🇮🇹 "Discorso di Charles Hoskinson su Catalyst | IOG weekly town hall 10 Nov 2021"

Trascrizione in italiano di un estratto da “Project Catalyst - Weekly Town Hall”.

Dal minuto 00:03:52 a 00:16:38 del video originale


Charles: Ciao a tutti, potete vedermi, non so se sono nella lista, Dor, potete vedermi?

Dor: Ti vedo, sì.

Charles: Bene, ci siamo, posso solo vederti quindi non so se stai trasmettendo. Giusto, bene, benvenuto nell’esperimento, le cose potrebbero rompersi, potrebbe esserci mancanza di documentazione, variare enormemente tra le iterazioni, ci può essere disorientamento, sovraccarico e ispirazione. Il nostro obiettivo è quello di fornire un ambiente sicuro e vivace per esplorare il più alto potenziale della collaborazione umana. Quindi sono tornato qui in Colorado. Ho fatto il tour africano, ci siamo divertiti, è stato un viaggio molto lungo, è iniziato in Sudafrica, poi sono andato a Zanzibar, lì ho incontrato le persone della World Mobile, sono andato in Burundi, ho incontrato il presidente. Poi siamo andati in Etiopia, un posto a dir poco interessante, poi in Kenya, abbiamo avuto l’opportunità di incontrare un sacco di persone meravigliose, soprattutto nel mercato della microfinanza, poi in Egitto per il mio compleanno.

Viaggiare in tutta l’Africa, in tutto il mondo, è la cosa che preferisco perché incontro tante persone. Ci sono così tante grandi persone nell’ecosistema Cardano, nello spazio delle criptovalute in generale. Catalyst è una di quelle cose che li riunisce tutti, il fondo 6 è stato piuttosto notevole, 44 mila portafogli unici, il 10% dell’offerta totale di Ada ha partecipato, 4 milioni di dollari, 19 sfide, e oltre 150 progetti da finanziare. Se guardiamo l’anno, perché siamo a novembre, mentre cominciamo a passare attraverso gli ultimi 60 giorni, cominciamo a chiederci, cosa abbiamo ottenuto quest’anno, oltre 300 proposte sono state finanziate. Catalyst è cresciuto esponenzialmente, è stato parabolico. Quando guardiamo al 2022, se l’attuale traiettoria delle cose continua ad aumentare, oltre duemila proposte saranno finanziate. Il round in cui stiamo entrando, il fondo 7, è di 8 milioni di dollari, il fondo 8 sarà di 16 milioni di dollari.

Quindi la prima cosa che vorrei menzionare è qualcosa che mi piace chiamare il paradosso dell’abbondanza. Cos’è che, mentre guadagniamo risorse, guadagniamo persone e proposte. E siamo passati da un sacco di cose ovvie da finanziare a troppe cose da finanziare, e abbiamo dovuto iniziare a prendere decisioni sempre più difficili. Anche se i giri raddoppiano, passando da quattro milioni a otto milioni, ci saranno così tante cose buone che invece di finanziare solo le cose buone, lasciando andare quelle cattive, si finirà per avere un sacco di cose buone che non sono state finanziate. Quindi questo paradosso significa che inizierà a creare un sacco di domande aperte sulla strategia, la direzione e occasionalmente l’attrito, di tanto in tanto. Ciò che dobbiamo mantenere nel 2022 è la mentalità che ci ha permesso di avere successo nel 2021, cioè l’apertura, la positività, la capacità di entrare in empatia con le persone, di ascoltare le persone, di essere anche molto pazienti. Cardano è uno dei progetti più pazienti, perché siamo i migliori, abbiamo la migliore tecnologia, la migliore comunità, la migliore scienza. Mi piacerebbe credere che abbiamo la migliore visione e la migliore tabella di marcia, ma questo funzionerà solo se la nostra comunità si presenta e incarna i principi che ci porteranno dove stiamo andando. Mentre Catalyst continua a crescere, vedremo molti dibattiti, vedremo molte priorità e strategie, la mentalità è molto importante. L’altra cosa molto importante è che dobbiamo iniziare a costruire una sorta di proto-governo per Cardano, dobbiamo passare da loro a noi. Ci sono state entità come la Fondazione, Emurgo, la mia entità e altre che si sono fatte carico di molti oneri, e voi, la comunità, vi siete fatti carico di molte cose. Come ho detto nel mio discorso di settembre, che Cardano è diventato davvero inarrestabile e speciale, ora tutti i blocchi sono fatti da un esercito di SPO, per esempio. Bene, tutto, dalla richiesta di commenti di Cardano, alle proposte di miglioramento di Cardano, ai parametri del sistema, a quando e come faremo il fork, tutto questo passerà gradualmente al controllo della comunità, completamente. E questo significa che avete bisogno di un proto governo, per essere in grado di iniziare a pascere e guarire. Il meccanismo attraverso il quale cominceremo a sviluppare quel tipo di governance è proprio qui a Catalyst, perché voi ragazzi siete quelli che sono pronti, desiderosi e capaci di dare i maggiori contributi in questo senso.

