🇮🇹 "Approfondimento su FTX e l'industria | CH 11 nov 2022 "

:it: Trascrizione in italiano di “More on FTX and the Industry”.

Postato sul canale Youtube di Charles Hoskinson il 11 novembre 2022


Salve, sono Charles Hoskinson, in diretta dal caldo e soleggiato Colorado, sempre caldo, sempre soleggiato, a volte Colorado. Oggi è l’11 novembre, il Giorno dei Veterani, l’11/11, un giorno molto speciale, un giorno che significa molto per il mio team, molto per me, e ho deciso di fare un video prima di tornare a casa per parlare un po’ del settore e anche delle questioni FTX. Come molti sanno, FTX è crollata, ha dichiarato bancarotta e non sarà in grado di onorare i propri obblighi. È passata da un impero delle criptovalute, che comprendeva Solana e Polygon, Messari e tutto il resto, a una minaccia esistenziale per la stabilità dell’ecosistema delle criptovalute, in circa 48 ore. Ora, a posteriori, si sono notati enormi segnali di allarme, dal talento di FTX, alla governance della società, alla strategia fiscale seguita, al modo in cui hanno investito il loro denaro, a come hanno scelto di impiegarlo, le affermazioni fatte, a ben guardare, non sembrano così solide. Questo è ciò che generalmente accade quando ci sono aziende regolamentate che occupano una posizione di fiducia, guidate da persone giovani e inesperte. Va bene che ci siano giovani imprenditori, va bene che persone senza esperienza abbiano grandi visioni e sogni e che li perseguano. La prima cosa che succede quando sei un giovane imprenditore, perché io sono ancora giovane, ero molto giovane quando sono entrato in questo settore, è che una volta che ti danno i soldi, devi mettere insieme un team di persone diverse, farle lavorare con te per costruire qualcosa di grande. Se si guarda all’IO, il mio direttore finanziario ha oltre 35 anni di esperienza a Wall Street, è stato capo del trading alla Mizzou, è personalmente responsabile di centinaia di miliardi di dollari di varie materie prime e di altre cose nel suo trading desk e nelle istituzioni finanziarie regolamentate in cui è stato, è un uomo molto esperto. Consulente generale, è un JD MBA, senior partner di uno studio legale, quando l’abbiamo assunto ha frequentato Wharton, un sacco di posti, ha fatto l’offerta overstock per le criptovalute, ha fatto un sacco di cose, è uno degli esperti del settore nel fondere il diritto tradizionale e le criptovalute, così come l’intersezione normativa. All’interno della nostra cerchia abbiamo consulenti, interni ed esterni, persone che hanno un’esperienza di una vita in materia di strategia, marketing, operazioni e tutto il resto, che sono stati responsabili di miliardi di dollari. Non siamo un’azienda regolamentata, ma solo uno sviluppatore di protocolli di criptovaluta. Se si guarda a cose come una borsa valori, o un trading desk, o qualcosa in cui si ha una responsabilità fiduciaria per il denaro di altre persone, è assiomatico, è la prima cosa che si fa come imprenditore.

