🇮🇹 "Come verrà lanciato Shelley"

:it: Traduzione italiana di:

Un ringraziamento speciale ai @Cardanians.io che hanno realizzato la versione inglese di questo articolo e le immagini relative

Come verrà lanciato Shelley

Charles Hoskinson ha creato un video su una lavagna bianca e ha spiegato il processo di sviluppo di Shelley. Diamoci un’occhiata.

Shelley

L’era di Byron è iniziata nel settembre 2017, quando è stata lanciata la rete Cardano e la gente ha potuto iniziare a inviare e ricevere le monete ADA. Byron funziona in un modello federato. Ciò significa che c’è una serie di nodi (NdT: 7 al momento) che sono responsabili della gestione della rete. Questi nodi appartengono alle tre entità dietro a Cardano: IOHK, Emurgo, Fondazione Cardano e sono responsabili della creazione di nuovi blocchi. Il modello federato è una disposizione statica di nodi e nessun altro dall’esterno può entrare nella rete. Si tratta quindi di un modello di rete piuttosto centralizzato.

Daedalus è un nodo completo (full node), ciò significa che scarica la storia completa delle transazioni che può essere verificata fin dalla sua origine: per questo Cardano è una cripto-valuta fin dall’inizio.

Il modello federato di Byron

Attualmente siamo a metà strada tra l’epoca di Byron e quella di Shelley. È tempo di uscire lentamente dall’era di Byron ed entrare pienamente nell’era di Shelley. A tal fine era necessario escogitare un processo che permettesse la transizione verso un’era Shelley completamente decentralizzata in modo sicuro e controllato e soprattuto che mantenesse l’intera storia della blockchain (NdT: questo punto è il più complicato da realizzare tecnicamente). Descriveremo quindi l’intero processo passo dopo passo.

Il tempo trascorso tra l’era Byron e l’era Shelley è stato necessario al team IOHK per sviluppare il protocollo di consenso della rete PoS di Ouroboros. Il primo protocollo della famiglia Ouroboros si basa sul consenso Byzantine Fault Tolerance, per cui si chiama OBFT (Ouroboros BFT). Si tratta di un consenso di rete decentralizzato e un nuovo nodo può unirsi alla rete in modo dinamico. Tuttavia, l’OBFT sarà utilizzato temporaneamente solo all’interno del modello federato. Oltre all’OBFT, è stato sviluppato Ouroboros Praos e questo algoritmo di consenso sarà utilizzato dagli operatori del pool nell’era Shelley.

Il protocollo Praos è stato testato all’interno di Shelley Incentivized Test-net (ITN). L’ITN è stato lanciato nel dicembre 2019 ed è un enorme successo con alcune centinaia di pool indipendenti che creano attivamente blocchi e oltre 12B di monete ADA in stake.

Come Shelley ITN sta utilizzando i nodi Rust.

Il passo successivo è già stato fatto sulla rete principale di Byron. Si è trattato di un riavvio Byron avvenuto nel marzo 2020. Il riavvio di Byron si è reso necessario per preparare un codice “ponte” per il passaggio all’era Shelley. Tutti i 7 nodi della rete principale ora usano il protocollo OBFT e sono ancora gestiti dalle tre entità Cardano. Il modello di rete dopo il riavvio di Byron è molto simile all’era Byron nella foto.

Riavvio di Byron. La rete principale utilizza OBFT.

Quello che succederà presto, dopo il riavvio di Byron, sono queste fasi: la fase di aggiornamento Shelley e la fase ibrida Shelley.

Da Byron a Shelley.

Oltre alla ITN e alla mainnet Byron aggiornata, ci sarà un’altra testnet parallela per verificare che il nodo Haskell funzioni come previsto. Il nodo Haskell contiene il protocollo di consenso Ouroboros Praos. Ci saranno alcune fasi all’interno della testnet di Haskell. Inizierà con una sorta di test Alpha e solo “amici e familiari” saranno invitati a partecipare. Le persone di IOHK testeranno il nodo Haskell insieme ad alcuni operatori selezionati di stake pool che hanno fatto un ottimo lavoro all’interno di ITN. Dovrebbe essere solo un breve periodo di tempo e lo scopo è quello di dare a questi operatori il tempo di imparare a far funzionare il nodo Haskell. In seguito potranno poi insegnare ad altri operatori e aiutarli nella configurazione.

Una volta che il primo piccolo gruppo di operatori ha testato il nodo Haskell, altri operatori potranno unirsi alla testnet. Gli operatori che hanno partecipato alla fase Alpha aiuteranno gli altri. Tutti gli operatori possono già iniziare con la preparazione della loro infrastruttura alla rete principale Shelley.

