🇮🇹 "Strategia della Fondazione Cardano 2021 | CF 5 luglio 2021 (parte 1 di 2)"

:it: trascrizione inglese di “The Cardano Foundation Strategy 2021”.

Pubblicato sul canale Youtube di CF il 5 luglio 2021


Benvenuti nella calda e soleggiata Svizzera, la casa della Cardano Foundation, oggi è un giorno speciale per me, oggi ho l’onore di parlare a voi, il pubblico, cari membri della comunità, cari costruttori, cari amanti di Cardano. Oggi parleremo di strategia, ma molto più che di strategia, parleremo anche di come implementiamo quella strategia, di come sarà la nostra tabella di marcia nei prossimi mesi e anni.

Per avere una struttura migliore per la prossima mezz’ora o giù di lì, vorrei presentare l’ordine del giorno, ci assicureremo di includere alcune belle indicazioni di tempo, così potrete andare avanti per la vostra strada riguardo a ciò che trovate più interessante. Nella prima parte parleremo di qual è la nostra missione, la seconda parte sarà su come si traduce in obiettivi a breve e lungo termine, poi parleremo di cosa significa da una prospettiva di implementazione della strategia, la nostra posizione nello spazio trinitario, i nostri principi strategici generali, come interagiamo con voi, la nostra amata comunità, e la nostra futura comunità, come miglioriamo il team per far accadere tutto questo, e ultimo ma non meno importante, dove andate se avete domande o commenti in futuro, dove andate se avete domande o commenti in futuro?

Potreste aver sentito la frase “il futuro è già qui”, ma semplicemente non è distribuito uniformemente. Ora veniamo all’era Goguen, e sono orgoglioso di dire che il futuro è già qui, abbiamo token nativi, è possibile per le aziende e gli individui costruire imprese, ottimizzare i modelli di business, sullo stack Cardano. Ora, la nostra missione, come Cardano Foundation, è che vogliamo scalare e fare in modo che Cardano diventi il sistema operativo finanziario e sociale del futuro per le generazioni a venire. Cosa significa veramente, significa che stiamo fornendo una guida, supervisione e monitoraggio per l’ecosistema dopo lo sviluppo iniziale.

Crediamo che Cardano sia davvero l’opzione migliore per garantire questa inclusività, che anche quei due miliardi di persone che non hanno accesso a questo tipo di tecnologia e infrastruttura, abbiano accesso a questo. Non è costruito per 10.000 o 100.000 persone, è davvero costruito per le masse. E l’inclusione è importante, quindi anche l’adozione e il percorso verso l’adozione sono importanti. Secondo, la legislazione e gli standard legislativi, c’è molta incertezza su cosa significa avere una blockchain decentralizzata senza permesso, cosa possiamo farci, dov’è la legislazione, dove sono gli standard, dove sono le condizioni di confine? Quindi queste sono alcune delle questioni che vogliamo approfondire molto.

Ma nulla accade senza la comunità, la comunità è ciò che ci spinge, è ciò che ci guida, è il motivo per cui lo stiamo facendo. Non si tratta solo di costruire una grande comunità, ma di avere una comunità d’impatto, che può farsi carico ancora e ancora e ancora con il passare del tempo della decentralizzazione, e guidare la nostra strada in avanti.

Con questo arriva anche la governance, e la responsabilità degli incumbent. In qualsiasi grande progetto decentralizzato, vediamo che c’è una progressione con la maturazione, iniziando con pochi cervelli, forse un’incorporazione, un giro di finanziamenti, e poi andando avanti. Non sappiamo esattamente come sarà il risultato finale dal punto di vista operativo. Ma lo vediamo negli occhi delle persone che incontriamo, vediamo il bisogno di cambiamento, il bisogno di cambiare lo status quo, verso un’infrastruttura molto più grande, dove tutti possono interagire, dove tutti possono parlare tra loro, e dove tutti possono riunirsi per decidere dei grandi problemi che abbiamo davanti e come risolverli. Per questo motivo, questa responsabilità e governance di testa diventa non solo una delle più grandi proposte di valore per noi, ma diventa anche il nostro percorso verso l’adozione e il percorso verso il successo. La Cardano Foundation guarderà a come aumentare la responsabilità degli incumbent, e ci assumeremo la responsabilità di molte delle cose che non possiamo ancora dare alla comunità. Ma state tranquilli che non è il nostro ruolo quello di prendere tutta la responsabilità ed essere un punto centralizzato in un grande ecosistema decentralizzato.

