🇮🇹 "Parametri di staking e ottimizzazione della rete: quale sarà il prossimo passo per il parametro k e la min fee?"

:it: Traduzione italiana di “Staking parameters and network optimization – where next for k and min fee? - IOHK Blog”

Traduzione italiana a cura di Lordwotton di RIOT Stake Pools. Se apprezzi queste traduzioni, per favore valuta di supportare il mio lavoro delegando i tuoi ada a RIOT :pray: entra nel nostro gruppo Telegram


Parametri di stake e ottimizzazione della rete: quale sarà il prossimo passo per il parametro k e la min fee?

Pro e contro dei diversi approcci alla regolazione del parametro k e della tariffa minima delle stake pools

img

Un insieme di parametri viene utilizzato per definire il comportamento del protocollo Cardano. Alcuni parametri sono stabili e possono essere lasciati invariati più o meno all’infinito. Altri si riferiscono ad attività più dinamiche sulla catena (ambiente di staking o prezzo di ada, per citarne solo due) e di conseguenza possono richiedere aggiustamenti periodici a causa di cambiamenti e fluttuazioni di questi fattori.

Due parametri variabili in particolare continuano a generare dibattiti all’interno della comunità degli operatori di stake pool, poiché le modifiche a uno dei due (o a entrambi) possono avere un impatto sulla decentralizzazione, sui rendimenti e su altri aspetti dell’esperienza Cardano. Si tratta del valore k, che determina il livello al quale un pool diventa “saturo” di stake e quindi non riceve ulteriori ricompense, e della tariffa minima delle pool, che è un importo forfettario pagato a una pool prima che le ricompense vengano suddivise tra i delegatori.

All’inizio di quest’anno è stato condotto un sondaggio all’interno della comunità Cardano SPO su come questi aspetti potrebbero essere modificati e i risultati possono essere consultati qui.

I risultati hanno mostrato che molti nella comunità SPO erano favorevoli a una modifica di k e della tariffa minima, ma rimangono alcune controversie. Mentre c’è un alto grado di flessibilità nel modificare i parametri stessi, il processo decisionale è meno chiaro. È quindi importante essere chiari sui requisiti per la modifica di uno dei due parametri. La loro modifica è fondamentalmente una decisione della comunità, ma la preoccupazione principale per tutti dovrebbe essere la salute generale e la decentralizzazione della rete.

In linea con la trasparenza e l’obiettività, questo articolo cerca innanzitutto di offrire una breve panoramica del parametro k e delle tariffe minime, delinea alcuni dei diversi modi in cui questi due parametri potrebbero essere regolati e i pro e i contro di ciascun approccio.

Il parametro k: breve panoramica

Il parametro k determina lo stake massimo di una pool che riceve ricompense, creando in sostanza un “soft cap” sulle dimensioni della pool. Questa dimensione cambia nel tempo ed è definita come una percentuale dell’offerta massima di ada (45 miliardi) meno l’importo che rimane nella riserva. A partire dall’epoca 370, questo è pari a 35 miliardi di ada.

Dimensione massima del pool = (45 miliardi - riserve) / k = ( 35 miliardi / 500 ) = 70m

Nella documentazione di Cardano, una pool che raggiunge la sua dimensione massima è detto satura. Una pool satura offre le ricompense più alte ai delegatori ed è più redditizia per i suoi operatori, mentre una pool eccessivamente satura offre ricompense inferiori. Il sistema incentiva quindi i delegatori a spostare il proprio stake in una pool contenente meno ada, al fine di mantenere il proprio rendimento e incoraggia così la decentralizzazione della rete.

A partire da ottobre 2022, il valore di k è 500. In precedenza, lo IOG aveva suggerito che questo valore poteva essere tranquillamente innalzato a 1.000, ma alla fine la decisione finale è stata rimandata a causa di tre fattori: i) il sondaggio della comunità non ha dato un risultato conclusivo; ii) IOG si è concentrato sulla consegna delle funzionalità di Vasil; iii) c’era un possibile effetto dirompente sugli utenti di ada che delegavano a pool vicini all’attuale livello di saturazione, per cui era necessaria un’adeguata pianificazione e comunicazione.

