🇮🇹 “L'oracolo Milkomeda”

Traduzione italiana di “The Milkomeda Oracle”


Le blockchain di terza generazione come Cardano, Solana e Polkadot, tra gli altri, affrontano la scalabilità a modo loro, dove l’interoperabilità con altre reti è parte del tema. La comunità di sviluppatori in questi ecosistemi sta crescendo, guidata dall’adozione mainstream, anche se ad oggi, la comunità di sviluppatori Ethereum è la più grande.

L’interoperabilità può essere implementata in diversi modi, il più utilizzato è attraverso la tecnologia cross-chain, i ponti, che cerca la trasmissione di valori e informazioni tra reti diverse, con una comunicazione senza intermediari.

ScalabilitĂ  e interoperabilitĂ 

Raggiungere la scalabilità e l’interoperabilità, come parte di essa, attraverso un unico protocollo, è una sfida. Il team dcSpark propone di andare avanti con la tecnologia sidechain per attrarre sia gli sviluppatori che gli utenti di Cardano con il suo nuovo progetto chiamato Milkomeda.

Le future implementazioni di Milkomeda apriranno le porte all’interoperabilità tra Cardano, Solana e altre blockchain L1. In questo modo, Milkomeda lavorerà per perseguire sia la visione di sidechain con il caratteristico approccio alla scalabilità, sia la visione di interoperabilità con più blockchain.

Ethereum è stata la prima blockchain a permettere ai programmatori di eseguire calcoli sulla rete. Milkomeda aiuterà le criptovalute non-EVM (Ethereum Virtual Machine) con una UX (User Experience) senza soluzione di continuità per gli sviluppatori e gli utenti in generale.

Milkomeda affronta questo problema costruendo side-chains con VM alternative collegate alle catene principali Layer 1, che usano la loro criptovaluta come asset di base. In Cardano useranno wADA (wrapped ADA) come asset per pagare le commissioni di transazione. SarĂ  un protocollo che impiega il concetto di wrapped smart contracts.

Con i wrapped smart contracts, la blockchain Layer 1 diventa un robusto strato di coordinamento, dove gli utenti rimangono mentre eseguono i contratti intelligenti sulla sidechain, senza dover passare alla sidechain stessa. Questo porta una nuova esperienza agli utenti finali, in quanto saranno in grado di eseguire contratti intelligenti su una sidechain EVM direttamente dalla rete centrale Cardano, senza dover cambiare portafoglio o eseguire altre operazioni complesse.

M1 sarà la prima sidechain di Milkomeda e anche la prima sidechain di Cardano. I validatori di Milkomeda che gestiscono la sidechain saranno operatori di pool esistenti e altre entità di fiducia all’interno dell’ecosistema.

“Crediamo che questa sia una direzione inevitabile in cui le blockchain L1, come Cardano e Solana, hanno le loro forti garanzie di sicurezza che fungono da backbone e strato di coordinamento per un ecosistema diversificato di molti linguaggi di contratti intelligenti e macchine virtuali”, ha detto Nicolas Arqueros, CEO di dcSpark.

Charles Hoskinson, CEO di IOHK, ha dichiarato: “L’interoperabilità è fondamentale per l’adozione diffusa della blockchain; a IOHK, non crediamo che ci sia una blockchain che governi tutti, ma piuttosto diamo valore alla collaborazione. Quando si tratta di interoperabilità e scalabilità, le sidechains sono una parte essenziale della nostra visione per Cardano. Siamo stati pionieri nella ricerca sulle catene laterali Proof of Stake e riconosciamo quanto siano importanti per l’interoperabilità nel nostro settore. Milkomeda è una preziosa aggiunta all’ecosistema Cardano, in quanto consentirà agli sviluppatori di beneficiare della velocità, della sicurezza e dei costi inferiori di Cardano, senza la necessità di cambiare portafoglio, o navigare in un sistema operativo completamente nuovo”.

Il bisogno di Oracoli

Gli oracoli sono uno degli strumenti che la tecnologia blockchain utilizza per interagire con il mondo fisico. Sono servizi che portano e verificano le informazioni del mondo reale necessarie per eseguire un contratto intelligente, con informazioni che possono innescare un’azione specifica all’interno del programma.

Le informazioni sono raccolte da varie piattaforme web per creare un consenso, e dare un risultato accurato che non può essere manipolato.

Per esempio, supponiamo che uno smart contract di assicurazione agricola sia programmato per trasferire valore per la copertura del rischio ad un assicurato se esistono determinate condizioni meteorologiche nella zona di coltivazione. Lo smart contract avrĂ  bisogno di ricevere dati da una o piĂą fonti che riportano il meteo in modo affidabile.

La proposta: Un oracolo per Milkomeda

Gli sviluppatori di Solidity che vogliono distribuire un oracolo su una sidechain EVM, hanno bisogno di un modo per esporre il loro oracolo sidechain alla mainnet di Cardano.

Quindi, avvolgere gli oracoli con un contratto intelligente, dove gli utenti chiamano gli oracoli dalla mainnet Cardano, e la risposta viene anche inviata alla mainchain.