Quindi il fondo 7, 8 e 9, non sono solo esperimenti commerciali su come aumentare l’adozione di Cardano e risolvere tutti questi interessanti problemi di sfide, far crescere Cardano nella popolazione. Sta anche parlando di come ci alleniamo e pensiamo alla strategia, alle direzioni, alle priorità, come possiamo, come gruppo, riunirci e iniziare a prendere delle decisioni difficili su cosa fare, dove andare, oltre a questo?

Ora, grandi cambiamenti sono in arrivo nel 2022, Cardano è open source, ma ha bisogno di essere gestito come un vero progetto open source, come Linux e altri grandi progetti open source che sono stati in giro per molto tempo, utilizzati da così tanti attori diversi. Quindi una grande priorità, a partire da gennaio, sarò in Svizzera per Davos, ma sarò anche a Zurigo con Fred Gregaard, della Cardano Foundation, avremo una lunga conversazione, ci assicureremo che ci siano forti impegni, che ogni mese vengano fatti progressi verso uno sviluppo più inclusivo, l’esecuzione di Cardano, questo è tutto dai sistemi di controllo delle versioni che usiamo per avere accesso, i modelli di sviluppo, i flussi. E questo andrà a braccetto con il proto governo. Così Catalyst sarà anche pesantemente coinvolto in questo, prima della fine del 2022, Cardano sarà un progetto completamente open source nel senso che sarà completamente governato come un progetto open source, proprio come ci si aspetta per Linux e altri grandi progetti. È una grande sfida, perché dobbiamo bilanciare questo con la velocità di esecuzione, la velocità di consegna, molte cose devono arrivare sul mercato. Assicurandosi anche che siano sicuri, che ci sia una qualità costante in tutto l’ecosistema.

Ci sono anche molte domande su cosa intendiamo per open source, e cosa è il riferimento: le specifiche sono il riferimento, il client Haskell è il riferimento, qual è la differenza tra codice di riferimento e software commerciale, ecc. E ognuno di voi che partecipa a Catalyst è un partner in questo senso. Come ho detto, 44 mila nella parte inferiore del 6, e man mano che accendiamo più interfacce, prevedo pienamente che il numero crescerà fino a centinaia di migliaia, eventualmente milioni di persone. La sfida è che dobbiamo mantenere la nostra cultura, la nostra umanità ed empatia mentre cresciamo da decine di migliaia a centinaia di migliaia, a milioni. Quindi, abbiamo davvero raggiunto un punto di inflessione interessante, inizieremo ad allontanarci da queste cose divertenti che hanno davvero definito Catalyst nel 2021. E ci stiamo davvero muovendo nella governance di un ecosistema multimilionario, ci saranno un sacco di discussioni, conversazioni, priorità strategiche e di altro tipo in arrivo, mentre giriamo su Basho ed entriamo nell’era Voltaire. Quindi sono molto contento che tutti voi siate qui, sono molto contento che siate ancora nel progetto, molti di voi da anni, e che ognuno di voi abbia contribuito con una quantità enorme di tempo quest’anno. Non è caduto nel vuoto, voi siete davvero le persone che fanno Cardano a Cardano, molto più di qualsiasi sviluppatore o entità particolare, è la comunità che fa sempre Cardano a Cardano. Il 2022 è l’anno che si sveglia e Cardano passa al livello successivo. Da parte mia, continueremo a scrivere documenti, codice, abbiamo un sacco di eventi HFC da esaminare, finalizzare lo scopo originale del lavoro. Ma poi c’è anche la promessa della commercializzazione, ogni paese in cui sono andato, che sia il Sudafrica, Zanzibar, Burundi, Etiopia, Kenya, Egitto, hanno tutti problemi unici. In Burundi, per esempio, solo il 2,6% della popolazione è connesso a internet. Ma, a causa del lavoro che stiamo facendo a Zanzibar con World Mobile, abbiamo una linea di vista diretta che entro il 2025, 2030, il 90% o più del paese potrebbe essere collegato a Internet ad alta velocità, a prezzi accessibili, che è possibile con l’innovazione del modello di business. Questi sono i tipi di accordi, gli sforzi su cui lavoreremo nell’IoT come azienda, ho bisogno che Cardano abbia la capacità di scalare a milioni e miliardi di utenti perché possiamo portare milioni e miliardi di utenti in questo ecosistema, dare loro identità economica, connettività, dare loro un nuovo stack finanziario, che è intrinsecamente giusto e trasparente. L’unico modo in cui può funzionare è se Cardano come ecosistema è sano, maturo, aperto e disposto ad abbracciare tutti i tipi di diversità. Quindi Catalyst non è una cosa bella da avere, è un motore essenziale di innovazione per questo ecosistema. E il lavoro che state facendo qui creerà un’infrastruttura che è disponibile, è in grado di ricevere milioni di nuovi utenti, in molti casi è la prima volta che sono digitalizzati e bancarizzati, e trasformerà le loro vite. Quindi siete qui a fare cose che sono veramente straordinarie, eccezionali, significa molto, è davvero il lavoro della mia vita, e so che per molti di voi è diventato anche il lavoro della vostra vita.