Seguirà una fase di controllo del bilancio. In questa fase, le storie della rete di prova di Byron e Shelley saranno consolidate. Saranno messi insieme i premi ITN e i bilanci della rete principale. Si noti che non c’è stata alcuna storia di Byron nella ITN. All’interno dell’ITN è stata utilizzata solo un’istantanea UTXO. Gli utenti avranno i loro premi ITN nei portafogli della rete principale dopo il consolidamento. Sarà effettivamente la fine del ciclo di vita dell’ITN che verrà chiusa (NdT: in realtà essendo la ITN una vera criptovaluta decentralizzata, non è possibile “chiuderla”, ma verranno solo eliminati gli incentivi. Vorrei far notare poi che il vantaggio di eseguire il balance check all’interno di una testnet permette di evitare qualsiasi problema, se fosse realizzato in mainnet eventuali problemi non sarebbero risolvibili)

Nella prossima fase di aggiornamento di Shelley, quando gli utenti vorranno scaricare il portafoglio Daedalus, troveranno la versione che utilizza l’infrastruttura Shelley. La parte più importante della fase sarà l’Hard-Fork. Una volta che l’hard-fork avrà effetto, non verrà più utilizzato il codice Byron. Significa che non verranno più creati blocchi Byron. Con l’hard-fork, lasceremo di fatto l’era Byron ed entriamo nella fase ibrida Shelley.

Nella fase ibrida Shelley, i blocchi saranno creati in modo ibrido. Ci saranno due gruppi di partecipanti. La federazione dei nodi in possesso delle entità Cardano e dei gestori indipendenti delle stake pool. Gli operatori dei pool potranno gestire le loro pool e le persone potranno delegare a loro le monete ADA.

La federazione dei nodi non riceverà alcuna ricompensa. Saranno ricompensati solo gli operatori del pool e gli stake-holders. Essi riceveranno il 100% delle monete ADA in palio per i rewards

Il parametro “d” determinerà quanti blocchi saranno creati dai nodi federati e quanti dai nodi dei gestori del pool. d Il parametro sarà impostato a 1 all’inizio e ciò significa che i nodi federati produrranno il 100% dei blocchi. Tale parametro sarà gradualmente decrementato (diminuito) verso 0 epoca per epcoa fino al punto in cui tutti i blocchi saranno prodotti dai nodi dei gestori del pool. Ciò garantisce che la transizione verso il pieno decentramento sarà un processo graduale, controllato e sicuro.

Non vi è alcun limite al numero di operatori del pool che possono partecipare. Tutti possono entrare dinamicamente nella rete. Gli operatori competeranno tra loro e cercheranno di attirare l’attenzione dei soggetti interessati che potranno delegare le loro monete ADA nei loro pool.

I nodi federati useranno il consenso della rete OBFT, mentre i nodi degli operatori del pool useranno il consenso di Ouroboros Praos. Si noti che stiamo parlando della vera e propria mainnet.

Nella foto qui sotto potete vedere come due gruppi saranno responsabili della creazione di blocchi.


Alla fine di questo processo, tutti i blocchi saranno prodotti da nodi gestiti da operatori di stake pool. Da notare che una volta che il parametro d sarà a 0 e la rete verrà considerata stabile, tale parametro verrà rimosso dal sistema per impedire che la blockchain sia in controllo dei 3 enti di Cardano

Una volta che il parametro d sarà impostato a 0 tutti i blocchi saranno prodotti solo dai nodi dei gestori del pool. I nodi delle entità Cardano non parteciperanno più al consenso della rete e verranno spenti. La velocità di questa transizione sarà regolata dalle variazioni apportate al parametro d e dipenderà dalla qualità della rete e dal tempo (meglio la rete funzionerà, minore durerà tale transizione). Alla fine, sarà come nella foto qui sotto.

La fase finale della transizione. Una rete completamente decentralizzata.

IOHK ha sviluppato un meccanismo speciale chiamato Hard-fork Combinator che permette di passare da un consenso all’altro molto facilmente. Si noti che la mainnet sarà in grado di vivere con un doppio sistema di consenso. Il meccanismo sarà utilizzato per gli altri futuri aggiornamenti della rete. Ci saranno vari aggiornamenti del consenso Ouroboros.

Come utente, dovrai solamente scaricare un nuovo portafoglio Daedalus che funziona sulla rete Shelley. I vecchi portafogli Daedalus di Byron non funzioneranno più. Sarà un processo semplice. Basta scaricare un nuovo portafoglio e sincronizzare la blockchain. Dopo di che, dovrete usare il vostro seed per recuperare il vostro portafoglio.

Fate sempre attenzione e scaricate il portafoglio solo da fonti ufficiali!

Poco dopo Shelley, la squadra sarà pronta a passare all’era di Goguen, che ci portrà gli smart contracts.

Restate sintonizzati su altri aggiornamenti. Ci saranno molte informazioni su tutti i passi.

Potete guardare il video della lavagna di Charles Hoskinson qua: https://www.youtube.com/watch?v=g7uySEgt06c

Traduzione a cura di LordWotton - *se questa traduzione ti è stata utile, considera l’opportunità di delegare i tuoi ADA alla mia nuova stakepool, con il ticker RIOT :slight_smile: