🇮🇹 "Da Byron a Shelley: Parte 1, le testnet"

:it: Traduzione italiana di From Byron to Shelley: Part 1, the testnets di Kevin Hammond, pubblicato nel blog IOHK il 29 aprile 2020

Traduzione a cura di LordWotton - *se questa traduzione ti è stata utile, considera l’opportunità di delegare i tuoi ADA alla mia nuova stakepool, con il ticker RIOT :handshake:


Da Byron a Shelley: parte 1, le testnet

L’evoluzione della decentralizzazione prosegue con una serie di 3 testnet Haskell

Dopo il riuscito riavvio di Byron, stiamo iniziando la nostra transizione graduale verso la rete principale di Shelley. Questo significa passare da un sistema statico e federato ad un sistema dinamico e decentralizzato.

Il processo inizia con una serie di testnet Haskell Shelley, che culmineranno nella fase ibrida di aggiornamento Shelley.

Le testnets Haskell Shelley saranno un’esperienza diversa dalla precedente Testnet Incentivizzata (ITN) sia per gli operatori delle stake pool che per gli utenti generici. Questo perché l’ITN e le testnet Haskell sono state create con obiettivi diversi.

L’ITN è stata progettata per dare agli operatori delle stake pool l’esperienza necessaria per costruire la loro infrastruttura critica, consentendo al tempo stesso agli ingegneri di IOHK di testare i nuovi meccanismi di incentivazione con veri e propri Ada, delegati dagli attuali titolari di ada. La testnet di Haskell Shelley ha lo scopo di garantire che la rete principale Shelley sia calibrata per essere un’esperienza ottimale fin dal primo giorno. A differenza dell’ITN, la testnet Haskell Shelley non coinvolgerà i titolari di ada “regolari”: ciò significa che la testnet non sarà incentivato. Ogni fase è destinata a durare per un periodo molto più breve - settimane piuttosto che mesi. Naturalmente testeremo il funzionamento del portafoglio, dell’esplorer e così via, ma utilizzando un rubinetto che distribuisce Ada di test. I possessori di Ada potranno provare Daedalus e l’explorer sulla testnet pubblica e fornire un feedback, ma senza usare Ada reali.

L’esperienza Shelley si svolgerà in fasi ben definite. Le prime tre fasi comporteranno l’explorer e il test delle nuove capacità di Shelley e il passaggio a una situazione in cui saremo pronti per il completo dispiegamento della rete principale Shelley.

Fase 1: Pionieri e la fase "Amici e famiglia”

Il lancio inizierà con un testnet “amici e parenti” su invito. Durante questa fase, IOHK inizierà a far girare e a gestire internamente una rete di test solo Shelley. In seguito inviteremo circa 20 operatori di stake-pool fidati - li chiameremo ‘pionieri’ - ad unirsi a questa rete (inizialmente chiusa). Questi operatori comprenderanno un piccolo gruppo che ha dimostrato un alto livello di competenza tecnica e che hanno fornito contributi importanti alla community durante l’ITN.

Questi pionieri spianeranno la strada ad altri, mentre ci dirigiamo verso il completo dispiegamento di Shelley sulla rete principale del Cardano. In questa prima importante fase, chiederemo loro di eseguire specifici test di funzionalità per catturare il loro prezioso feedback mentre esplorano le capacità della piattaforma Haskell Shelley. Ci aspettiamo di invitare altri pionieri ad unirsi a noi - pochi alla volta - mentre aggiungiamo funzionalità e dimostriamo l’affidabilità della testnet.

In questa fase di test ‘alfa chiusa’, IOHK si concentrerà sui parametri del sistema di tuning come la soglia di saturazione, la resilienza della rete e il decentramento. Inoltre, gli ingegneri di IOHK vedranno il meccanismo di consenso di Ouroboros Praos funzionare al di fuori delle simulazioni. La fase pionieristica darà agli ingegneri di IOHK l’opportunità di affrontare qualsiasi problema in un ambiente controllato, con il feedback e il supporto degli operatori di stake pool, prima di passare alla fase successiva. I risultati saranno comunicati alla comunità Cardano e si coglieranno le opportunità per conoscere e migliorare il sistema Shelley.

Questa fase sarà anche incentrata sulla produzione di documentazione tecnica di alta qualità e sul supporto. I pionieri (supportati dalla comunità nel suo complesso) ci aiuteranno a produrre una documentazione che renderà facile la creazione e la gestione delle stake pool e darà al nostro team di supporto tecnico una migliore comprensione dei problemi che i nostri utenti dovranno affrontare.

Fase 2: Apertura della testnet - la fase pubblica

La risposta della comunità all’ITN è stata incredibile, e siamo fortunati ad avere un gran numero di operatori qualificati nella comunità. Terremo tutti informati in ogni fase del processo e - come sempre - i nostri repo (NdT: repository) saranno completamente aperti. Ma per ragioni puramente pratiche, all’inizio lavoreremo con un piccolo gruppo di circa 20 operatori. Tuttavia il nostro obiettivo è quello di aprire le cose il prima possibile, con pieno accesso pubblico nella fase successiva.