Ultimo ma non meno importante, le partnership. A volte si dice che non puoi viaggiare da solo, hai bisogno di partner, hai bisogno di persone, aziende, governi, organizzazioni, DAO che possono aiutare ad aumentare anche per quanto riguarda la Cardano Foundation, e su come portare questa incredibile tecnologia alle masse e come possiamo creare quell’impatto che vediamo davvero che il mondo sta desiderando.

Detto questo, ogni sforzo che facciamo deve essere scalabile, e quando dico scalabile va ben oltre “lanciamo una biblioteca, lanciamo un’app, o parliamo con un membro della comunità”, stiamo parlando di abbracciare la terra, il mondo, il sistema come lo conosciamo oggi. Abbiamo bisogno di adottare un approccio globale per far crescere l’ecosistema, non possiamo concentrarci solo su un caso d’uso, un paese, perché è estremamente di moda ora, dobbiamo includere e concentrarci su ciò che il protocollo Cardano risolve per l’intera società umana. Questo ci distingue dalle entità a scopo di lucro che si concentrano sullo sviluppo del marketing geografico, e ci distingue dalle aziende e dalle altre organizzazioni che si concentrano in modo molto stretto su un adattamento prodotto-mercato. Questo è un gioco di infrastruttura, un gioco di infrastruttura globale intorno a un miliardo di utenti sul protocollo Cardano.

Ma questo potrebbe sembrare ancora di alto livello, quindi proviamo a scendere un po’ lungo l’imbuto e vediamo cosa significa. Per essere un po’ più concreti, a breve termine faremo le seguenti cose. Prima di tutto, non solo, come avete visto con il lancio del registro Cardano, lo gestiremo come un prodotto, abbiamo già avuto un sacco di feedback molto buoni dalla comunità sull’adozione, le caratteristiche, ecc, quindi abbiamo intenzione di mettere risorse extra in questo e gestirlo come un prodotto, quindi va nell’era di Alonzo ma va anche oltre. Penso che uno dei blocchi chiave del protocollo Cardano è davvero la bellezza che emerge tra l’attività on-chain e off-chain, e questo è uno dei luoghi in cui il registro Cardano deve vivere, la parte off-chain con alcune fonti di dati, portandola on-chain, e ottenendo quell’esperienza utente tra Yoroi e Daedalus, e ciò che è on-chain, per esempio per gli NFT.

Vogliamo assicurarci di costruire e far funzionare un esploratore di blocchi, perché lo stiamo facendo, prima di tutto lo stiamo facendo per aumentare la comprensione tecnica all’interno della fondazione, assicurarci che i nostri ingegneri siano molto vicini al protocollo che è costruito da IOHK. Ma lo stiamo facendo anche perché stiamo vedendo che al momento c’è un gap di fiducia istituzionale nella blockchain. Ci sono molte aziende, di diverse dimensioni, che dicono "oh, se devo interagire con la blockchain, significa davvero che devo gestire un nodo, significa che devo avere 10 o 15 ingegneri blockchain, ecc. E se uso alcuni degli incredibili strumenti che voi, cara comunità, avete costruito, che mi dite della conformità, dell’integrità delle terze parti, come faccio a sapere che siete disponibili, come faccio a sapere che il codice è corretto, c’è un numero che posso chiamare? Quindi vediamo che c’è una lacuna intorno alla trasparenza della blockchain.

Vediamo anche che l’aumento della comprensione tecnica e dei cicli di feedback inizia sempre con la documentazione. Quando guardiamo le aziende e guardiamo un sacco di persone che vorrebbero usare la blockchain, si torna sempre a "come lo faremo, cosa faremo realmente, come scaleremo i nostri team, come possiamo leggere, come possiamo imparare? Quindi penso che questa parte qui non sia solo per la fondazione, e le strette vicinanze del nostro ecosistema, ma per un parco giochi molto più grande, su chi saranno i futuri utenti del protocollo Cardano.

