🇮🇹 "Intersect, Repos e il portafoglio di prodotti Cardano | CH 29 lug 2023"

:it: Trascrizione in italiano di “Intersect, Repos, and Cardano Product Backlog - YouTube”

Pubblicato sul canale Youtube di Charles Hoskinson il 29 luglio 2023.

Traduzione italiana a cura di Lordwotton di RIOT Stake Pools. Se apprezzi queste traduzioni, per favore valuta di supportare il mio lavoro delegando i tuoi ada a RIOT :pray: entra nel nostro gruppo Telegram


Ciao a tutti, sono Charles Hoskinson, in diretta dal caldo e soleggiato Colorado. Come promesso, questo è il video che ho scelto per parlare un po’ di Intersect, di come le cose inizieranno a passare dalla repo Input Output alla repo Intersect, mettetevi il cappello, sarà un video lungo, un video whiteboard, condividerò il mio schermo tra un attimo, lasciate che vi mostri alcuni link in modo che la gente possa seguire, vedere alcune cose. Ok, prima di tutto parliamo un po’ di Intersect, se avete seguito, wuaaa, le discussioni che abbiamo avuto sull’organizzazione basata sui membri di Cardano, quello che abbiamo fatto è stato chiamarlo MBO Intersect, se alla comunità non piace il nome possono cambiarlo. Fondamentalmente si tratta di un centro di aggregazione per molte cose diverse, in un video whiteboard parlerò un po’ del tipo di cose che intersect, come MBO, fa e di come è governato. La cosa più importante, che è rilevante per il cuore e l’anima di Cardano, sono i repository di Github, se guardate questi repository vedrete che c’è una quantità enorme di persone che lavorano regolarmente, il nodo Cardano, Daedalus, Plutus, Adresstia, tutte queste cose, Cardano CLI, Ledger, così tanti repository, abbiamo 636 repository. Un sottoinsieme di questi è direttamente collegato al cuore e all’anima di Cardano. Questa è la base operativa di quasi 15, 16 aziende che lavorano insieme per costruire il protocollo Cardano. Si tratta di un gruppo molto decentralizzato, con la leadership che organizza i propri repository.

La transizione verso l’intersezione avverrà nel corso dell’estate, con la creazione di un’intera struttura di governance. Lo scopo di questo video è di parlare un po’ di come funzionerà questa transizione, di alcune delle cose che accadranno. È più facile da disegnare, mi rallenta un po’ e ci permette di non avere ambiguità, il che è molto importante. Ok, ora abbiamo i repository IO, che si sposteranno nei repository intersect. Quello che succederà è che in Input Output avremo questo concetto di tribù, ogni tribù è collegata a un concetto diverso, come i contratti intelligenti, per esempio, la tecnologia di base, i contratti intelligenti coprono cose come Plutus, Marlowe, eUTxO, questo tipo di cose, la tecnologia di base copre il nodo centrale, la rete, il consenso, abbiamo tribù come l’identità, abbiamo tribù come le sidechain, ecc. Ci sono collezioni di queste, che fanno un sacco di cose. Se si guarda alla funzione di prodotto di Cardano, tutte queste cose si uniscono in un portafoglio di prodotti Cardano. È l’elenco di tutte le cose che ognuna di queste singole tribù, che possono essere costituite da centinaia di ingegneri in 15 aziende, lavorano in qualche modo. Abbiamo chiamato questo portafoglio continuità e GCD. Il tipo di cose che Cardano fa, il tipo di cose relative alla roadmap di Shelley, Basho, Voltaire, Goguen, questo continuum sono come le cose quotidiane di miglioramento, più veloce, più economico, meno consumo di memoria, miglioramenti API, tutte queste cose. Ciò che accadrà durante l’estate è che in Intersect verranno istituiti gruppi di lavoro che assumeranno la funzione di queste tribù, i cui leader si uniranno ai gruppi di lavoro. Ma poi succederà che la comunità potrà venire, potrà venire da molti posti diversi, NFT, Dex, DeFi Cardano, tutti i leader di queste cose, e si uniranno a questi gruppi di lavoro. L’attuale portafoglio che abbiamo si sposterà in questi gruppi di lavoro, come suggerimento. Ciò che accadrà è che questi gruppi decideranno cosa entrare e cosa uscire. Man mano che i repository si sposteranno e il codice si sposterà, in pratica i gruppi di ingegneri che lavorano qui, più gli altri, saranno accreditati qui e inizieranno a gestire il nuovo portfolio nel 2024.

Ora, abbiamo un sistema di PI, che ha cadenza trimestrale, esaminiamo il portafoglio, prendiamo decisioni in base a questo, su ciò che è realizzabile in un periodo di tre mesi. Poi c’è un prima e un dopo, si fanno i commit, poi si fa un’autopsia per vedere cosa è stato effettivamente fatto, di solito c’è una cadenza di rilascio tra le due e le tre settimane, a seconda della natura del progetto, all’interno di quel ciclo PI, per vedere come vengono fatte quelle cose. Una volta che i repository di codice sono stati spostati, c’è una nuova nozione di credenziali e questi gruppi di lavoro permettono fondamentalmente alla funzione prodotto di diventare completamente decentralizzata. Il portafoglio qui diventa il portafoglio qui e questi gruppi di lavoro decidono cosa inserire nel portafoglio, in aggiunta o in sostituzione del portafoglio suggerito che va oltre la recinzione.

