🇮🇹 Non manca molto al giorno D (=0)

Non manca molto al giorno D (=0)

Ci stiamo avvicinando velocemente alla completa decentralizzazione della produzione di blocchi su Cardano. È un buon momento per riflettere sulla continua evoluzione della nostra rete

Alla fine di marzo, raggiungeremo un’altra pietra miliare significativa per Cardano quando vedremo d, il parametro che governa la percentuale di transazioni elaborate dai nodi di genesi, arrivare a zero. A questo punto, la responsabilità per la generazione dei blocchi sarà completamente decentralizzata. In altre parole, la rete di oltre 1800 community pool di Cardano sarà l’unica responsabile della produzione dei blocchi.

Il giorno D=0 sarà un momento fondamentale nel proseguimento del viaggio di Cardano. Quando abbiamo rilasciato l’aggiornamento Shelley nel luglio 2020, d è stato impostato su un iniziale 1.0, il che significa che ogni blocco è stato prodotto dalla rete IOHK di nodi federati. Naturalmente, questa era l’antitesi della decentralizzazione, ma un approccio saggio (cioè, sicuro) per il breve termine, mentre la rete SPO (stake pool operator) era in funzione.

Prepararsi per il giorno D=0

Nel corso del tempo, abbiamo gradualmente ridotto d ad un valore di 0,02 per epoca (in altre parole un aumento del 2% nella produzione di blocchi della comunità ogni 5 giorni). Il giorno in cui questo blog viene pubblicato, siamo a d=0,12 con l’88% dei blocchi prodotti dalle pool della comunità e ora solo il 12% dai nodi federati.

In parole povere, quando d diminuisce, più blocchi vengono creati dalla comunità, e più SPO possono diventare produttori di blocchi. Mentre d scende, la diversità della rete e la distribuzione geografica si espande.

Il 31 marzo, al termine dell’epoca 257, d raggiungerà lo zero. Il “giorno D=0” sarà speciale perché anche se quel numero può essere piccolo, il suo significato è enorme. In questo contesto, quello zero annuncia il più importante indicatore esteriore della decentralizzazione, un simbolo parametrizzato che sostiene un principio fondamentale della nostra filosofia. D=0 spinge il potenziale al limite.

Mentre continuiamo la transizione verso la piena decentralizzazione, è anche un buon momento per fare riferimento agli altri parametri che governano la continua evoluzione della rete Cardano, e rivedere alcuni dei cambiamenti positivi che abbiamo già visto.

Il parametro d è solo uno degli oltre 20 che regolano il funzionamento e la salute della rete. Questo insieme di parametri sono “leve” chiave per gestire e dirigere il funzionamento efficace e naturale di un sistema decentralizzato di Proof of Stake.
La comunità alla fine guiderà l’evoluzione di Cardano attraverso le regole di governance di Voltaire, ma fino ad allora, è nostro compito gestire questo insieme di parametri. La nostra custodia richiede di fare aggiustamenti come richiesto per costruire e sostenere la salute della rete.

Perché il parametro k è speciale

A parte le considerazioni più tecniche, rimaniamo impegnati a sostenere gli SPO più piccoli, poiché crediamo che questa filosofia si allinei con il nostro obiettivo a lungo termine di creare l’ecosistema più decentralizzato ed economicamente sostenibile degli stake pool. Questo si riflette ulteriormente nel nostro approccio di delega che per tutto il 2021, sarà mirato a sostenere la diversità degli SPO.

L’anno scorso, abbiamo fatto il primo aggiustamento significativo ai parametri di rete quando abbiamo spostato k da 150 a k=500 (il che significa un sistema ottimizzato al lancio per 150 pool che producono blocchi, anche se altre pool produrranno blocchi). Questo è avvenuto dopo un ampio dibattito, sia all’interno di IOHK e della Fondazione Cardano che con la più ampia comunità SPO.

Il passaggio a k=500 è stata una decisione equilibrata basata sulla necessità di creare l’opportunità per più pool di produrre blocchi (incoraggiando il flusso di stake dalle pool sature alle nuove pool), sostenendo allo stesso tempo gli SPO che già creano blocchi, e minimizzando l’interruzione per i loro deleganti. Nel complesso, si è dimostrato un successo - scaviamo un po’ più a fondo.

