🇮🇹 "Cardano Summit: il futuro della governance on-chain | IOG 27 Sett 2021"

:it: Traduzione italiana di "“Cardano Summit Keynote: The future of on-chain governance”

Pubblicato sul canale Youtube di IOHK il 27 settembre 2021


Perché la collaborazione della comunità è la chiave per il futuro di Cardano? Dopo aver supervisionato la creazione del Catalyst Project - il più grande fondo di innovazione decentralizzato del mondo - Dor Garbash, Head of Governance Product, riflette sul futuro della governance della blockchain. Vuoi far parte di questo incredibile esperimento? Unisciti a noi durante i nostri municipi settimanali tramite questo link (Registrazione della riunione - Zoom) o segui la comunità Catalyst su questi canali:

Ciao!

Sono immigrato qui da Israele, è un posto molto diverso. De Vera è una specie di utopia futuristica, è stimolante, a volte un po’ stancante, sì è un posto molto aperto, ho imparato molto, la mia personalità è cresciuta molto stando qui, con tutte le interazioni che ho avuto.

Come spieghi cos’è Cardano?

È una setta.

Finalmente qualcuno l’ha detto, ragazzi. Non vedo i miei genitori da anni.

Cardano è una rete, è una blockchain, è anche una comunità, è anche un insieme di idee su ciò che è il prossimo passo per la razza umana, ma direi con lenti molto scientifiche per lo più. Cerco di farla semplice per una persona, se mi chiedete cosa sto facendo dico che lavoro per questa organizzazione che controlla un finanziamento di mille miliardi di dollari, che vuole capire come usare bene questi fondi, spenderli efficacemente, dato che ha migliaia, decine di migliaia di persone che prendono decisioni per governarla. Questo è il modo più semplice per presentarlo. Fondamentalmente Catalyst è la realizzazione di tutte le mie fantasie, in un modo strano professionalmente, questo è stato, non dirlo a nessuno, ma sono molto molto felice e motivato con quello che faccio perché sono dieci anni, ho lavorato su strumenti collaborativi. Sto davvero cercando di pensare a come le persone possano collaborare bene su scala, e questa è la prima volta che lo sto facendo non in modo teorico, non in modo blando, ma in modo reale, con risorse reali, conseguenze reali, e una gigantesca, incredibile, reattiva comunità che è allineata e lavora insieme. Non avrei mai pensato che questo giorno sarebbe arrivato, che mi sarei trovato in questa posizione, ma eccolo qui, quindi mi godo i magnifici momenti.

Penso che un aspetto piacevole di Catalyst, se ci pensate, è che è quasi come una macchina questi token grezzi che siedono nella tesoreria, nelle risorse nelle mani delle persone che stanno costruendo la rete, e fa quello che fa, trasferisce la ricchezza ai creatori, ai revisori, ai manutentori del sistema. È una macchina della creatività, forma incentivi collettivi per tutti per incanalare l’energia nella risoluzione di problemi difficili.

La comunità Catalyst è una complessa rete interconnessa, proponenti, implementatori, consulenti della comunità, comunicatori, campioni della comunità, tutte queste diverse persone che interagiscono e si influenzano a vicenda, in modi profondi, stiamo tutti crescendo, evolvendo insieme, proprio come le dinamiche di come cresce un albero. Per crescere, per essere alto e resiliente infatti è essenziale che cresca ad un ritmo lento e costante, ci vogliono centinaia di anni per crescere fino alla sua piena dimensione, ma a quel punto, le fondamenta, le basi, sono solide, e possono raggiungere la cima della foresta. Questo è molto simile a quello che stiamo facendo a Catalyst con la nostra sperimentazione e anche l’attenta costruzione della comunità, dei sistemi e degli strumenti. Stiamo facendo in modo di essere l’albero più alto e sostenibile della foresta.

Ricordo di aver incontrato questa sorta di chief innovation officer di un’azienda della Fortune 500, stava presentando lo strumento, una sorta di scoperta dei problemi nell’organizzazione, dando ad ogni dipendente l’opportunità di esprimere ciò che pensa siano i problemi, quali problemi identifico, e di che tipo di aiuto ho bisogno per funzionare bene. E lui disse “no, non possiamo farlo”, causerebbe troppi problemi alla direzione se tutti fossero a conoscenza di tutti i problemi che abbiamo e delle necessità dei diversi dipartimenti dell’organizzazione, è troppo per noi da gestire. Una delle cose che non ho mai dovuto fare a Catalyst, e infatti ho fatto la mia ricerca, è stata quella di affrontare molti dei blocchi psicologici che le persone hanno sulla collaborazione, e uno dei più grandi è la capacità di esprimere i bisogni. Lavori in un’azienda tradizionale, sei addestrato, voglio dire per tutta la vita, sei addestrato ad obbedire, sei addestrato a compiacere il tuo capo, non devi dire che questo è difficile, difficile, scomodo, non sei d’accordo, in un ambiente scolastico, puoi fare una di queste cose? no, e questa è la nostra infanzia collettiva, a livello familiare, a livello del tuo insegnante, a livello dell’asilo, è difficile da dire, ma è attraverso l’oppressione, siamo stati gravemente oppressi da quando siamo nati, tutti ci passiamo, così tutti lo prendono come “questo è come dovrebbe essere”, o “questo è il modo in cui le cose sono”, e quello che stiamo scoprendo nella mia ricerca, anche prima dei miei giorni IOHK, è che le persone non hanno nemmeno gli strumenti di base per esprimere i loro bisogni. Penso che alla fine ci arriveremo con Catalyst, perché non è solo una trasformazione tecnologica, è una trasformazione della coscienza, che è come il grande vantaggio competitivo, di Catalyst, rispetto ad altre tecnologie collaborative, è che non ignoriamo l’umano dietro la tecnologia. Non stiamo solo lavorando in modo astratto su incentivi, design di sistema, interfacce. Ma ci rendiamo conto che in realtà il nucleo di esso è l’essere umano, l’essere dietro, che ha bisogno di operare, che vuole prosperare. E tu hai un risveglio, una parte di te che è libera, che è autonoma, che è autodeterminata, e non può accadere attraverso un’interfaccia intelligente, o attraverso incentivi, deve accadere attraverso una profonda esperienza significativa, una serie di profonde esperienze significative tra te e gli altri che crea fiducia, che crea un senso di legame, di significato, e poi poco a poco accade, la trasformazione avviene dall’interno.

Come saranno Catalyst e Cardano quando raggiungeremo un miliardo di utenti?

Non lo sappiamo, non lo sapremo mai. Voglio dire, è una cosa che nel cambiamento di paradigma, quel grafico che mostro da Catalyst, c’è un punto in cui c’è uno spostamento di fase, quando l’acqua diventa un gas, l’acqua diventa sempre più calda e più calda e improvvisamente diventa qualcosa di completamente diverso. Nessuno conosce il futuro, ma la mia previsione è che entro il 2025 ci sarà una realizzazione collettiva, non nella comunità Cardano, ma in tutto il mondo, che in realtà è un’alternativa ai sistemi di governance esistenti. Non perché sia più morale e la cosa giusta da fare, ma perché è inevitabile, produce risultati migliori, è più coinvolgente, e infatti, sotto sotto, c’è molta fame, sete, di un’alternativa. Questi modelli economici di collaborazione e la capacità umana per la collaborazione, è un fondamento, è uno strato di base, tutto viene sopra di esso. Questo significa che anche una piccola torsione su quei primitivi fondamentali può causare un grande cambiamento, ci sarà un’altra esplosione mutevole, ma penso che da questo verrà fuori qualcosa che non abbiamo mai sognato fosse possibile.

1 Like