Ora, ciò che accadrà è che si può dividere in due categorie. Soft fork richiesto o hard fork non richiesto. In entrambi i casi, probabilmente verranno redatti dei CIP per cose significative, ma alcune cose non richiederanno biforcazioni, altre invece sì. L’interazione della 1694 è che ciò che la 1694 può fare, che è indipendente da Intersect - è importante non confondere le due cose - è come la governance di Cardano, e qui Intersect è come un veicolo di esecuzione, fa delle cose. Ciò che la governance fa è dare il permesso. Cose come i parametri di protocollo, cose come le hard fork, tutto questo genere di cose, dà il permesso di farlo, aspettate, mi sono appena perso, ecco, può essere un po’ complicato, dà il permesso di fare una hard fork, può anche autorizzare un CIP da fare. Ci sarà un’interazione tra la governance di Cardano e i gruppi di lavoro qui, che può essere fatta come un portafoglio consolidato, un flusso di lavoro deve essere stabilito. Con l’entrata in funzione di Inteserct, durante l’estate, l’autunno e il primo e secondo trimestre del prossimo anno, inizieremo a ricordare come funzionerà il flusso di lavoro. Al di là del funzionamento del flusso di lavoro, un portafoglio di prodotti standard e un sistema PI si adattano molto bene. Quindi gli ingegneri qui hanno gruppi di lavoro, lo prendono dallo scaffale, iniziano a farlo, i vari pezzi di infrastruttura che sono rilevanti per i repository, saranno fatti. L’aspetto positivo è che ora c’è un consenso democratico. Avete una struttura che fondamentalmente dà il permesso di ratificare un CIP, anche per avviare un soft o hard fork.

Si tratta di una cosa importante, che richiede un grande coinvolgimento della comunità. Ma il punto di forza dell’organizzazione basata sui membri è che è molto facile per i membri della comunità aderire. Oltre 200 si sono già uniti a Intersect e molti altri lo faranno. L’organizzazione sta crescendo, il punto è che è posseduta e gestita dai membri, è senza scopo di lucro, membri dello spazio. L’obiettivo è quello di riunire tutti, di avere un luogo dove poter parlare di cose. Si va dai gruppi di lavoro, ai CIP, alle implementazioni vere e proprie, c’è una funzione di autorizzazione, sia per un’aggregazione di cose, sia per singole cose, a seconda della loro natura. Abbiamo già un sistema operativo molto ben congegnato su come pensare al prodotto, su come strutturare i gruppi di lavoro. Il primo passo è portare qui quel sistema, come punto di partenza, poi il sistema dovrà essere personalizzato, per soddisfare le esigenze delle organizzazioni basate sui membri, intersect, e questo è un processo aperto, c’è una domanda su come attirare l’impegno open source, gli sviluppatori open source. Vogliamo che molti collaboratori esterni, una volta aperti i repository di intersect, diano il loro contributo. Una delle cose che faremo è parlare con partner come Emurgo e la Fondazione, oltre che con i membri di intersect, è l’idea di quattro corsi, una volta completati i quali si ottengono certificati pubblicati sulla blockchain di Cardano, qualcosa che copre Haskell, qualcosa che copre Agda, qualcosa che copre l’open source, le best practice, queste sono pratiche specifiche su come viene realizzato il software, nel repo. Poi un corso Mastering Cardano. Fondamentalmente l’idea è quella di stabilire una base tecnica dimostrando di saper leggere, lavorare nel codice, stabilire una base su come tutti lavorano insieme nel sistema, stabilire una base su come Cardano funziona sotto il cofano. I protocolli di rete, UTxO esteso, come funziona Plutus, come funziona Ouroboros, tutte le API e così via. In sostanza, questo genere di cose vi tiene aggiornati, in quanto sviluppatori di base. Se è stato progettato correttamente, dovreste essere in grado di dimostrare le vostre capacità tecniche, che dovrebbero farvi guadagnare alcune credenziali. Mi piace perché è aperto, autocertificato, ma basato sul merito. Avete un meccanismo per dimostrare che avete le competenze e le conoscenze, chiunque può farlo, non c’è una funzione di gatekeeping, una volta fatto, avete un certificato blockchain, simile a come la Cardano Foundation sta iniziando a fare certificati blockchain per i loro materiali educativi. Questo si traduce poi nell’ottenimento di credenziali. Bisogna fare molta attenzione a questi progetti, perché le credenziali sono tipicamente funzioni di controllo dell’accesso, e chi le controlla è come il padrone del progetto open source, chi controlla le spezie controlla l’universo. Quindi chi controlla le credenziali controlla l’universo. C’è una bella raccolta di contenuti che possiamo costruire insieme, potete farlo voi, chiunque voglia iniziare a lavorare su Cardano, ha questo. Poi possiamo guardare all’attuale pool di sviluppatori, i nonni che hanno già dato grandi contributi al sistema. Si tratterebbe di una scelta a due o a tre, dovete decidere voi come sarà questa scelta a due o a tre, chi lo deciderà, i gruppi di lavoro tecnici e la leadership di Intersect, in ultima analisi, avranno l’ultima parola su chi riceverà le credenziali e chi non le riceverà.

L’aspetto positivo è che abbiamo una struttura di lavoro molto bella, con un motore di consenso, in cui ogni titolare di Ada ha voce in capitolo se ritiene che qualcosa sia giusto. Poi abbiamo un motore di esecuzione che ha una struttura che permette a chiunque di diventare un partecipante open source, di contribuire. Avete un modo per creare un trasferimento di conoscenze, avete persone che vanno e vengono, ma avete dei contenuti. Poi c’è un modello operativo che abbiamo sviluppato negli ultimi sei anni e che è stato pensato con molta attenzione, ma in modo affidabile si possono fare rilasci in un periodo che va dalle 2 alle 8 settimane, una struttura di conformità in cui l’IP può essere pubblicata, ogni trimestre si può vedere cosa sta succedendo. Uno, avete un portafoglio universale, e questo si basa su molti dei sistemi che la comunità ha già risolto insieme, come il processo CIP, ad esempio, si basa su questo. In sostanza, abbiamo un bel modo di definire gli standard e la gestione delle modifiche, basandoci su come gestiamo il portafoglio universale, imparando da cose come Hydra, che è stato un programma open source di grande successo. Poi facciamo cose nuove e interessanti, come i certificati basati sulla blockchain, per ottenere le credenziali. È possibile guidare alcuni dei cambiamenti di Cardano nella blockchain stessa.