Le implicazioni della modifica di k

Sebbene k non sia assolutamente una panacea per una distribuzione più equa dello stake, il suo valore ha un impatto positivo su alcune pool. Diminuisce la dimensione massima delle pool, consentendo a un maggior numero di pool di rientrare nell’intervallo ottimale per la creazione di blocchi. Se questa modifica è accompagnata da un cambiamento nella delega (e il comportamento dei titolari di ada è fondamentale in questo caso), ha il potenziale di creare un ambiente di partecipazione più diversificato. Questo è ciò che abbiamo visto con il precedente passaggio da k=150 all’attuale livello di 500; un certo numero di grandi pool ha smesso di competere per la delega pubblica, consentendo a quello stake di andare ad altri operatori.

La situazione con il passaggio a k=1.000 è meno chiara. Ci aspetteremmo che i pool privati (come quelli gestiti da exchange, società finanziarie o grandi detentori di ada) dividano il loro attuale stake in pool più piccoli. I pool privati rappresentano circa il 35% dello stake totale dell’ecosistema e stimiamo che questo porterebbe alla creazione di altri 150 stake pool. Non prevediamo che una parte di questa delegazione si sposti in pool pubblici, poiché le ricompense ada nette generate dai grandi pool privati sono più elevate.

Dai calcoli di IOG, ci sono circa 100 pool pubblici che sarebbero interessati da un passaggio a k=1.000, che rappresentano circa 2 miliardi di ada che dovrebbero essere ridelegati (8% dell’offerta). Per mantenere la loro attuale redditività, questi pool sarebbero propensi a dividersi. L’attività delle stake pools è in fondo un’attività di commodity: c’è solo una differenza marginale nelle ricompense quando si delega a pool diversi che producono blocchi, come previsto dal protocollo. Tuttavia, molti di questi pool godono di una forte notorietà, a volte grazie a un track record di lunga data e/o alla creazione di contenuti e a un’elevata attività sui social media. L’esperienza con gli operatori del pool può significare che questi pool sono in grado di mantenere un’ampia percentuale dei loro delegatori in qualsiasi pool di nuova creazione.

I pool con circa 10 milioni di ada saranno in grado di offrire prezzi comparabili, per cui si prevede che questi pool saranno i principali beneficiari di qualsiasi cambiamento, prendendo la maggior parte delle deleghe non trattenute dai pool divisi. (Di questi 2 miliardi di ada, secondo le stime dello IOG, da un terzo alla metà finirà per spostarsi).

L’aspetto fondamentale è che, anche se lo spostamento di k potrebbe comportare un moderato aumento della diversità della rete, l’impatto dovrebbe essere molto meno pronunciato rispetto al cambiamento precedente.

Tre potenziali approcci al cambiamento di k

IOG ha identificato tre potenziali scenari da sottoporre all’attenzione della comunità.

Opzione 1: Aumento unico e immediato di k a 1.000

img

Opzione 2: aumento graduale di k a 1.000 (ad esempio, di un fattore 100 al mese).

img

Opzione 3: Nessuna modifica - mantenere il valore attuale di k (500)

img

Tariffa minima: breve panoramica

Le Stake Pool svolgono una funzione fondamentale all’interno dell’ecosistema Cardano. Producono nuovi blocchi e contribuiscono alla decentralizzazione della rete.

In cambio di ciò, le pool vengono compensate in due modi:

  • una commissione fissa, che consiste in un importo forfettario prelevato in caso di produzione di blocchi, e
  • una quota variabile, che è una percentuale delle ricompense totali pagate a una pool.

Sebbene le pool siano libere di stabilire qualsiasi commissione variabile, le regole del ledger definiscono una commissione fissa minima.