Questo permetterà a tutti gli operatori che hanno partecipato all’ITN di ridislocare le loro infrastrutture costruite in precedenza e di adattare le loro stake pool alle nuove impostazioni di Haskell. Questa testnet funzionerà il più vicino possibile alle condizioni della rete principale, compresa l’unione dei blocchi dell’era di Byron e Shelley.

Durante ogni evoluzione nella transizione verso Shelley, IOHK sta ponendo l’accento sulla formazione e la collaborazione della comunità. Il decentramento della conoscenza è importante quanto il decentramento della piattaforma. I partecipanti pionieri dell’alpha testnet forniranno un supporto cruciale nel consigliare i restanti operatori di stake pool sulla configurazione e l’uso del sistema Shelley. E man mano che gli operatori si acclimatano, chiederemo loro anche di sostenere e portare a bordo nuovi operatori.

Fase 3: Il controllo del saldo

La terza e ultima fase prima dello spiegamento della rete principale è il controllo del bilancio. Questo riunirà la storia delle transazioni di Byron e ITN e preparerà la mainnet per l’era Shelley. A questo punto, i premi ITN e i saldi mainnet saranno consolidati. Dopo questo punto, non sarà più possibile guadagnare ricompense sulla ITN. Tuttavia, gli utenti potranno controllare le loro ricompense e confermarle nei portafogli mainnet. Condivideremo tutti i dettagli di ciò che i possessori di Ada dovranno fare per recuperare le loro ricompense ITN a breve. La fase di controllo del saldo durerà solo un paio di settimane prima che iniziamo a muoverci verso le stake pool decentralizzate e l’era Shelley.

Come selezioneremo i pionieri

Stiamo selezionando il gruppo dei pionieri sulla base di una serie di criteri, elaborati in collaborazione con il team della Fondazione Cardano. Gli operatori delle stake pool devono avere una profonda conoscenza della gestione delle stesse sull’ITN, oltre a competenze lavorative con Linux, e provenire da una serie di background e posizioni geografiche diverse. Alcuni lavoreranno con fornitori di soluzioni cloud per gestire le loro pool, altri con il proprio hardware - avremo un mix. Selezionando pionieri provenienti da diverse regioni geografiche, saremo in grado di garantire una portata globale e di testare la nostra nuova implementazione di rete.

I pionieri dovranno impegnarsi un determinato numero di ore alla settimana per sostenere il programma di rollout, dare un feedback diretto e fornire consigli alla comunità e fare da mentore agli altri nelle fasi successive. Portare gli altri a bordo e sostenerli lungo il percorso sarà una parte cruciale del ruolo. Per essere chiari, come sempre, tutti i nostri repo saranno aperti in modo da incoraggiare tutti a partecipare. Come sempre, gli sviluppatori di IOHK apprezzano il contributo di ogni membro della comunità dei Cardano. Chiunque lo desideri è incoraggiato a creare i propri nodi. Se sono sviluppatori esperti possono anche consigliare miglioramenti alla base di codice di Shelley Haskell perché tutte le informazioni saranno pubblicate attraverso GitHub.

Cercheremo di espandere rapidamente la rete con più pool non appena questa prima fase di test darà i risultati che vogliamo.

Garantire un inizio più facile per tutti

La base di codice Haskell Shelley è stata sviluppata con metodi formali e con il linguaggio di programmazione Haskell ad alta garanzia. Quindi, pur prevedendo che alcuni elementi minori dovranno essere affrontati, riteniamo che l’esperienza iniziale debba essere libera da qualsiasi problema di rilievo. Questo è l’approccio che abbiamo utilizzato per il riavvio di Byron, con grande successo, e ci baseremo sulla base di codice che abbiamo sviluppato in questo caso. L’approccio offrirà vantaggi ancora maggiori per Shelley e non solo, consentendoci di implementare il software molto più rapidamente che in passato, con nuove funzionalità soggette a controlli rigorosi e attenti anche prima che la codifica sia stata completata.

Il nostro obiettivo è quello di fornire una soluzione plug-and-play per rendere operativi gli operatori di stake pool. Ciò significa che dovrebbero essere in grado di prendere un’immagine docker preparata in anticipo o un’istanza AWS, ad esempio, e lanciare così la loro stake pool. Naturalmente, forniremo anche binari autonomi e codice sorgente per coloro che hanno più esperienza, o che hanno requisiti di configurazione specifici.

Siamo ora nella fase finale di preparazione e le cose si stanno scaldando (forse avete visto recentemente un tweet che dice che il nuovo nodo ha prodotto il suo primo blocco). Con il completamento di questo primo passo, condivideremo presto le date e maggiori dettagli (NdT: l’inizio della testnet “amici e familiari” è stato fissato all’11 maggio). Pubblicheremo anche altri blog che descrivono gli altri passaggi chiave e le pietre miliari del processo. Tenete gli occhi aperti e nel frattempo rimanete sintonizzati sui canali sociali di IOHK. Vi informeremo non appena inizieremo a lanciare il progetto.