🇮🇹 "Lo staking è il pilastro di Cardano"

:it: Traduzione italiana di “Staking is the bedrock of Cardano - IOHK Blog”

Traduzione italiana a cura di Lordwotton di RIOT Stake Pools. Se apprezzi queste traduzioni, per favore valuta di supportare il mio lavoro delegando i tuoi ada a RIOT :pray: entra nel nostro gruppo Telegram


Lo staking è il pilastro di Cardano

La delega di stake aiuta a far crescere la blockchain e i titolari di ada sono ricompensati per la loro partecipazione.

img

Ogni mese vengono create altre stake pools di Cardano, che finora hanno portato il numero totale di pool attivi a più di 3.000. All’inizio del 2021, ce n’erano circa 2.000. L’ada viene messo in stake da 1,2 milioni di indirizzi di portafogli. In questo modo, il livello di delega è salito a quasi il 74% di tutti gli ada in circolazione. Si tratta di un risultato notevole, ma rimane ancora un quarto di tutti gli ada da mettere in stake: è importante?

La risposta breve è sì, per due motivi. In primo luogo, lo staking è ciò che rende sicura la rete Cardano, quindi più ada vengono delegati meglio è. In secondo luogo, a livello individuale, i detentori di ada che non hanno delegato le loro monete si perdono le ricompense distribuite agli stake pool per la verifica delle transazioni e la produzione dei blocchi.

L’idea della proof of stake (PoS) è ormai così consolidata che è facile dimenticare quanto sia importante la sua innovazione. I ritardi di Ethereum nel tentativo di passare da proof of work (PoW) dimostrano quanto sia difficile implementare PoS. Vale quindi la pena di dare un’occhiata più da vicino.

Prima di Cardano

La prima blockchain, Bitcoin, e la prima a utilizzare i contratti intelligenti, Ethereum, si basavano sulla tecnologia proof-of-work. Queste blockchain di prima e seconda generazione richiedono entrambe una rete di computer che competono per convalidare le transazioni e “estrarre” monete. La competizione consiste nel risolvere un rompicapo altrimenti privo di valore, in modo che la possibilità di successo - e di guadagnare le relative ricompense - dipenda esclusivamente dalla potenza computazionale grezza. In definitiva, questi validatori di blockchain competono spendendo energia, il che ha portato a livelli massicci di utilizzo di elettricità.

Molti hanno riconosciuto il problema PoW fin dall’inizio e la proof of stake è stata suggerita in un forum bitcoin nel 2011:

Mi chiedo… se possa avvenire una transizione da un sistema basato sulla proof-of-work a uno basato sulla proof-of-stake. Ciò che intendo per proof of stake è che invece del vostro “voto” sulla cronologia delle transazioni accettate, ponderato in base alla quota di risorse informatiche che apportate alla rete, è ponderato in base al numero di bitcoin che potete dimostrare di possedere, utilizzando le vostre chiavi private.

Un anno dopo, Peercoin ha implementato un protocollo ibrido PoS-PoW. Ma ci si chiedeva se il PoS fosse sicuro. Così un gruppo di accademici si è messo a progettare un protocollo PoS che potesse essere dimostrato matematicamente. La gara si è trasformata in una vera e propria corsa: un team guidato da Aggelos Kiayias, professore all’Università di Edimburgo e scienziato capo di Input Output Global (IOG), ha presentato alla conferenza Crypto 2017 un documento innovativo su Ouroboros, “il primo protocollo blockchain basato su proof of stake con rigorose garanzie di sicurezza”. Ha battuto un team della Cornell University che ha introdotto il protocollo Snow White, descritto dagli autori come un protocollo di consenso “verde” perché utilizza molta meno energia rispetto alle blockchain PoW. La conferenza Crypto applica un rigoroso processo di revisione tra pari per includere i documenti nel programma. Ciò implica che altri accademici esaminino ogni articolo per i suoi meriti scientifici.

L’articolo del professor Kiayias ha stabilito con una prova matematica formale che le proprietà di sicurezza di Ouroboros sono paragonabili a quelle di Bitcoin. Con 1.300 citazioni su Google Scholar, è uno dei documenti di ricerca più citati sulla blockchain e ha influenzato diversi altri sistemi, in particolare Polkadot e Concordium.