C’è una grande questione aperta sui client alternativi e sui blueprint. Ci sono persone che vogliono fare client Rust, su Twitter ho visto che alcuni vogliono fare TypeScript, è fantastico e va bene. Ma il punto è: qual è il Cardano canonico, cos’è Cardano? L’innovazione principale che si sta verificando in questo momento con il lavoro CIP 1694, l’era Conway, che è stata combattuta con la rete Sancho, è che abbiamo scritto queste specifiche non in prosa come Latec, ma Agda, sei anni di ricerca su come fare questo, un sacco di software è stato scritto per costruire il flusso di lavoro per questo. Il potere di Agda è che è agnostico rispetto all’implementazione, il che significa che si dispone di progetti da cui si può estrarre il codice, che può essere utilizzato per testare e certificare. Ecco perché c’è l’idea della classe Agda, perché come farlo è un’abilità molto speciale, che non richiede necessariamente un’enorme quantità di tempo, non richiede necessariamente un dottorato di ricerca, ma bisogna impararlo, abbiamo un modello che abbiamo sviluppato in 6 anni, che proviene dall’ecosistema Cardano, è qualcosa che abbiamo imparato tutti insieme, l’abbiamo reso open source, è una cosa unica che abbiamo portato sul tavolo. Questo è il cuore e l’anima di come si possa passare con sicurezza a un ecosistema poliglotta, quando si hanno clienti alternativi che si chiamano poliglotti. In pratica significa molte lingue. Vogliamo avere molti client alternativi, ma vogliamo che questi client siano conformi agli standard e alla qualità in modo che, indipendentemente dal client scelto, si abbia ragionevolmente lo stesso livello di garanzia di sicurezza che si ottiene dal client Haskell canonico che usiamo attualmente. Ciò significa anche che è possibile garantire che alcune proprietà, come l’aggiornabilità di questi client, il combinatore di hard fork, per esempio, fornisce hard fork molto facili, siano preservate in tutto il sistema. Quando le persone che governano, il governo di Cardano, dicono “aggiornamento”, questo avviene effettivamente, in opposizione, ad esempio, a uno sviluppatore in Rust, TypeScript o Haskell, che tiene in ostaggio la rete, non aderendo al desiderio del governo di Cardano. Questo è un altro grande progetto per avere tutto Cardano coperto da specifiche formali. Abbiamo un livello di specifiche, questo è come Agda, e qui è come il mondo Latec, in generale abbiamo blueprints matematici che sono agnostici all’implementazione, ma questa è la rappresentazione particolarmente utile, una delle cose che faremo nel corso del 2024, come parte dell’agenda GCD, è ottenere una copertura end-to-end, di tutto il lavoro a monte, in modo che ci sia un insieme universale di blueprints, quindi creare un’intera pipeline di certificazione, in modo che i clienti esterni possano certificare contro di essa, e tutti gli utenti ottengano una garanzia che i client siano interoperabili tra loro. Ci sarà un gruppo di lavoro specializzato in Intersect per facilitare questo processo e la tribù dei metodi formali cercherà di lavorare a stretto contatto con loro per realizzare gradualmente questo progetto. È anche un’opportunità per semplificare i progetti di Cardano. Per esempio, si è parlato molto della rimozione della logica Byron, della semplificazione massiccia del design e della riduzione della complessità del codice, il che significherà un time to market molto più rapido per i clienti di Rust e Typescript, ma non dovrebbero esserci conseguenze per gli utenti di Cardano, perché si tratta di problemi legacy.

Queste sono solo alcune delle conversazioni, c’è una conversazione sul progetto, c’è una conversazione sulla certificazione, quindi potremmo avere molte cose, ci sono molte preoccupazioni in corso, nel corso del prossimo mese le cose inizieranno a muoversi, ma continueremo a lavorare insieme su questo. In questo momento è in corso una conversazione sulle credenziali e sull’istruzione. E poi c’è anche una conversazione sulla gestione del prodotto, su dove dovremmo andare con Cardano. Abbiamo un portafoglio suggerito di continuità e GCD, che abbiamo inserito come suggerimento; quando si trasferisce all’organizzazione basata sui membri, c’è un dibattito, una discussione, tra tutti i membri, e questo diventa un portafoglio universale. Questo portafoglio universale può essere ratificato dal governo Cardano, che sarà il 1694 ratificato.

Quindi questo è un riassunto di alto livello di una cosa molto, molto complicata, in effetti, stai cambiando pilota in un jet, andando molto veloce, devi fare manovre molto complicate. Ma stiamo passando a un incredibile gruppo di lavoro decentralizzato. L’aspetto più interessante di Intersect è che è realizzato, gestito e amministrato da voi, la comunità. Possiamo creare dei bucket, delle istituzioni, riempirli di idee, di capitali, per avviarli e farli partire, ma alla fine questa è l’organizzazione che usa la comunità per interagire con cose come il codice, molti processi diversi. È anche una cosa che può diventare un custode della conoscenza, come le cose che richiedono una certificazione per gli sviluppatori open source e altre cose.

