🇮🇹 "Presentazione della nostra nuova testnet peer-to-peer (P2P)"

:it: Traduzione italiana di “Introducing our new peer-to-peer (P2P) testnet - IOHK Blog”

Traduzione italiana a cura di Lordwotton di RIOT Stake Pools. Se apprezzi queste traduzioni, per favore valuta di supportare il mio lavoro delegando i tuoi ada a RIOT :pray: entra nel nostro gruppo Telegram


Presentazione della nostra nuova testnet peer-to-peer (P2P)

Stiamo lavorando con un piccolo gruppo di operatori di stake pool su una nuova testnet P2P per guidare ulteriormente la decentralizzazione della rete

img

Cardano continua a costruire slancio con più caratteristiche e capacità che vengono costantemente aggiunte alla blockchain. Come abbiamo recentemente riferito, stiamo ottimizzando la rete per aumentare il throughput in modo che più transazioni possano essere elaborate più velocemente, e le applicazioni decentralizzate (DApps) e i contratti intelligenti creati e utilizzati in modo più efficiente. Questa settimana, abbiamo dato il via a un’importante nuova iniziativa per sostenere il nostro impegno verso la piena decentralizzazione con il lancio di una nuova rete di test peer-to-peer (P2P).

Cardano assicura fiducia e sicurezza in un ambiente decentralizzato utilizzando il consenso proof-of-stake attraverso l’algoritmo Ouroboros. Al centro di questo ci sono circa 3.000 pool di stake gestiti da operatori (SPO) che gestiscono i nodi distribuiti che alimentano la rete. Chiaramente, in una rete decentralizzata e distribuita, ci deve essere una comunicazione affidabile tra questi nodi. Centrale per questo e vitale per la verifica delle attività della blockchain è la diffusione dei dati - il processo di condivisione delle informazioni sulle transazioni e la distribuzione dei blocchi. Questo permette anche all’algoritmo Ouroboros di prendere le sue “decisioni”.

Fino a poco tempo fa, i nodi di Cardano stabilivano le connessioni con i pari cercando un file che descriveva la configurazione statica della rete. Il sistema si basava anche su nodi istituiti da IOG che aiutavano a stabilire la connettività della rete (leggi di più sull’evoluzione della connettività della rete qui). Per aumentare la decentralizzazione e semplificare le comunicazioni tra i nodi, abbiamo stabilito una rete P2P. L’interazione diretta tra i pari semplifica la comunicazione tra le migliaia di nodi distribuiti che manterranno la rete senza fare affidamento su relay federati. Questo sarà fatto da componenti di rete P2P automatizzati. Automatizzare il processo di selezione dei peer ci avvicina ad una rete completamente decentralizzata e semplifica il processo di gestione di un relay o di un nodo produttore di blocchi.

Dai primi giorni della testnet incentivata da Shelley fino al programma di testnet di Alonzo, i rollout sostenuti dalla comunità sono stati centrali per il nostro approccio. Per espandere i test dei cambiamenti P2P, stiamo ora invitando alcuni operatori di pool a una testnet semi-pubblica. Undici operatori ci aiuteranno a testare i componenti P2P automatizzati prima di espandere il programma più ampiamente.

Cosa c’è di nuovo?

Il P2P è ancora una caratteristica sperimentale. Anche se farà parte delle future versioni, non la stiamo ancora integrando in tutto il nostro lavoro. Gli operatori del pool valuteranno l’ambiente configurando i loro nodi per l’interazione diretta tra loro. Le capacità P2P saranno incluse nel ramo master di cardano-node e nelle richieste di pull unite a 'ouroboros-network’ su GitHub.

La modalità P2P abiliterà il ‘churn’ per assicurare la promozione e la retrocessione dinamica dei peer. L’aggiornamento della configurazione della rete sarà anche più semplice per gli SPO perché i loro nodi non dovranno essere riavviati.

La testnet semi-pubblica migliorerà anche l’interfaccia Prometheus del nodo. Essa includerà le seguenti statistiche:

  • connessioni in uscita: warm (connessioni attive che non partecipano al consenso) e hot (connessioni attive che prendono parte al consenso)
  • connessioni in entrata: calde e calde
  • connessioni unidirezionali/duplex.

Cosa succederà dopo?

La valutazione delle connessioni di rete sulla testnet semi-pubblica ci aiuterà a raccogliere un prezioso feedback e a catturare problemi sconosciuti. Una volta che saremo soddisfatti, saremo pronti ad invitare tutti gli SPO a testare le comunicazioni dei nodi P2P sulla testnet pubblica. Questo segnerà l’implementazione di una politica intelligente per la selezione dei peer. Questa politica permetterà di definire le metriche finali da confrontare con l’impostazione precedente, non-P2P. La cosa più importante è che continueremo i test per verificare che tutti i componenti funzionino perfettamente sia isolatamente che in combinazione in una vasta gamma di condizioni di rete.

Segui i nostri aggiornamenti settimanali sullo sviluppo per saperne di più sullo sviluppo della rete P2P e controlla anche il repository della rete Ouroboros per gli ultimi aggiornamenti.

finalmente il p2p! :muscle:

1 Like