Come ovvia conseguenza della creazione di questo è la creazione di un programma educativo. Non solo un programma educativo che si concentra sugli adorabili ingegneri e gli accademici che stanno effettivamente guardando il codice sorgente e la matematica di questo, ma anche per gli ingegneri delle soluzioni, che sono seduti in ambienti complessi, essendo stati nazionali, non-profit, imprese, guardando come possono ottimizzare l’architettura aziendale, per ottenere di più, per cambiare il modo in cui la cooperazione e la governance funzionano. Così questi ingegneri di soluzioni saranno accolti con un bel programma educativo, per assicurarsi che capiscano quando hanno effettivamente bisogno di usare la blockchain, dove è che Cardano ha un grande impatto, e come possono fare in modo, che nell’ambiente in cui si trovano, che possono utilizzare la nostra infrastruttura per creare un impatto maggiore all’interno dell’organizzazione in cui si trovano.

Molti di voi che ci seguono da un po’ hanno visto che abbiamo fatto crescere quello che si chiama il centro di eccellenza. Torneremo su questo tra un paio di diapositive. Ma per le integrazioni, i modelli di business e l’arte del possibile, la Fondazione Cardano potrebbe essere in grado di fare molto in termini di trasparenza, gestione della comunità e altre cose, ma abbiamo bisogno di mostrare l’arte del possibile. Cosa è possibile fare ora, in questa blockchain?

Lanceremo un portale per gli sviluppatori, più presto che tardi, direi una settimana o due settimane che avrete la versione beta là fuori, e lì troverete tutte le informazioni, inclusa la possibilità di parlare con noi e con altri sviluppatori, scoprire davvero cosa si può realizzare in Plutus, cos’altro facciamo, quali sono tutte queste cose, come si passa da Java a Plutus? Quindi sta arrivando, sarà vibrante, sarà fantastico. Come per qualsiasi cosa, quando iniziate a interagire con esso, probabilmente avete un paio di buone idee su come migliorarlo, quindi assicuratevi di mandarcele.

Poi costruendo l’organizzazione, siamo forti quanto lo è la squadra, e più forte è la squadra che possiamo avere intorno alla Cardano Foundation, più possiamo far crescere gli ambasciatori, gli operatori di stake pool, gli operatori di nodi, ecc, e più forte possiamo diventare per il prossimo livello di utenti del protocollo, persone che costruiscono dApps e applicazioni su di esso, e alla fine gli utenti finali, che effettivamente ottengono un effetto di un mondo abilitato alla blockchain.

In ciò rientra anche il nostro obiettivo di creare comitati consultivi, che ancora una volta, aumenteranno il ciclo di feedback, sia da un punto di vista normativo, industriale, non normativo, o di terze parti. Ma avere questi cicli di feedback organizzati e strutturati ci permetterà di mettere i riflettori nei posti giusti, e non dimentichiamo, divertirci con le cose giuste, per creare davvero quell’impatto, quella crescita, l’iterazione che vogliamo avere in un protocollo decentralizzato.

Ultimo ma non meno importante, il documento DCF, Charles lo ha menzionato molte volte, il meccanismo del consorzio di finanziamento decentralizzato, stiamo scrivendo un documento intorno a questo, su come potrebbero essere i futuri modelli di governance e di finanziamento nei progetti blockchain, guardando davvero indietro e pensando "cosa abbiamo imparato dalla nascita di Bitcoin, e cosa possiamo prendere da questi insegnamenti, e portarli non solo al nostro progetto, ma anche ad altri progetti, che potrebbero essere costruiti sopra la nostra infrastruttura, o potrebbe essere costruita sopra altre infrastrutture isolate.

Quindi questi sono gli otto punti su cui ci concentreremo molto concretamente nei prossimi 12-18 mesi, e stiamo cercando di fare molti progressi. Come potete vedere ci sono già alcune spunte, su quanto siamo lontani, ecc, spero che possiamo continuare ad aggiornarlo, anche dandovi più trasparenza su ciò che stiamo facendo su base giornaliera. Ora, questi obiettivi molto tecnici a breve termine saranno i mattoni per migliorare l’infrastruttura nella fondazione, per garantire che questo a lungo termine possa portare a obiettivi molto concreti a lungo termine.