Ora, questo processo può evolversi e crescere nel tempo, perché abbiamo solo un client, Haskell e Agda, ma sapete, c’è un client Rust, potete aggiungere un corso Rust. Se lo seguite e avete accesso ai repository di Rust, supponendo che sappiate leggere le specifiche, le best practice e che abbiate capito Cardano. E naturalmente questi corsi cambieranno nel tempo perché ogni anno il protocollo si evolve, va avanti, ha progetti diversi e le persone devono tenersi aggiornate, proprio come i medici devono tenersi aggiornati, altre professioni, gli avvocati devono tenersi aggiornati, c’è una nozione di formazione continua che avviene. E sia che si passi per la pratica, sia che si passi per la verifica o per entrambe le cose.

Questo è il pensiero di esecuzione attuale, c’è un intero team qui per la transizione dei repository, c’è un intero team dall’altra parte per riceverli, c’è un enorme sforzo di portafoglio per legare tutto. C’è già una governance, un sistema operativo per quel portafoglio, che viene eseguito attraverso un sistema di PI su base trimestrale. È in volo, gli aerei a reazione sono in volo, ed è qui che cambiano i piloti, non andiamo da nessuna parte, nessun ingegnere è stato buttato fuori, nessuna leadership è stata buttata fuori, ora stiamo aggiungendo un moltiplicatore di forze. Si passa da un gruppo di persone a un altro gruppo di persone e queste cose stanno fondamentalmente crescendo. L’obiettivo è dare alla governance di Cardano alcune opzioni, permettetemi di cambiare rapidamente, usiamo un colore diverso, che ne dite del viola, non so perché, ecco. Vogliamo dare alcune opzioni al governo. I fondi sono costituiti da veicoli per l’applicazione della legge. L’idea di base è quella di consentire l’esecuzione per un periodo di transizione, dopodiché la governance esaminerà questi aspetti, la responsabilità, la velocità, la strategia, le risorse necessarie, e potrà votare se continuare o cambiare rotta, in modo significativo. L’altra cosa è che questo permette un’enorme quantità di diversità a livello di clienti, si possono avere molte filosofie e persone diverse, ma si conserva il tipo di cose che assicurano che Cardano continui ad essere online, è stato attivo per oltre 2100 giorni. È necessario un processo CIP, un sistema di gestione delle modifiche adeguato, un portafoglio universale, un consenso su di esso, la necessità di capire che le persone che svolgono il lavoro aderiscono a un certo livello di qualità, ma è necessario che sia aperto, che segua le migliori pratiche dei progetti open source. E serve un modello operativo che si aggiorni in modo coerente e continuo.

Una delle cose che sarebbe molto tragica durante questa transizione è che, passando a Intersect, la burocrazia crea una realtà in cui le cose rallentano notevolmente. Il modo in cui sono state strutturate le cose ha accelerato le cose trimestre dopo trimestre, c’è stata più affidabilità trimestre dopo trimestre. Anche se stiamo facendo cose più complicate, sono state consegnate in tempi ragionevoli. Non voglio perdere questo aspetto come ecosistema, penso che dobbiamo continuare a muoverci velocemente, ma dobbiamo muoverci con molte voci, perché ce ne sono molte diverse sulle cose che dovrebbero essere prioritarie. A volte si tratta di opinioni contraddittorie o divergenti, ed è molto importante avere gruppi di lavoro per riunire queste opinioni, discutere e fare tutte queste cose. Poi, naturalmente, deve esserci un modo per creare legittimità per queste opinioni, non il “trust me bro, one vote”. Il senso della 1694 è proprio questo: avere un organo deliberativo dotato del potere dei titolari di Ada, attraverso una serie di pesi e contrappesi, per controllare e comprendere, in alcuni casi fornire finanziamenti ad alcuni settori, o dare consenso ai veicoli di applicazione, per ottenere qualcosa. Si fa funzionare il sistema, l’idea è quella di una governance minima praticabile, noi la chiamiamo MVG, e lo si fa funzionare per un certo periodo di tempo, t-time, che può essere sei mesi, un anno, si guardano i risultati, si pongono alcune domande di base: stiamo diventando più decentralizzati, siamo ancora allo stesso livello di qualità, sicurezza, affidabilità, sentiamo che più voci vengono incluse nella conversazione, Cardano come piattaforma sta diventando più competitiva, stiamo guadagnando utenti, stiamo guadagnando utilità, siamo in grado di fare nuove cose più interessanti di quelle che facevamo prima? Queste sono alcune domande di base che il braccio legislativo, il governo di Cardano, si porrà. E i veicoli di applicazione devono dimostrare che la risposta è sì, in modo trasparente e obiettivo.