L’altra cosa bella che abbiamo costruito come risultato di Catalyst è un motore di innovazione decentralizzato. Quindi con il lancio di Coti, lascerò che lo descrivano per intero, ma voglio parlare per un momento del significato di ciò che sta realmente accadendo qui. Così attualmente, il modo in cui Catalyst funziona è che abbiamo queste sfide, le persone presentano proposte contro di esso, il finanziamento per queste sfide viene dal tesoro di Cardano, che è molto abbondante, penso che ora sia oltre 1,4 trilioni di dollari, rendendolo il più grande tesoro decentralizzato del mondo, che è grande, e che continuerà, sia in profondità di proposte, la diversità delle sfide, così come la dimensione del tesoro, come cresciamo come ecosistema. Ma, ciò che è stato costruito sotto il cofano è un’armata di persone che analizzano, discutono e alla fine decidono dove andranno quei fondi. Ora, perché dovrebbe appartenere solo alla tesoreria di Cardano, non sarebbe bello se le persone che costruiscono dApps, persone che costruiscono infrastrutture su Cardano, oltre a sfruttare Cardano come infrastruttura per ospitare dApps, possono sfruttare la comunità per sfruttare i fondi per far crescere i propri ecosistemi. Quindi in sostanza Catalyst diventa una macchina che permette ad ogni sviluppatore di dApp di far crescere i propri ecosistemi in tandem. Questo è un esperimento che stiamo conducendo con Coti, Coti avrà la sua sfida, ne parlerà un po’ oggi. Ma prevedo che se avrà successo, ci saranno decine se non centinaia di ecosistemi indipendenti che verranno e useranno la struttura Catalyst per fornire governance, processo decisionale, controllo, accelerazione, incubazione e capitale di rischio per i loro ecosistemi, e far crescere i loro ecosistemi.

Quindi chi ha partecipato a Catalyst, non sta parlando solo di Cardano, il progetto open source, l’infrastruttura, ma anche dell’ecosistema Cardano, le dApps Cardano, i partner Cardano, le alleanze Cardano. E si potrebbe, in molti modi, guidare un intero movimento di milioni o miliardi di persone in una particolare direzione. Quindi grazie a tutti voi per i vostri servizi in questo senso, l’innovazione continua, l’esperimento continua, ogni giro di finanziamento cerchiamo di, fondo 7, 8, 9, cerchiamo di aggiungere nuove cose, nuovi esperimenti, e questa è la vera nozione di agilità, questo è sempre stato il nostro progetto più agile. Mentre io mi preoccupo delle noccioline e dei bulloni per far funzionare tutti i pezzi insieme, Dor fa un lavoro fenomenale con voi ragazzi per mostrarci dove stiamo andando, assicurandosi che la comunità si riunisca. Grazie per tutto Dor, grazie alla comunità per tutto, non vedo l’ora di vedere cosa tutti votano per il fondo 7, penso che probabilmente avremo quattrocento proposte finanziate questa volta, che è abbastanza straordinario, e stiamo andando verso un grande anno, il 2022 sarà ancora meglio dell’incredibile ed esplosivo anno 2021.