Ora, l’assenza di questo non significa necessariamente che si fallirà o non si riuscirà a sopravvivere, si può certamente trovare un modo per aggirarlo, ma è sicuramente vero, in media, che se si ha bisogno di un intervento chirurgico, è probabilmente una buona idea andare da un chirurgo, piuttosto che da qualcuno che è in vacanza. Troppe cose sono successe nel settore, se guardiamo a Celsius, Mount Gox, alle persone qualificate o alla loro mancanza, guardiamo a tutte queste istituzioni che sono fallite. In generale, a ben guardare, si tratta di un problema di procedure e di processi umani, oltre che di un’idea commerciale sbagliata. Gli standard, la regolamentazione e la supervisione tendono ad aiutare dal punto di vista della costrizione, sia attraverso un potere morbido, come gli OAD, le affiliazioni, sia attraverso un potere duro, attraverso una regolamentazione esplicita, per arrivare almeno a una dichiarazione di sicurezza. È importante sottolineare che non si trattava di un’attività non regolamentata; si è discusso molto su come le criptovalute dovrebbero reagire, basti pensare alle criptovalute non regolamentate. Questo è francamente il fallimento di un’attività centralizzata, Bitcoin non è stato violato, Ethereum non è stato violato, Cardano non è stato violato, nessuna delle grandi catene è stata violata, le criptovalute non sono fallite, sono fallite le persone, le persone in una posizione di fiducia. In fin dei conti, per quanto ci piaccia credere nei principi delle criptovalute, si tratta di persone che mettono il loro denaro in exchange centralizzati e di organizzazioni che si fidano di aziende centralizzate che fanno qualcosa per loro conto. È proprio questa l’istituzione di cui stiamo cercando di liberarci con lo spazio delle criptovalute. Purtroppo ora sarà confuso e c’è un’alta probabilità che il risultato di questo sia una nuova legislazione, speriamo decente, ma c’è un’alta possibilità che non lo sia. Come membri di questo settore, dovremo semplicemente conviverci, dovremo trovare il modo di integrarci e di affrontarlo, ma questa purtroppo è la conseguenza quando ci sono persone che non sanno cosa stanno facendo, che entrano in una posizione di potere e di fiducia e creano danni a cascata e catastrofici. Questa è solo la punta dell’iceberg, se si considerano i rapporti finanziari che FTX aveva, scorrendo l’elenco, si potrebbero creare cascate di insolvenze. Sfortunatamente in criptovaluta non si ottengono salvataggi, ma i nostri concorrenti sì, ci convivono ogni giorno, stanno già chiamando le loro società e i governi per chiedere “quanto grande assegno possiamo ottenere”, in criptovaluta non lo otteniamo, otteniamo solo il privilegio di ripulire il casino, e di essere addebitati per questo, dovendo affrontare il risultato finanziario da soli.

Credo che questo non ucciderà le criptovalute, credo che il nostro settore sarà molto più forte in futuro e credo che i nostri giorni migliori siano ancora davanti a noi. Detto questo, credo che a differenza di Mount Gox, di Celsius, di Luna e di altri eventi passati, FTX abbia la proprietà unica di essere la goccia che fa traboccare il vaso e di cambiare, almeno nel breve e medio termine, il modo in cui le criptovalute funzionano in America, in particolare di cambiare l’appetito che i legislatori hanno per l’industria di avere un mandato per la libertà di crescita. Potremmo vedere un mondo in cui i portafogli non custoditi non sono più ammessi negli Stati Uniti, potremmo vedere un mondo in cui ogni criptovaluta, ad eccezione del Bitcoin, viene etichettata come un titolo, costretta a rispettare regolamenti onerosi che le priveranno di liquidità e non forniranno alcuna protezione ai consumatori o agli investitori. Se pensate che sia così, vi ricordo che molti titoli tecnologici sono scesi del 90% quest’anno. E vi ricordo che Bernie Madoff gestiva un’entità regolamentata, quindi non credete nemmeno per un momento che un’ulteriore regolamentazione, se applicata alla cieca, risolverà un particolare problema del settore, ma ora è una possibilità.

È anche possibile che si assista a un massiccio consolidamento dell’infrastruttura regolamentata di questo settore, che passerebbe nelle mani di pochi operatori, i quali formerebbero un’oligarchia che non è possibile eliminare e che sostanzialmente porrebbe fine ai mercati americani delle criptovalute di cui godevamo. Ora, non sto dicendo che questo accadrà, sto dicendo che questo tipo di cose che accadono ora sono più grandi come risultato diretto del fallimento di FTX. Il motivo è che, a differenza di Celsius e Luna, i principi di FTX avevano un rapporto diretto con molti politici di Washington DC. Su Twitter avrete già notato che ci sono molte immagini di politici, per lo più di sinistra, ma anche di destra, e Sam Bankman, e le sue coorti, hanno versato milioni di dollari nelle elezioni, influenzando, facendo lobbying, per cercare di spingere una legislazione specifica. Ciò significa che ora ci sono molti politici che non vogliono avere questo rapporto, e di conseguenza probabilmente cercheremo di allinearci, diventando inutilmente duri con le criptovalute, come reazione prevedibile. Ecco perché gli aghi si sono spostati così tanto, oltre alle perdite dei consumatori che si verificheranno, alle perdite istituzionali che si verificheranno e alla potenziale serie di fallimenti a cascata che possono verificarsi.

Questa industria non sembra aver imparato la lezione, i podcast youtuber che hanno deriso Cardano, che parlano di quanto siamo stupidi, di quanto sia piccolo il nostro TVL, questo genere di cose, continuano a essere arroganti e capricciosi, continuano a dare consigli da olio di serpente, continuano a consigliare alle persone di buttare grandi somme di denaro, in programmi e progetti completamente non verificati, è quello che è, spero che il pubblico si svegli e si renda conto che forse i loro consigli sono stati terribilmente cattivi, quest’anno, l’anno scorso, ecc. Si continua a finanziare un numero maggiore di progetti, senza una grande due diligence, ed è molto chiaro che i venture capitalist continuano a essere molto desiderosi di partecipare a queste attività. Credo che uno degli investitori in FTX fosse Sequoia, che dovrebbe essere uno dei venture capitalist più intelligenti dell’intero settore, e che ha subito una perdita significativa per il tempo trascorso in FTX. Anche le celebrità sono state colpite: Tom Brady, Gisele Bundchen, per esempio, hanno investito una quantità considerevole di denaro in FTX, così come altri, che senza dubbio ora non sono più protetti e potrebbero sfruttare le loro considerevoli reti per attaccare e criticare l’industria. A che punto l’industria si alzerà in piedi e dirà “ne abbiamo abbastanza, le cose devono cambiare e dobbiamo pensare a un nuovo modo di procedere”?

Da parte nostra, la missione non cambia, l’obiettivo non cambia, perché questo è ciò che pensiamo che tutti dovrebbero fare. Il 18, tra soli sette giorni, sarò in Scozia, dove annunceremo l’indice di decentralizzazione di Edimburgo per iniziare a misurare la decentralizzazione delle criptovalute. Raccomandiamo che vengano stabilite le migliori pratiche per il funzionamento degli exchange e che le persone le seguano, raccomandiamo anche a noi della DeFi di essere molto più onesti su ciò che si può fare e ciò che non si può fare, come industria, iniziando a riunirci su standard di base, standard di sicurezza per gli smart contract e alcuni standard di funzionalità etica, spero che le persone inizino a essere più sagge. Spero anche che la gente capisca che nella vita nulla è gratis, non si possono ottenere ritorni massicci, enormi, devono venire da qualcuno. Non molto tempo fa, l’anno scorso, ho criticato il grande Doge’s surge, non perché abbia qualcosa contro i fondatori di quel progetto o le persone che vi partecipano, ma perché incarna perfettamente l’atteggiamento del “get-rich-quick”. Tutte le persone che ho incontrato e che hanno acquistato criptovalute lo hanno fatto perché credevano erroneamente di poter raddoppiare, triplicare, quadruplicare il loro denaro nel giro di pochi giorni, settimane o mesi. E la stragrande maggioranza di loro l’ha persa. Questa è una mentalità che porterà alla fine dello spazio delle criptovalute se verrà mantenuta e conservata. L’obiettivo è sempre stato quello di concentrarsi, dal nostro lato della barricata, sull’utilità, sull’adozione e sul fatto che questo è davvero un settore che può trasformare e cambiare radicalmente le cose. Non c’è altro modo, se siete feriti in posti come il Congo o il Burundi, o se state sciando ad Aspen e vivete in Canada, di trasmettere facilmente le vostre cartelle cliniche mentre siete incoscienti ai medici, in modo che possano prendersi cura di voi sul posto. Blockchain ha risolto questo problema. Non c’è altro modo per poter ricostruire tutte le catene di fornitura globali, dato che ci sono così tante nazioni, leggi e un’impronta così grande, per rispettare i mandati ESG che vengono contrattati dagli Stati nazionali. Senza la tecnologia blockchain e le criptovalute non potremo mai arrivare a un punto in cui ogni persona sia registrata in banca, abbia un’identità di cui sia proprietaria e possa spostarsi facilmente da un sistema finanziario all’altro. E non si possono separare le due cose, se si hanno blockchain senza criptovalute, si hanno aziende, grandi multinazionali come Microsoft, Apple, Google, e organismi transnazionali come la BRI. Non ho firmato per costruire la prossima linea di prodotti Apple, possono farlo da soli, ho firmato per costruire protocolli che diano a tutti libertà e libertà, rimuovere il token dalla tecnologia blockchain è funzionalmente dare a chi ha già i mezzi per continuare ad averli, invece di fare qualcosa di diverso. Economie protocollari, economie basate sulle risorse, questa idea di combinare le due cose, dando a tutti la libertà, se fatta nel modo giusto. Il problema è che molte persone in questo settore sembrano essere patologicamente dipendenti dall’approfittare della fiducia delle persone, per un futuro migliore, o per il desiderio di un futuro migliore, in cambio di una rapida uscita. FTX ne è solo un altro esempio, ho sentito voci non confermate che hanno usato i fondi dei clienti per le loro imprese, il che non è meglio di ciò che ha fatto Bernie Madoff. Vedremo, quando i contabili forensi e gli investigatori governativi cominceranno a smontare l’eredità di quell’organizzazione, capiremo molto rapidamente quanto è stata cattiva e cosa hanno fatto.

Questo dovrebbe dimostrare la necessità delle criptovalute, non abbiamo bisogno di più leader, non abbiamo bisogno di più aziende, non abbiamo bisogno di una migliore regolamentazione, abbiamo bisogno di cambiare il modo in cui funziona il gioco, perché gli esseri umani, alla fine dell’arcobaleno sono terribili in posizioni di fiducia, essendo in grado di mantenere la virtù. Non importa chi sia, alla fine, in qualche modo, in qualche modo, in qualche modo, attraverso qualche meccanismo, che si tratti di denaro, di preoccupazioni ideologiche, di una sorta di lista nera, o di essere compromesso, o semplicemente del proprio ego, in qualche modo, in qualche modo, diventerà un agente del male piuttosto che del bene. Quindi dobbiamo riporre la nostra fiducia in cose che non possono cambiare e, poiché la legge naturale non governa i sistemi sociali, abbiamo bisogno della tecnologia blockchain per imporla, dobbiamo avere una legge fisica artificiale della fisica sociale, la blockchain, che ci aiuti. È per questo che mi sono iscritto a questo settore, è per questo che sono qui, non perché ogni blocco sulla blockchain sia fatto, la conformità, non perché tutto sia autorizzato, non perché tutti debbano passare attraverso il KYC per fare qualcosa. Questo è il sogno di qualcun altro, è più in linea con le persone che vogliono darti da mangiare insetti e dire che non dovresti possedere nulla. Ho firmato per dare alle persone la libertà, e il nostro settore deve concentrarsi su questo, deve essere il punto, deve essere ciò che facciamo, il motivo per cui perseguiamo ciò che perseguiamo. E se non siete allineati con questo, va bene. Ma vorrei che vi prendeste un momento e rifletteste a fondo sul perché perseguite le cose che perseguite nella vita, su quale sia lo scopo di tutto ciò, essendo io stesso una persona molto ricca, posso assicurarvi che se mai raggiungerete la ricchezza mistica che cercate, in realtà non cambierà materialmente la vostra felicità, non renderà la vostra vita molto migliore, ci sarà una gioia a breve termine, ma ci sarà un’amnesia edonica in cui tutte quelle belle sensazioni svaniranno e vi renderete conto che vi manca un senso nella vita. La verità è che ciò che conta sono le persone, le relazioni, gli amici, la famiglia e, in ultima analisi, contano le idee, conta il modo in cui ci trattiamo meglio. Questo mondo sta cadendo a pezzi, è governato da pratiche insostenibili, istituzioni corrotte e spezzate, è governato da persone che non dovrebbero governarci, ed è rafforzato ancora e ancora dal cinismo. E voi siete convinti di assecondarlo perché avete l’errata convinzione che se solo ottenete un po’ di soldi in più, tutto andrà via e migliorerà per voi, senza rendervi conto che in realtà è una bugia, non cambia, le frustrazioni sono esattamente le stesse, basta chiedere ai miliardari in Cina che hanno offeso Xi.