Quando si effettua una transizione, si passa da una conversazione interna a una conversazione esterna, la comunità è assolutamente pronta per questa conversazione esterna, la vuole, la richiede, l’ha fatta da sola, è ora di unirsi, la fa da una sola voce per arrivare a un portafoglio universale, e misuriamo tutto. Ora, se questo governo non è in grado di porre queste domande, se il governo non è in grado di produrre una buona saggezza in merito, allora si deve passare dalla versione uno del MVG alla versione due del MVG, si devono aggiungere nuovi controlli e bilanciamenti nei sistemi all’interno del governo. E questo è ciò che immaginiamo accadrà, ci sarà questa bella spirale in cui si inizia in certi posti e poi si va in nuovi posti lungo il percorso. Ogni volta che lo si fa, si ha più inclusione, più saggezza, più capacità di esecuzione, più capacità decisionale e decisioni migliori, che è il punto di forza del buon governo: si possono fare cose, ma si impara dalle cose buone, su base regolare. L’aspetto più interessante di questa struttura è che può fungere da interesse primario o secondario; con questo intendo dire che avete Cardano, come progetto di livello più alto. Poi ci sono tutti gli altri progetti, come Hydra, per esempio, Open Prism, Plutus, come linguaggio, perché è diverso da Marlowe. Come Linux con la fondazione Hyperledger, lasciate che vi mostri questo, perché forse non ne siete a conoscenza ed è molto bello, se andate su hyperledger.org, potete vedere, aspettate un attimo, hyperledger non è solo una cosa, tutti pensiamo a fabric, beh in realtà no, c’è anche Solang, credo sia sul lato Solana, Creds, Bevel, CACTI, Caliper, Cello, Firefly, Sawtooth, Indy, Fabric, Besu, Aries, avete un intero panorama, guardate tutte queste cose. Si tratta quindi di una struttura di governance per gestire molti progetti. Se siete uno sviluppatore di dApp, se vi occupate di dApp, forse non volete dover pensare a come gestire un progetto open source, a come gestire tutte queste cose, ora avete un modello per le vostre dApp per inserire i loro repository, il loro codice, e c’è una struttura collaborativa più ampia, una transitività tra questo tipo di cose. Quindi, Intersect, come organizzazione basata sull’adesione, è molto simile a Hyperledger, o alla più ampia fondazione Linux, in quanto diventa un maestro nel gestire questo tipo di problemi, e dà la possibilità agli sviluppatori di dApp di avere un posto dove andare, parzialmente o completamente, per incorporare all’interno di diversi programmi, è super cool se ci pensate. L’aspetto positivo è che con la crescita della governance di Cardano, ciò che accadrà è che tale governance, quando si parla di bucket di finanziamento, può fornire il consenso per fornire finanziamenti ad alcuni progetti della comunità che sono ritenuti essenziali. È così che si costruisce un ecosistema autosufficiente, auto-rinforzante e veramente decentralizzato.

È stata una conquista faticosa, frutto di oltre sei anni di colloqui con Apache, con la fondazione Linux, con gli esperti di open source che guardano a ciò che sta accadendo nello spazio delle criptovalute. Cercando di bilanciare tutte le diverse esigenze e i diversi poteri. È un buon punto di partenza, c’è una governance minima praticabile, questa è una struttura minima praticabile. Devi sempre avere la capacità di progettare, qui, controllare, qui, ed eseguire, qualcosa, devi sempre avere un sistema operativo che ti fornisca questo mezzo, devi anche avere la capacità di prendere le persone che stanno già facendo un lavoro eccezionale, metterle in una struttura in cui non rallentano drasticamente, ma continuano a lavorarci. Il bello è che grazie a questa struttura è molto facile aggiungere molte nuove aziende, o aziende già esistenti, ai repository e al sistema di lavoro, per cui c’è l’infrastruttura Input Output, che è l’azienda che abbiamo creato per distribuire tutta l’ingegneria, la filiale, il gruppo Input Output, la grande azienda, che si occupa dell’ingegneria di Cardano, un gruppo altamente specializzato, che lo fa da anni, una leadership su misura per essere il miglior contributore. Ma poi ce ne sono altri come Well Typed, che per esempio è l’azienda di Duncan Coots, che esiste praticamente dall’inizio, Tweag, Gal e molti altri. E hanno un quadro comune, perché ora possono sedersi e avere un portafoglio, una bella struttura diversificata in stile tribù, gruppi di lavoro per andare avanti con la comunità. Poi, alla fine, si possono avere molti gruppi della comunità, come MLabs, DcSpark e altri, che entrano in gioco per le cose che interessano molto, magari non interessano molto, per esempio, la tecnologia di base, ma interessano molto, per esempio, le sidechain. In questo modo hanno la possibilità di decidere il livello di coinvolgimento, lo sviluppo vero e proprio, la progettazione, la discussione delle priorità, la gestione, la costruzione, la distribuzione e la verifica della correttezza di queste cose. Ma noi restiamo fedeli ai nostri principi perché lavoriamo da agnostici nelle specifiche ad agnostici nell’implementazione. Abbiamo un ricco processo di certificazione che ci permette di avere una varietà di clienti. E c’è una governance che elimina ogni ambiguità sul fatto che qualcosa sia dentro o fuori dal pool, dove e quando è necessario, è possibile chiederlo e farlo fare.

Secondo EDI, questo sarà il processo di sviluppo più decentralizzato e più inclusivo del nostro settore. Perché nessuno potrà mai essere messo a tacere perché a qualcuno non piace o è un concorrente. È sempre possibile unirsi all’MBO, sia che si faccia parte dell’MBO sia che non lo si faccia, è possibile ottenere le credenziali, passare attraverso un processo di autocertificazione, tutti vedono lo stesso portfolio e comprendono le ragioni e le giustificazioni alla base, c’è un orologio che scatta su base trimestrale, il ciclo PI, i cicli di rilascio che questi progetti hanno, in modo che la comunità veda i continui progressi. Parte del PI è l’autopsia, quindi la governance di Cardano riceve rapporti regolari, capisce le cose, in ogni momento c’è un progetto inequivocabile, quindi tutti capiscono qual è il riferimento. Esiste un processo CIP che è inclusivo, non è necessario essere un membro di Intersect per parteciparvi, infatti è gestito dalla Cardano Foundation, un’organizzazione separata. Ma è comunque una componente integrante di questo tipo di discussioni. È molto facile aggiungere e sottrarre entità per diventare sviluppatori. Il che significa che, quando parliamo di fondi, la tesoreria di Cardano può aprirsi a società specializzate per accelerare la roadmap, dove e quando ciò ha senso. Oppure aumentare le aziende attuali per avere più tempo a disposizione per gli sviluppatori e lavorare su un quadro di riferimento comune.