Milkomeda Oracle sfrutterà la nuova tecnologia sidechain in fase di implementazione per incorporare facilmente le soluzioni oracolo esistenti nell’ecosistema Ethereum, permettendo agli utenti della mainnet Cardano di fare richieste direttamente da Plutus.

I contratti Solidity e lo stack off-chain delle reti oracle, possono essere semplicemente portati su M1 ed eseguiti con poco o nessun lavoro extra. Pertanto, collaborando con uno di questi progetti oracolo, è possibile avere una soluzione oracolo all’interno dell’ecosistema Cardano.

Tuttavia, questo risolve solo metà del problema per l’ecosistema Cardano nel suo complesso. Questi dati di oracolo che vivranno in M1 non saranno direttamente accessibili ai contratti intelligenti Plutus a meno che l’infrastruttura non sia costruita per facilitare questo.

Pertanto, il team dcSpark propone di costruire il Milkomeda Oracle. Avvolgendo una rete di oracoli esistente con uno strato di contratti intelligenti wrapped, gli utenti sono autorizzati a chiamare gli oracoli dalla rete principale Cardano e avere la risposta inviata direttamente alla catena principale per loro da utilizzare.

In termini pratici, gli utenti creeranno una transazione Plutus contenente le informazioni di richiesta dell’oracolo all’interno del loro Datum, e forniranno abbastanza ADA per coprire la tassa dell’oracolo. Grazie al fatto che sia l’oracolo Milkomeda, che la sidechain M1, utilizzano wADA come valuta di pagamento di base, questo fornisce un’esperienza senza soluzione di continuità per gli utenti, in quanto non sono tenuti ad acquistare un altro token per utilizzare l’oracolo.

Dopo aver creato la richiesta, il ponte sidechain di Milkomeda la sposterĂ  sulla sidechain M1, dove passerĂ  attraverso il livello dei contratti intelligenti avvolti, e poi la rete oracolo associata agirĂ  di conseguenza. Una volta che la rete oracolo produce i dati richiesti sulla sidechain M1, il livello wrapped smart contract li invia al ponte sidechain, che alla fine li restituisce alla mainchain Cardano.

Nella mainchain, viene creata una nuova UTxO che è bloccata sotto un contratto Plutus, che permette di consumare i dati dell’oracolo solo a chi li ha richiesti. Questo sarà personalizzabile per essere applicato attraverso la pubkey (firma), o attraverso il token (coin ID).

Il ponte sidechain fornirà anche automaticamente un servizio di timestamping per tutti i dati dell’oracolo, il che significa che qualsiasi output UTxO da Milkomeda Oracle sarà facile da usare sui protocolli DeFi. Poiché il punto dati avrà un timestamp come parte dei dati UTxO, sarà leggibile all’interno dei contratti Plutus, che consumeranno i dati dell’oracolo. Così, i contratti intelligenti possono misurare la “freschezza” dei dati dell’oracolo, consentire l’esecuzione o meno di determinate azioni in base all’età dei dati, e anche il codice fuori dalla catena può facilmente giudicare se un’altra richiesta deve essere inviata all’oracolo Milkomeda per ottenere un punto dati più aggiornato.

L’oracolo Milkomeda fornirà all’ecosistema Cardano l’opportunità di sfruttare il lavoro già fatto dalle reti di oracoli esistenti, mentre sfrutta i vantaggi della tecnologia sidechain così come Plutus stesso.

Finanziamento richiesto: USD 125.000

Il team dcSpark

L’azienda è stata fondata da Sebastien Guillemot, Nicolas Arqueros e Robert Kornacki.

Sebastien Guillemot

Dopo aver lavorato in Microsoft, è entrato in EMURGO (Consensys di Cardano) come VP of Engineering e Product Manager di Cardano, dove il suo team ha costruito prodotti che hanno raggiunto numeri di utenti attivi a 6 cifre, e ha guidato lo sviluppo di SDK utilizzati da grandi aziende come Coinbase.

Nicolas Arqueros

Ha esperienza sia nella fondazione che nel mentoring di molte startup di successo durante la sua carriera. In precedenza è stato il CTO di EMURGO (Cardano’s Consensys) ed è attualmente membro del Consiglio di Amministrazione della Cardano Foundation e Senior Investment Advisor presso SOSV.

Robert Kornacki

Ha iniziato come fellow al dLab (programma di accelerazione blockchain) e successivamente si è unito a Ergo Foundation come membro del consiglio di amministrazione, così come EMURGO (Cardano’s Consensys) come capo della ricerca, dove ha sviluppato modelli di progettazione e contratti intelligenti che gestiscono milioni di attività.

Recentemente si sono uniti a Nicolas Di Prima, come ingegnere capo e specialista di ingegneria crittografica, che ha lavorato sull’antenato di Yoroi: Icarus Wallet e il lavoro di successo sulla consegna della prima implementazione di Ouroboros Praos: Jörmungandr, il nodo che alimentava l’ITN. Più recentemente ha guidato l’intero sviluppo della piattaforma di voto Catalyst di Cardano.
Potete leggere la proposta del FUND6, su Catalyst.