Quindi, quando guardiamo al futuro, il potere delle criptovalute è che per la prima volta nella nostra vita abbiamo la possibilità di fare la differenza, di fare le cose in modo diverso, di pensare in modo diverso, di cambiare il modo in cui funziona il gioco, di cambiare il modo in cui possiamo realizzare grandi cose. Possiamo trasformare radicalmente tutto, il modo in cui votiamo, la nozione di identità, riprenderci la nostra privacy e persino cambiare il funzionamento di tutti i modelli di business. Possiamo liberarci dei presidenti, degli amministratori delegati, possiamo possedere un po’ di tutto, possiamo prosperare tutti insieme. Non voglio che quel sogno scompaia, perché l’avidità di pochi l’ha in qualche modo fatto deragliare, portandoci in un’ottica molto distopica.

I prossimi sei, nove mesi saranno piuttosto critici per questo settore, per tutti noi. Dobbiamo scavare in profondità e chiederci “perché siamo qui, per cosa stiamo combattendo, per cosa stiamo lottando?”. Dobbiamo fare i conti con il fatto che questa industria è nata con un’idea di libertà che si è rapidamente persa, non sono rimasti molti fili, se guardiamo a tutti i progetti in circolazione, ai custodi e agli attori coinvolti, a come le industrie si sono materializzate e sono maturate. Ogni volta che c’è una crisi, un evento, qualcosa di brutto che accade, è un’opportunità per tornare ai primi principi, oppure è un’opportunità per alzare le mani, diventare cinici e arrendersi. Non mi arrenderò, tornerò ai primi principi, perché è lì che vivo, è lì che mi sento più a mio agio. Domani è solo un altro giorno, domenica è solo un altro giorno, lunedì è solo un altro giorno, è un reset, è un’opportunità per cercare di fare del proprio meglio, c’è un sacco di codice da scrivere, un sacco di articoli da scrivere e, in ultima analisi, per convincere un sacco di persone che questo modo di fare le cose, nel lungo periodo, è il modo migliore. Come ecosistema, nei prossimi sei-nove mesi incontreremo più critiche di quante ne abbiamo mai ricevute prima, da parte di tutti i soliti sospetti, i media, i politici e molte persone nel mainstream che hanno cause molto legittime, perché molti di loro hanno perso denaro, o conoscono persone che hanno perso denaro, e sono arrabbiati, e vogliono sferrare colpi, in alcuni casi sono stati defraudati, sono stati truffati. È importante non perdere di vista questo aspetto, avere empatia, comprensione, smettere di criticare le persone, smettere di lanciarsi bombe a mano l’un l’altro.

Di recente si sono tenute le elezioni in America, si è parlato molto di come sarebbe stata un’ondata rossa, ma non è successo. Ma è successo abbastanza per dimostrare un messaggio molto chiaro, un duplice rifiuto dei due partiti politici. Gli incumbent non sono stati raccomandati con il monopolio del potere, ma coloro che hanno avuto l’audacia di sostituirli non sono stati raccomandati con un mandato chiaro, bensì è stato detto loro “dateci qualcosa di meglio”. E se prendiamo a cuore questa lezione, possiamo renderci conto che la gente comune è molto stanca di combattere. Siamo tutti stanchi, siamo stanchi dell’odio, siamo stanchi delle critiche, siamo stanchi di chiamare per nome, siamo stanchi delle etichette, siamo stanchi di avere a che fare con una guerra costante, ogni giorno, siamo stanchi di guardare persone che consideravamo amiche e vicine e ora le consideriamo l’altro perché si scopre che non credono nelle stesse cose in cui crediamo noi.