È perfetto? No, c’è un sacco di roba di sopra, per cercare di far funzionare bene tutti questi pezzi, c’è un sacco di roba di portafoglio che deve essere fatta, di sicuro. Ma è proprio questo il punto: nel 2023 si tratta di mettere in piedi una governance minimamente praticabile, nel 2024 si tratta di mettere a punto il veicolo di esecuzione, il sistema operativo, e di perfezionare la governance per soddisfare questa bellissima novità. Ogni anno diventa migliore, più aperto, più trasparente, il che significa che diventa più decentralizzato, quindi si ha un miglioramento dell’indice di decentralizzazione, che è misurabile, ed è una cosa trasparente per l’intera comunità. Se si viene colpiti alla testa, si è in coma, si torna cinque anni dopo, si sono visti enormi progressi e tutti si sentono parte di qualcosa, tutto funziona insieme.

Questa è probabilmente la cosa più difficile a cui abbia mai provato a partecipare nella mia carriera, nessuno ha fatto questo nello spazio delle criptovalute, né Bitcoin, né Ethereum, nessuno. È molto facile fare parti di questo tipo di cose, ci sono modelli tradizionali per fare questo tipo di cose. Ma fare tutto questo in un secchio, come ho detto, è come cambiare i piloti su un aereo a reazione, mentre si è nello spazio, non è nemmeno cambiare i ponti mentre la macchina è in movimento, è una cosa molto complicata. Ciò che è davvero straordinario è che sta accadendo, sembra che stia accadendo in data, ogni mese le cose si rafforzano.

Sono tre gli eventi principali che la comunità sta organizzando quest’anno. C’è Rare Evo, la conferenza CNFT e la fondazione terrà il summit annuale a Dubai. Uno è alla fine di agosto, uno alla fine di settembre e uno a novembre. Ognuno di questi momenti è un punto di controllo per avere molte discussioni su aspetti specifici, e i punti di controllo spingono molte adesioni e portano molte persone valide all’interno dell’organizzazione. In quanto MBO, alla fine i membri pagano una quota all’MBO, ci sono peer gratuiti e peer retribuiti, e la mia speranza è anche un peer meritevole. Tra l’altro, questa è una delle maggiori aree di malcontento con la Linux Foundation, che non ha voluto avere una membership a coppie di merito, quando abbiamo discusso se Cardano potesse far parte della fondazione come prodotto proprio, non aveva bisogno di un proprio MBO. Credo davvero che se le persone stanno facendo un ottimo lavoro, non dovrebbero nemmeno pagare per il privilegio di far parte di comitati o cose del genere, si sono guadagnati questo diritto. Hanno dimostrato di essere all’altezza della comunità, con il codice che hanno scritto, con i contributi che hanno dato. L’MBO diventa autosufficiente e la governance di Cardano può scegliere se dargli più risorse o creare MBO alternativi o diversificare i finanziamenti per avere più MBO che fanno cose molto specifiche. Ad esempio, potrebbero esserci MBO molto focalizzati sull’ingegneria, sulle roadmap, oppure MBO legati all’adozione, al marketing, il cui lavoro quotidiano è quello di far arrivare 10, 100 milioni di persone a Cardano. Le persone che gestiscono la governance di Cardano, che saranno migliaia man mano che si evolve, sono quelle che prenderanno questa decisione su base annuale. Non solo lo fanno, ma ci mettono anche del denaro, hanno accesso alla tesoreria di Cardano, che è piuttosto grande, con molte risorse. Ma solo perché è grande non significa che sia una buona idea buttarla dalla finestra, bisogna avere buone istituzioni che abbiano una comprovata esperienza, responsabilità, buone strutture di governance, revisione contabile, per sapere che faranno il lavoro. È per questo che queste cose sono state create per essere provate prima di essere acquistate, è parte del passaggio di consegne, della tripartizione, della comunità in generale, e ci sono alcuni finanziamenti iniziali per farle funzionare, per la transizione. E il governo decide in ultima istanza se ritiene che sia utile o se vuole passare a qualcos’altro. Questo è un bene perché la decisione viene presa per tutti, con il consenso di tutti, invece di un piccolo gruppo di persone che decide di saperne più di tutti gli altri. È questo il senso del decentramento e dell’inclusione: non si lascia indietro nessuno, si lavora sodo per massimizzare la libertà. Avendo dei progetti di implementazione che sono magnetici, in qualsiasi momento chiunque può creare un client concorrente e dimostrare al resto dell’ecosistema che quel client concorrente è buono come gli altri ed è sicuro da usare. In qualsiasi momento chiunque può ottenere delle credenziali, deve solo dimostrare di avere le conoscenze richieste, secondo alcuni standard oggettivi; quali siano questi standard, beh, lo può stabilire Intersect, non io. Noi possiamo solo dare delle raccomandazioni, metterle sul tavolo, ma alla fine, una volta stabilite, tutti devono aderire a quello standard, dimostrare di meritarlo. È così che non si sviluppa un culto dello sviluppatore, in cui queste persone d’élite decidono chi è d’élite, escludono chiunque non sia d’accordo e poi si creano fork nel codice, è un sistema aperto. È un sistema di fiducia ma verificato, tutti possono costruire ma devono dimostrare di aderire a uno standard aperto, tutti possono scrivere uno standard aperto, ma questo standard aperto deve essere accettato. Chiunque può contribuire ma deve dimostrare, prima di ottenere le credenziali, di avere una certa comprensione di base del funzionamento del protocollo, della struttura del progetto open source, di come leggere le specifiche della base di codice a cui si sta aderendo, Haskell è un esempio ma si possono avere decine di queste cose. E questi test sono completamente aperti.