Le quote minime fungono da ulteriore livello di protezione contro gli attacchi Sybil (un tentativo di prendere il controllo della rete creando un gran numero di pool a zero commissioni). L’abolizione o l’abbassamento di queste commissioni minime eliminerebbe questo strato protettivo e potrebbe lasciare Cardano più aperto ad alcune forme di attacco economico. L’analisi IOG del comportamento di staking e di redelegation suggerisce che questa preoccupazione potrebbe essere un problema più teorico che pratico. Cardano ha superato il punto in cui si muove una quantità di deleghe sufficiente per eseguire un attacco efficace in un periodo inferiore a diversi anni.

D’altra parte, la fissazione di una commissione minima fissa rende difficile per le piccole pool che iniziano a competere economicamente con le pool più grandi e consolidate fino a quando non raggiungono una certa dimensione. Questa quota deve essere raggiunta prima che una pool possa iniziare a restituire i premi ai deleganti e può arrivare a un tasso effettivo che può essere diverse volte superiore al tasso percentuale più visibile pubblicizzato dai pool. La delega a una pool più piccola è generalmente un risultato peggiore per i delegatori e l’onere aggiuntivo dei costi è pagato dai delegatori iniziali di una pool.

Inoltre, la tariffa minima funge da incentivo per un SPO consolidato a creare nuovi pool, in quanto il “reddito” è garantito.

Implicazioni della modifica della tariffa minima

Nessuna delle opzioni descritte di seguito ha un impatto diretto sui titolari di ada. Con la riduzione della commissione minima, le pool non dovranno apportare modifiche immediate. Nel breve termine, la possibilità di offrire un rendimento competitivo dovrebbe favorire gli SPO più piccoli che cercano di attrarre deleghe e il mantenimento del controllo sulle commissioni manterrà i pool più piccoli in vita più a lungo.

Tre potenziali approcci alla modifica della commissione minima

Come per il parametro k, lo IOG vorrebbe presentare tre potenziali scelte da sottoporre all’attenzione della comunità.

Opzione 1: azzeramento della tariffa minima

img

Opzione 2: Ridurre significativamente la tariffa minima (ad esempio a 40 ada).

img

Opzione 3: Lasciare la tassa minima così com’è

img

Conclusione

Considerando le informazioni di cui sopra, la modifica di uno o di entrambi questi parametri richiede un’attenta considerazione. Sebbene sia improbabile che le modifiche facciano una differenza significativa nella distribuzione dello stake, una modifica adeguatamente ponderata sposterà comunque l’ago della bilancia in una direzione positiva in termini di supporto ai pool più piccoli e di assistenza alla continua decentralizzazione della rete.

Inoltre, la modifica di questi parametri è solo una parte di un discorso più ampio volto ad ampliare la diffusione delle partecipazioni nell’ecosistema SPO. Diverse proposte di miglioramento create dalla comunità (tra cui CIP7, CIP23 e CIP50) continuano a essere discusse e valutate insieme a questo argomento.

La rete Cardano e l’ambiente generale sono cambiati in modo significativo nell’ultimo anno. In futuro, l’ottimizzazione dei parametri sarà una componente chiave di qualsiasi futuro modello di governance tecnica. Per questo motivo, lo IOG prevede di formare un gruppo consultivo sui parametri in collaborazione con un piccolo gruppo di SPO e con la Cardano Foundation. Questo gruppo si evolverà in base alle esigenze della nuova struttura di governance di Cardano.

Questa settimana verrà distribuito agli SPO un nuovo sondaggio che illustra le tre opzioni per il numero target di pool e il costo minimo del pool, al fine di raccogliere le loro preferenze in merito. I risultati saranno esaminati dal nuovo gruppo di parametri. Verrà quindi presa una decisione e comunicata, con una tempistica per qualsiasi cambiamento che terrà conto delle esigenze operative degli SPO e degli altri utenti della rete.

La comunità ha ora la possibilità di prendere in considerazione le opzioni qui presentate. Il sondaggio/formulario sarà condiviso oggi con gli SPO tramite e-mail e il canale Annunci SPO.

Si ringraziano Colin Edwards, Kevin Hammond, Fernando Sanchez, Tim Harrison e il Prof. Aggelos Kiayias per il loro contributo a questo blog.