🇮🇹 "Aggiornamento Vasil - lo stato dei lavori"

:it: Traduzione italiana di “Vasil upgrade - the state of play - IOHK Blog”

Traduzione italiana a cura di Lordwotton di RIOT Stake Pools. Se apprezzi queste traduzioni, per favore valuta di supportare il mio lavoro delegando i tuoi ada a RIOT :pray: entra nel nostro gruppo Telegram


Aggiornamento Vasil - lo stato dei lavori

Ci siamo quasi, ma manca ancora un po’. Ecco un aggiornamento sui progressi verso l’aggiornamento di Vasil

img

Venerdì scorso, il team Input Output Global (IOG) che lavora per l’aggiornamento di Vasil ha tenuto la consueta riunione di valutazione di fine settimana. Oggi (lunedì 20 giugno) era la data ultima in cui avremmo potuto effettuare un aggiornamento della testnet di Cardano prima del prossimo limite dell’epoca, quindi abbiamo deciso di rivalutare l’ultimo stato oggi pomeriggio, tenendo conto del lavoro svolto dai nostri ingegneri durante il fine settimana.

Il team di ingegneri IOG è estremamente vicino alla conclusione del lavoro di base, con solo sette bug ancora in sospeso per completare il lavoro dell’hard fork, e nessuno attualmente classificato come “grave”. Dopo alcune considerazioni, abbiamo deciso di NON inviare la proposta di aggiornamento dell’hard fork alla testnet oggi per avere più tempo per i test.

Ad oggi, siamo riusciti a completare la maggior parte (circa il 95%) degli script di test di Plutus V2. Tuttavia, abbiamo ancora alcuni elementi in sospeso che dobbiamo eseguire per confermare che tutto funzioni come previsto. Abbiamo stabilito che avremo bisogno di qualche giorno in più per questo. Questo ci pone in ritardo rispetto alla data precedentemente comunicata del 29 giugno per l’hard fork della mainnet.

Dall’inizio di giugno, abbiamo eseguito con successo una prima build del nuovo nodo (che include il pipelining di diffusione e i nuovi CIP di Plutus v2, oltre ad altri miglioramenti) come testnet di sviluppatori Vasil semi-pubblica (Devnet). Ora abbiamo circa 35 sviluppatori provenienti da 27 progetti che stanno testando le loro DApp e contribuiscono a identificare eventuali problemi, insieme a 16 operatori di stake pool (SPO) che supportano. Stiamo anche lavorando a stretto contatto con alcuni dei principali fornitori di strumenti/API, tra cui Blockfrost, la libreria di serializzazione Cardano (EMURGO) e la libreria multipiattaforma Cardano (dcSpark). Vogliamo sottolineare il lavoro di Mlabs e Dquadrant in particolare per aver fornito un grande supporto durante tutto il processo. Questa fase di testnet degli sviluppatori ci mette in una buona posizione per quanto riguarda la compatibilità e la funzionalità del codice di Plutus. Questo prezioso lavoro continuerà su questa testnet di sviluppo nelle prossime settimane.

Il lavoro su Vasil è stato il programma di sviluppo e integrazione più complesso finora, da diversi punti di vista. È un processo impegnativo che richiede non solo un lavoro significativo da parte dei team principali, ma anche uno stretto coordinamento in tutto l’ecosistema.

La decisione finale di effettuare l’hard fork della Cardano Testnet sarà presa - in consultazione con i membri della comunità di sviluppo SPO e DApp - sulla base di 3 criteri chiave:

  1. Nessun problema critico in sospeso sul nodo (compresi ledger, CLI, consenso, ecc.) o sulla nostra funzione di audit interno,
  2. l’analisi di benchmarking e delle prestazioni e dei costi è accettabile, e
  3. La comunità (compresi gli exchange e i progetti DApp) è stata adeguatamente informata e ha avuto tempo sufficiente per prepararsi all’evento hard fork combinator.

Il progetto continua a seguire un buon andamento rispetto a questi criteri. Una volta che saremo in grado di spuntare comodamente e con sicurezza tutte queste caselle, potremo procedere con l’hard fork della testnet di Cardano, segnando il conto alla rovescia finale per l’hard fork della mainnet. Il team di integrazione della Cardano Foundation guida questo processo e di solito punta a dare agli exchange 4 settimane per completare le proprie integrazioni/aggiornamenti. In questo caso si tende a seguire il principio di Pareto: l’obiettivo è quello di raggiungere l’80% di conformità degli exchange (in termini di liquidità) prima dell’hard fork della mainnet, riducendo così al minimo i disagi per gli utenti e riconoscendo che i diversi exchange possono lavorare con tempistiche diverse.

Oggi la IOG e la Cardano Foundation hanno concordato una nuova data per l’hard fork della testnet: la fine di giugno. Una volta completata, concederemo quattro settimane agli exchange e agli SPO per svolgere il lavoro di integrazione e di test richiesto. Questo è ragionevole e non deve essere affrettato. L’ipotesi di lavoro è quindi che l’hard fork della mainnet di Cardano avvenga nell’ultima settimana di luglio.

Siamo consapevoli che questa notizia sarà deludente per alcuni. Tuttavia, stiamo adottando un’abbondanza di cautela per garantire che questa distribuzione avvenga correttamente.

Come abbiamo sempre comunicato, e come la maggior parte della comunità riconosce, nello sviluppo di un software non esistono scadenze assolute. La qualità e la sicurezza devono rimanere al primo posto. Se è necessario più tempo per mettere a punto il codice di base e garantire che tutti gli attori dell’ecosistema (SPO, progetti DApp, strumenti, exchange, ecc.) siano pienamente a loro agio, così sia. Dare più tempo al processo è l’unica cosa responsabile da fare.

I team di IOG e Cardano Foundation continueranno a lavorare a stretto contatto con la comunità di sviluppatori e gli exchange mentre ci avviciniamo all’hardfork di Vasil sulla mainnet. E per mantenere gli aggiornamenti alla comunità. Grazie a tutti voi per il vostro sostegno.