Il bello è che questo non richiede l’identità di una persona reale. Parlando di rivoluzione nella decentralizzazione, diciamo che c’è uno sviluppatore tipo rockstar, che si può associare a un DID, un identificatore decentralizzato, una credenziale. Ma quel DID può essere McLovin, solo uno pseudonimo su internet, non si sa chi sia, ma si può verificare quella credenziale. Questo è super inclusivo perché non richiede una geografia, una lingua o una vera identità umana, si possono usare degli alias, ma sono comunque affidabili, perché l’alias è associato a una prova di merito, il lavoro è stato fatto. Questa è apertura e inclusione, non si richiede alle persone di compromettere la propria privacy per partecipare alla conversazione. Lo stesso concetto di alias e credenziali, perché si possono pagare quote di adesione, quando arrivano a Intersect, in Ada, significa che si può partecipare a un gruppo di lavoro come alias, senza dover essere un essere umano in carne e ossa, il che è fantastico se ci si pensa. Fondamentalmente è un sistema aperto, completamente inclusivo, le persone decidono su cosa vogliono lavorare, quanto vogliono essere vicini, se vogliono avere una vera identità umana o un alias, e dimostrano al sistema di avere dei meriti. Una volta dimostrati in modo aperto e oggettivo, possono avere una voce importante in una tabella di marcia che può essere ratificata da altri.

Ora, se non siete d’accordo con tutto questo, se pensate che sia tutto folle, se pensate che dovrebbe andare in una direzione radicalmente diversa, beh, questo è lo scopo di qualcosa come il CIP 1694, perché potete avere un punto di vista alternativo, potete dire “sapete cosa, votate per questo”. E se il governo di Cardano dice che questa visione alternativa è il modo di fare, che l’intera cosa non ha senso, beh, indovinate un po’, la visione alternativa vince. Tutto questo è open source, in questi repository, questo protocollo è completamente open source, è sotto licenza Apache 2. Quello che si può fare è forkarlo, inserirlo nella visione alternativa, e ovviamente se il governo l’ha approvato probabilmente ci sta mettendo anche dei soldi, ci sta mettendo Ada. E questa struttura non ha più legittimità, probabilmente i membri passeranno alla struttura alternativa. Penso che ci siano molte ragioni dietro, è una buona cosa da provare per tutto il 2024, man mano che le cose vanno avanti, le persone scalano, insieme come comunità impareremo molto su questo. Ora abbiamo le strutture per usarlo in modo responsabile, possiamo sempre pensare a come farlo meglio, a come aggiungere altro, a come passare dalla governance minima fattibile a una, due, a come dare una giusta misura alle nostre aspettative, a come noi, come gruppo, gestiamo la funzione del prodotto. Spesso mi viene chiesto chi sia il product manager di Cardano: non è una sola persona, siamo noi. Ogni Ada in carica, ogni persona che contribuisce al progetto ha qualcosa da dire sul portafoglio, e tutti sono importanti. È davvero importante costruire una struttura in cui tutti i beni comuni possano confluire in un unico luogo, che dia decentralizzazione, inclusione e permetta di avere il sistema più aperto, e questo è ciò che ci definisce.

È stato il lavoro della mia vita, dieci anni per arrivare a questo punto, sono orgoglioso di tutto ciò che abbiamo fatto. Questo è l’evento più significativo nella storia del progetto, un evento che, se lo realizziamo correttamente, farà sì che Cardano misuri la sua durata non in termini di anni ma di secoli, qualcosa che sarà in giro per molto tempo, qualcosa che è impossibile da fermare, perché ci sono tre milioni di persone coinvolte nell’interesse di migliaia di entità commerciali, che si uniscono. E hanno un modo per risolvere tutti questi problemi senza affidarsi a una particolare giurisdizione o a un guardiano. E il sistema è sufficientemente auto-rinforzato e resiliente da rimuovere le barriere. Quindi, se ci sono problemi nel sistema, si ha un modo per aggirarli, ci sono opzioni, come una visione completamente alternativa a cui si può ricorrere nel caso in cui la struttura sia diventata burocratica e ossificata. In altre parole, potete licenziare le persone che vi ostacolano. Io vivo negli Stati Uniti e non possiamo farlo, non possiamo sbarazzarci del presidente perché è impopolare, non possiamo sbarazzarci di senatori novantenni affetti da demenza, guardiamo queste persone e ci chiediamo “come può un Paese così straordinario, ricco e potente essere guidato da persone così cattive”, palesemente contro la buona volontà del nostro Paese. È perché il sistema di governo, il modello operativo, era esclusivo, costruito da un piccolo club per un piccolo club. Ha creato la fantasia della scelta, la fantasia della democrazia. Se questo è il lavoro della mia vita e in ultima analisi definirà se ho fatto un buon lavoro o un cattivo lavoro, se abbiamo fatto un cattivo lavoro e un buon lavoro insieme, si tratterà di capire se costruiamo un sistema che può guarire da solo, se ci sono problemi che vengono corretti, o se creiamo un sistema per perpetuare i sistemi che abbiamo ereditato. Se la seconda ipotesi è quella di fallire, penso che quello che abbiamo qui sia un bellissimo quadro per portarci a un ecosistema inclusivo, diversificato e decentralizzato. Che si muove anche velocemente, con qualità, promuovendo l’apertura per tutti, il che significa che si può costruire sopra di esso e si va avanti.

Ora, ci saranno problemi, ci saranno critiche, ci saranno molte persone che diranno che certe parti non soddisfano le loro aspettative, o che vogliono che si persegua qualche cosa di sacro, e questo è il punto del dibattito, ecco perché bisogna avere un motore di consenso, bisogna avere un modo di votare all’interno del sistema. Perché a un certo punto bisogna prendere una decisione, e non spetta a me prenderla, né a Emurgo, né alla Fondazione, ma spetta a voi prenderla, direttamente o indirettamente, attraverso un sistema di votazione.