Le criptovalute non sono avulse da questo, sono fatte di persone, alla fine dell’arcobaleno, quindi le persone fanno quello che fanno, e hanno assunto questa politica di distruzione personale all’interno dell’industria delle criptovalute. Quindi dobbiamo chiederci “vogliamo continuare a farlo?”, mentre torniamo ai primi principi e sopportiamo le critiche dei prossimi sei-nove mesi, meritate e immeritate, l’unica cosa che possiamo scegliere di fare è continuare a credere e personalmente, ognuno di noi, essere migliore, comportarsi meglio, lottare di più, mantenere la fede. Non si merita una bella città in cima a una collina se non si è disposti a scalare la collina, e in alcuni casi si deve costruire la città. E non meritiamo un grande futuro se non siamo disposti a lottare per esso, a crederci, a sopportare le difficoltà del viaggio per arrivarci. C’è una terra promessa e c’è qualcosa di magico all’orizzonte. Credo davvero nella bontà delle persone, si può decidere di essere cinici o ottimisti, ci vuole la stessa quantità di persone, sono ottimista sul fatto che possiamo arrivarci se abbiamo la giusta mentalità, FTX è un crocevia. Questo, unito a tutte le cose che sono successe quest’anno, è una lezione su cosa non fare e dobbiamo chiederci come fare le cose in modo diverso.

Almeno con Cardano abbiamo una strada da percorrere, molto presto, la prossima settimana, parleremo di MBO, della governance di Cardano, dell’era di Voltaire, di due grandi eventi, lo Scott Fest per l’apertura di un gruppo di laboratori e per celebrare la nostra grande collaborazione con l’Università di Edimburgo, e il Cardano summit della Cardano Foundation. Saremo presenti in entrambe le sedi, c’è un invito alla comunità a lavorare con noi, per costruire un livello di governance sostanzialmente migliore di quello di cui ha mai goduto qualsiasi altra criptovaluta, per sfruttare il potere della nostra comunità. Questo funzionerà solo con l’instancabile partecipazione di ognuno di voi, con il carattere morale di ognuno di voi, per essere all’altezza dell’occasione, per ascoltare, per imparare, per assisterci l’un l’altro e per trattarci con un po’ di empatia, dobbiamo farlo, dobbiamo farlo meglio. E solo quando saremo un modello per il resto dell’industria avremo il diritto di insegnare all’industria, di migliorarla, e credo che potremo farlo.

Consideriamo quindi il 2023 come l’anno di Voltaire, l’anno in cui mostrare all’industria delle criptovalute ciò che deve essere fatto e, una volta vinta la battaglia, mostrare al mondo come farlo. Rick McCracken dice spesso che puntiamo al primo posto, e credo sinceramente che abbiamo una possibilità. Per me, puntare al primo posto significa diventare il sistema operativo finanziario del mondo, dare identità economica a tutti e mettere in banca i non bancarizzati. Come risultato diretto di questo lavoro, tutti noi cambiamo e giochiamo un gioco leale, credo che possiamo farlo, ma è una decisione che spetta a voi, quanto a me, nessuno lo farà per voi. La criptovaluta non è un gioco di attesa, compra e tieni, e magicamente accadrà, è uno sport partecipativo. Bisogna sporcarsi, alzarsi dagli spalti, entrare in gioco, andare a prendere la palla, e tutti e tutte hanno un ruolo da svolgere, qualcosa da fare, da costruire, da imparare, perché questo è tanto tuo quanto mio, o di chiunque altro, e solo insieme ci arriveremo, separatamente non lo faremo, falliremo, e questa è la lezione di Luna, FTX, Celsius e di tutte le cose che sono venute prima e che purtroppo verranno dopo. Spero che riusciremo a farlo insieme, e credo che lo faremo, grazie a tutti per averci ascoltato.