Il passaggio a K=500

Prima dell’annuncio del cambio di k, il 54,6% di tutti gli ada delegati era rappresentato dai dieci SPO più grandi e il 45,4% degli ada rappresentati da SPO più piccoli. Dopo il cambiamento a k=500, questi numeri si sono invertiti: il 55,9% dell’ada è ora rappresentato da pool alternative alle dieci più grandi.

Questo è stato un incredibile cambiamento direttamente collegato al mutamento del k.

È un ottimo inizio, ma il nostro obiettivo è quello di continuare a ottimizzare ed evolvere la rete. Così abbiamo osservato ciò che è successo, raccolto feedback, e incorporato tutto ciò che abbiamo imparato per fare il prossimo round di modifiche.

Una delle cose che spiccava nella nostra analisi era che molte pool si sono divise in diverse pool più piccole pur mantenendo una quantità simile di influenza (la quantità di ada puntata che esse rappresentano per una data quantità di pledge). pool che avevano già un alto leverage erano le pool con meno disincentivi a dividere ulteriormente il loro pegno tra più pool. Il pegno ha più valore quanto più ne hai. Ma è vero anche il contrario - meno ne hai, meno ragioni hai per tenerlo insieme.

Mentre c’è un costo associato alla gestione di una piccola pool, e dato l’attuale apprezzamento del valore di ada, crediamo che l’incentivo finanziario per dividere il pledge sia ancora più forte ora. Aumentare k - per esempio a k=1000 - senza affrontare prima questo, non porterebbe ad un ecosistema più distribuito e diversificato che, per essere chiari, è l’obiettivo. Vedremo semplicemente molti degli stessi operatori gestire il doppio delle pool.

Cambiare il pledge

Il parametro a0 premia gli SPO che concentrano il loro impegno in un piccolo numero di pool. Questo è stato efficace nell’incoraggiare le pool con alti livelli di pledge ada a consolidarli in grandi pool private (come facciamo noi di IOHK) e quindi dare agli SPO più piccoli maggiori opportunità di attrarre deleghe.

Tuttavia, crediamo che l’attuale sistema può essere migliorato, così per qualche tempo, abbiamo discusso e modellato un certo numero di opzioni per rendere il pledge più efficace per affrontare la divisione delle pool per i livelli di impegno più bassi.

L’attuale struttura della formula delle ricompense non ci dà la flessibilità di modificare l’impatto con un semplice cambio di parametri; dovremo modificare la formula delle ricompense, cosa a cui il nostro team di ricerca sta lavorando attivamente da un po’ di tempo.

Diversi candidati promettenti sono emersi da questo processo di valutazione. Vorremmo a questo punto riconoscere il prezioso lavoro del collaboratore della comunità Shawn McMurdo nel suo Curve Pledge Benefit CIP per aver aiutato a sviluppare il pensiero in quest’area.

Il nostro team di ricerca è nelle ultime fasi di finalizzazione di un approccio. Presto presenteranno i loro risultati e allora aggiorneremo ulteriormente la comunità. Tuttavia, il team ha concluso che a0 dovrebbe cambiare. Crediamo che questo cambiamento porterà grandi benefici alla rete, rendendo il sistema più sostenibile, ampiamente distribuito e globalmente diversificato. Aumenterà anche i guadagni di tutti le pool pubblici (cioè quelli che non sono già completamente “saturi” di pledge).

Sebbene sia stata una questione di considerevole discussione interna, abbiamo anche concluso che qualsiasi modifica di k dovrebbe venire dopo aver cambiato la formula di a0 per ottenere i risultati desiderati (in particolare incoraggiando le partecipazioni a fluire in pool singole più piccole piuttosto che in pool divise). Poiché si tratta di una modifica completa della formula, e non più di un semplice cambiamento del confine epocale, deve essere rilasciato come parte di un hard fork. Date le nostre pipeline di prodotti e l’attuale attenzione del team nel continuare il rollout di Goguen e le date disponibili, guardiamo di fare questo cambiamento di nuovo in un periodo di tempo Q3.