Lo scopo dell’IPC 1694, l’enorme progresso, ora più di mille persone, in oltre 50 Paesi, hanno dedicato molto tempo per cercare di farlo, è quello di creare questo livello di votazione in modo che le decisioni possano essere prese e, una volta prese, i veicoli dell’ecosistema possano eseguirle ed eseguirle bene. E se hanno fatto un buon lavoro, mantengono il loro posto, altrimenti qualcun altro si fa avanti, il che è meglio. E abbiamo sempre la libertà di farlo.

Spero che questo dia a tutti un po’ di chiarezza, è un video lungo, quasi cinquanta minuti, ma si tratta di concetti grandi e importanti, con molte parti in movimento. La buona notizia è che ci sono un sacco di brave persone nel team di Voltaire, un sacco di persone straordinarie nella comunità, che hanno lavorato duramente per portare a termine questo progetto. C’è una responsabilità pubblica, questi grandi eventi che si tengono quasi mensilmente, ognuno di questi eventi è un’opportunità per grandi pezzi della comunità, come la CNFT Con, per esempio, che l’anno scorso ha visto la partecipazione di 3.000 persone. Per incontrarsi, conversare di persona, nessuno si nasconde dietro la tastiera, nessuno va nella torre d’avorio ad abbaiare alla gente. È una cosa per tutti, di persona e attraverso internet, ci sono più canali possibili per discutere. Una volta che si muove, passa da quello che stiamo facendo come suggerimento, deve essere ratificato, una volta ratificato lo facciamo, come servitori, leader.

Ed è così che dovrebbe essere, sono davvero orgoglioso di ognuno di voi. Solo un assaggio dell’incredibile creatività, della passione e delle idee della comunità durante il processo CIP 1694, di ciò che sta accadendo da DeFi Cardano, nello spazio NFT, in Cardano. È davvero una buona indicazione di quanto siamo diventati potenti come ecosistema. Non si tratta di “se” saremo il numero uno, ma di “quando”, perché se seguiamo questo processo, lo saremo, è inarrestabile, ci sono milioni di persone ora, e tutte queste persone lavoreranno su questo. La conoscenza collettiva, le capacità e le competenze di questi milioni di persone sono più grandi di qualsiasi Microsoft o Google, o Apple o Amazon, e quei milioni fanno 10 milioni, e quei 10 milioni fanno centinaia di milioni, ed è così che si cambia il mondo. Ora, la strada da percorrere è lunga, c’è molto da fare, ma non la percorriamo da soli e non ci affidiamo a un leader che ci dica dove andare, abbiamo trovato un modo per decidere insieme, con una sola voce, ed essere uniti. Spero che questo vi entusiasmi Intersect, di sicuro lo sono, sono incredibilmente entusiasta di lavorare con tutti voi, sono incredibilmente entusiasta del fatto che il processo di sviluppo più aperto, inclusivo, diversificato e decentralizzato nella storia dello spazio delle criptovalute sarà online quest’anno e il prossimo. E sono incredibilmente entusiasta di vedere un portafoglio di prodotti consolidato di gruppi di lavoro molto diversificati nella loro rappresentanza di interessi commerciali. Mi piacerebbe davvero vedere DcSpark, Bored Apes e tutti i diversi gruppi di persone che si riuniscono, alcuni all’interno di Cardano, altri al di fuori di Cardano. Abbiamo l’Ape Society, c’è Bored Ape qui, tutte queste persone nel mezzo, ci sono così tante idee incredibili in giro. Lo scopo di un punto di aggregazione è quello di portare tutte queste idee straordinarie nell’ecosistema. Abbiamo visto qualcosa che Polygon sta facendo, Solana, Polkadot, o Algorand, Ethereum, e se è una buona idea, c’è un posto dove portare le persone, discutere, collaborare. Non è più competitivo, non è più tribale, non è più questo ego contro questo ego, o odiamo questa persona quindi non possiamo parlare. C’è un luogo comune, stiamo dicendo: “Stiamo cercando di risolvere il problema, come facciamo a portare l’identità economica a un miliardo di persone, come facciamo a garantire che questo sistema possa essere il posto migliore al mondo per gestire la DeFi, come facciamo a costruire qualcosa che possa diventare il sistema operativo di governance per le nazioni che non ce l’hanno, il sistema operativo finanziario per le nazioni che non ce l’hanno, come facciamo a preservare e proteggere la libertà degli utenti del sistema e ad assicurarci che abbiano voce in capitolo su come funzionano le loro vite, specialmente le persone più vulnerabili?”. Ognuno di questi aspetti richiede protocolli, richiede caratteristiche e funzionalità interessanti, richiede librerie di software, richiede un sacco di nuove idee, ed è assurdo presumere che ce le inventeremo da soli. Siamo abbastanza bravi, 180 articoli accademici, è impressionante, in un periodo di tempo così breve. Ma questo impallidisce rispetto alla totalità delle conoscenze dell’ecosistema delle criptovalute e del più ampio ecosistema dell’informatica.

Costruiamo un veicolo che abbia anche la capacità di portare tutto questo all’interno, costruiamo qualcosa che abbia l’umiltà di ammettere che un’idea è un’idea al di là della sua origine, e dovrebbe essere applicata in base a dove vogliamo andare. Cerchiamo di trovare le migliori, mettiamo in atto alcuni controlli e bilanciamenti lungo il percorso per evitare che le persone sviluppino il pensiero di gruppo, i pregiudizi cognitivi o una struttura di potere che preservi le cariche a scapito dei molti, con cui abbiamo a che fare ora, negli Stati Uniti, da molto tempo. Grazie a tutti per l’ascolto, è stato molto divertente realizzare questo video, spero che vi abbia dato un’idea di dove stiamo andando, grazie.