Quindi quando guardiamo al 2022, non è solo importante, è vitale per il nostro ecosistema, che è costruito intorno alla valuta Ada, come un token di utilità, che ti permette di operare sulla nostra blockchain, che ovunque tu sia, sia che tu stia costruendo un modello di business, o che tu stia catturando il valore aziendale per ottimizzare le procedure aziendali, o che tu stia costruendo un token di valore, un NFT, o che tu sia un pescatore in Africa occidentale e tu stia costruendo un’identità, qualunque cosa sia, come ti integri con noi, è sempre collegato ad Ada. Ecco perché portare cinquanta banche diventa molto importante per noi. Dovrebbe essere in un modo che se hai un sacco di Ada, puoi sempre riportarlo alla valuta fiat locale, e puoi sempre passare da una valuta fiat locale ad Ada, ed eventualmente a qualsiasi token che puoi tenere usando la blockchain di Cardano. L’altra parte della nostra attenzione sulle banche ci permetterà, a valle, di spingere una delle industrie più regolamentate, ma anche una delle industrie più giuste per cambiare, ad aprire fondamentalmente gli occhi su ciò che possono fare, l’utilizzo a lungo termine dei contratti intelligenti e altre funzioni del protocollo Cardano, più la funzione di conformità che permetterà loro di prendere decisioni difficili sul fatto di avere la giusta verificabilità, i giusti strumenti, se hanno l’identità collegata all’account, tutte queste cose ci spingeranno ad avere il potere nei posti giusti, per risolvere quei problemi, per rendere Ada e altri token disponibili nei paesi in cui si vive e dove si potrebbe operare.

Vogliamo introdurre almeno tre librerie di supporto, strumenti e casi d’uso sorprendenti. Il portale degli sviluppatori, naturalmente, non è solo una cosa statica, sarà un luogo molto vivace e interattivo dove gli sviluppatori che arrivano non solo ricevono aiuto, ma anche idee e possono condividere idee. Vogliamo aumentare la qualità del voto e delle proposte su Catalyst, abbiamo visto che abbiamo già più di 200 mila utenti che stanno votando su Catalyst. Mi fermo un attimo, 200 mila elettori che stanno votando la tesoreria decentralizzata, questo è in effetti il più grande governo senza uno stato nazionale oggi, questo è già un traguardo sorprendente. Ma aumentare questo e aumentare la partecipazione significativa ci porterà ancora più lontano.

E ultimo ma non meno importante, aumentare l’interoperabilità per l’inclusione finanziaria, come portiamo alcune delle cose belle della DeFi in uno spazio regolamentato, come facciamo a colmare la parte che in alcuni paesi il denaro funziona con un operatore di rete mobile, ma non ancora su una blockchain, come ci assicuriamo che tutti quelli che vogliono possano interagire con il nostro progetto e le nostre applicazioni blockchain?

2023 e 2024, stiamo parlando di pubblicare almeno tre articoli e casi di studio su “come farlo”. Stiamo parlando di promuovere la crescita nelle direzioni del portafoglio, aumentando la diversità dell’attività della blockchain. Il modo in cui la pensiamo nella fondazione è davvero così. Più indirizzi di portafogli otteniamo, e più attività della blockchain otteniamo, è una contropartita per le banche. Quindi non vogliamo finire in una situazione in cui l’unico modo in cui si può interagire con una blockchain pubblica e senza permesso è attraverso un intermediario, quindi stiamo perdendo molta dell’innovazione che va in questa rete decentralizzata e distribuita. Quindi misurare l’attività blockchain e la diversità di questa, quindi essenzialmente quante aziende, individui e persone che stanno costruendo imprese sono disposte a metterle in blockchain in termini di diversi casi d’uso e diversi valori, questo diventa una delle principali pietre miliari della Cardano Foundation, ed è per questo, promuovere la crescita delle direzioni dei portafogli, che non abbiamo nessuno che opera solo in una configurazione attraverso un’istituzione, ma che abbiamo un buon mix tra il ponte sul vecchio mondo e l’essere nel nuovo mondo, dove molte cose diventano possibili, e come la regolamentazione cambia, ancora più cose in termini di innovazione diventano disponibili.