Altre Considerazioni

Devono essere considerati anche altri fattori importanti. Il principale tra questi è la disponibilità della delega multi-pool, per consentire ai titolari di ada di distribuire facilmente la loro quota su un certo numero dle pool da un singolo portafoglio. Questo richiede un significativo lavoro di backend da parte del team di sviluppo principale, insieme a una nuova implementazione dell’interfaccia utente e aggiustamenti delle regole di business. Vorremmo anche - se possibile - offrire migliori opzioni di pledging per gli SPO di Daedalus in tempi simili (attualmente disponibili solo tramite CLI o AdaLite), il che significa ulteriore lavoro di sviluppo da parte dei team interni e degli stakeholder esterni a Ledger e Trezor.

Continueremo anche a ricercare altri parametri come le commissioni minime (implementate per prevenire una “corsa al ribasso”, ma sbilanciate contro le pool più piccole), mentre continuiamo il benchmarking e l’ottimizzazione delle prestazioni dei nodi man mano che le funzionalità dei contratti intelligenti si sviluppano. La nostra responsabilità e il nostro impegno rimane quello di raggiungere un delicato equilibrio tra la stabilità, la scalabilità e la salute generale della rete con un fiorente ecosistema di operatori delle pool e delegatori.

Evolvere verso il futuro

Mentre continuiamo ad evolverci e a promuovere la salute continua dell’ecosistema della rete e delle stake pool, continuiamo a monitorare e ricercare altri parametri e valori importanti. Questo lavoro considera sia gli approcci tattici che quelli più strategici che potremmo adottare.

Con l’aumento del prezzo dell’ada, l’implementazione dei token nativi e l’anticipazione dei contratti intelligenti, continuiamo anche a valutare e rivedere la struttura delle commissioni di Cardano. Per esempio, sulla base del feedback della comunità, stiamo considerando l’approccio tattico di abbassare immediatamente alcune commissioni. La quota fissa minima di 340 ada per le pool di quote è un forte candidato per il cambiamento; anche le commissioni per le transazioni di rete e i depositi per i contratti intelligenti sono in discussione.

I nostri ricercatori e analisti interni stanno anche lavorando con un gruppo esterno di consulenza economica per formalizzare un approccio di ottimizzazione che assicuri che le tariffe rimangano stabili e prevedibili a lungo termine. I risultati di questa revisione proporranno un modello di governance con un chiaro mandato su quando e come le commissioni dovrebbero essere determinate in futuro, mentre continuiamo ad evolvere, ottimizzare e scalare la nostra rete. Ci assicureremo di tenere la comunità informata e coinvolta man mano che il nostro pensiero si sviluppa.

Vorrei ringraziare e ringraziare Francisco Landino, Lars Brünjes, Aikaterini-Panagiota Stouka, Aggelos Kiayias e Tim Harrison per l'ulteriore contributo a questo articolo e il feedback durante questo periodo di valutazione.

Traduzione da articolo IOHK

10 Likes

Grazie! Grande chiarezza nella spiegazione, del tutto comprensibile anche ad un neofita come me!

1 Like

Vorrei ringraziare tutta la comunità Italiana di Cardano per il contributo a diffondere maggiore conoscenza sul tema. Ringrazio anche i creatori di Pooltool.io e la lodevole iniziativa Cardano One Love. Cardano non è solo denaro, c’è anche molto cuore!

1 Like

Cardano One Love!

È stato uno dei progetti che mi ha più interessato da quando mi son approcciato al mondo crypto…
Adesso finalmente un altro grande obiettivo sta x essere raggiunto… 31 marzo, Cardano day 0!! Avanti tutta!!

1 Like

Cardano One Love

È stata la mia prima crypto, e tutt’ora rimane quella che mi sta dando più soddisfazioni! One truly love❤️

Cardano One Love

Ottimo post e ottima spiegazione…

1 Like

Cardano One Love

Aldilà di tutto l’hype, le partnerships, gli sviluppi tecnologici, il raggiungimento di d=0 è forse l’aspetto più importante ed è quello che ci unisce in questo viaggio verso un mondo migliore. Grazie a tutti i membri della community

1 Like

Mi sono avvicinato da poco al mondo blockchain ed a Cardano in particolare, e trovo che siano enormi le potenzialità di un sistema basato sulla condivisione delle conoscenze e l’entusiasmo di persone che credono in un futuro diverso e più giusto.
Cardano one Love

1 Like

In alto i cuori con CARDANO :smiling_face_with_three_hearts:

Cardano One Love

1 Like