così tanti giovani là fuori, e la maggior parte della demografia, non so, in Etiopia per esempio l’età media è di 15, 17 anni. Così ci sono più persone che entrano nel mercato del lavoro, quando si crea talento, si creano posti di lavoro, penso che dal lato del governo questa è anche una direzione politica molto critica che stiamo cercando di risolvere. Assolutamente, c’è così tanto potenziale lì. Dobbiamo lavorare con questo.

John: Fantastico, bene Markos, forse un’ultima domanda, che è, potresti dire alla gente un po’ di più sull’evento Cardano summit che si terrà ad Addis Abeba, il 25 settembre, che è probabilmente quando la gente starà guardando questo. Quindi, per favore, se poteste parlare un po’ di più di quello che state facendo ad Addis per sostenere questo evento.

Markos: Penso che sia un momento eccitante, abbiamo avuto lo speciale Cardano Africa, sono sicuro che ci sono persone che lo ricordano ancora, dove è avvenuto il grande annuncio etiope, penso che sia ancora un ricordo fresco. Penso che ci sarà una continuità di questo, ora abbiamo il programma di incubazione, stiamo andando a Catalyst con la comunità, attività. Quindi è il momento di dire ai nostri amici che stiamo per tenere queste attività e saremo nei prossimi piani, in due luoghi diversi, ad Addis Abeba, se qualcuno vuole unirsi, si registri per la riunione sul link Cardano summit. Quindi parleremo di queste cose di cui abbiamo parlato con John, ci espanderemo di più, avremo delle tavole rotonde e anche degli oratori. E naturalmente, come il summit generale, mostreremo video dal vivo e così via. Questi sono momenti emozionanti, ma non è una cosa una tantum, ovviamente questo continuerà, avremo discussioni continue con gli sviluppatori, i talenti, i legislatori locali nelle prossime settimane e mesi, sono entusiasta di questo e anche per la collaborazione, grazie mille.

John: Fantastico, brillante, abbiamo coperto il lavoro di accelerazione che IceAddis farà per l’ecosistema Catalyst, penso che abbiamo coperto il nuovo finanziamento di venture capital, che IO sta lanciando per concentrarsi sull’Africa, anche l’evento comunitario, che gestiranno in tutto il continente per noi. Quindi grazie mille Markos, grazie per essere venuto allo show, non vediamo l’ora di vederti in tutti questi diversi paesi in cui lavoreremo insieme.

Markos: Grazie mille, momenti emozionanti.