Una volta dimostrata la teoria, gli ingegneri della blockchain dell’IOG hanno iniziato a implementare il protocollo Ouroboros nel linguaggio di programmazione Haskell. Cardano è stato lanciato nel settembre 2017 e ada, la criptovaluta nativa di Cardano che alimenta la blockchain, è diventata immediatamente una criptovaluta di primo piano - una delle sole quattro monete che da allora ha mantenuto una posizione nella top 10.

Naturalmente, il lancio del 2017 è stato solo l’inizio del viaggio di Cardano, come indicato nella sua tabella di marcia di quattro anni. Gli ingegneri di IOG hanno rifiutato il modello della Silicon Valley del “vai veloce e rompi le cose”, perché i guasti alle infrastrutture critiche riguardano la vita delle persone. La strada di Cardano è quella della lentezza e della costanza.

Staking e Ouroboros

Cardano si basa su Ouroboros con il suo meccanismo di consenso PoS matematicamente provato. Lo stake, una risorsa virtuale, viene registrata sulla blockchain di Cardano e la delega di tale posta in gioco da parte dei titolari di ada è ciò che mantiene la rete funzionante e sicura.

Piuttosto che ogni titolare di ada debba gestire un sistema informatico per partecipare al processo di stake, ha senso condividere le risorse in stake pools. Tuttavia, è fondamentale che il sistema impedisca a qualsiasi pool di diventare dominante. Per questo Cardano ha uno schema di condivisione delle ricompense che incentiva gli stake pool a svilupparsi in modo da garantire l’equità. Allo stesso tempo, il sistema consente ai soggetti interessati di delegare a uno stake pool o di creare un proprio pool. In quest’ultimo caso, gli operatori del pool “impegnano” la loro partecipazione. Si tratta di un impegno a “bloccare” una certa quantità di ada per contribuire alla salvaguardia della rete.

Rendere il processo facile da usare è importante perché più soggetti sono coinvolti nel sistema, più sicuro è il ledger distribuito. La maggior parte dei titolari di ada non vuole gestire un pool. Invece, delegano la loro partecipazione a uno o più pool che, a loro avviso, servono meglio i loro interessi e quelli della comunità in generale. Cardano non è custodiale, quindi nessun fondo è bloccato in qualsiasi momento, e tutti i soggetti interessati sono incoraggiati a delegare la loro quota ada dai loro portafogli.

Il dominio viene evitato limitando il controllo dei singoli stakeholder. Gli operatori di stake pool esercitano un’influenza sul sistema proporzionale alle risorse controllate dal loro pool, e non alle proprie risorse. Maggiore è il controllo del sistema da parte di un singolo individuo, peggiore è la sua sicurezza, con la possibilità di un attacco al 51% per controllare la blockchain. Un altro pericolo è rappresentato dalla creazione di molti pool da parte dei soggetti interessati, che può portare a un aumento della leva finanziaria e persino a un attacco sibillino.

Il professor Kiayias ha descritto il comportamento del meccanismo alla base di Ouroboros, sia nei post del blog che nell’innovativo documento accademico che ha dimostrato la sicurezza di Ouroboros.

Il meccanismo di Ouroboros fornisce la giusta serie di vincoli affinché il sistema converga verso un certo numero di pool di dimensioni uguali. Gli operatori sono ricompensati in modo appropriato per le loro prestazioni, la loro efficienza in termini di costi e il loro contributo generale all’ecosistema.

Lo schema di condivisione delle ricompense assicura che i pool più piccoli e medi possano contribuire all’ecosistema senza essere assorbiti da operatori e consorzi più grandi, come è accaduto con altri sistemi blockchain, in particolare Bitcoin. Lo schema è inoltre concepito in modo che, non appena lo stake delegato a un singolo pool aumenta oltre una certa soglia, le ricompense diminuiscono. Ciò incoraggia i titolari di ada a passare a un altro pool per migliorare le loro ricompense, il che a sua volta favorisce la diffusione della partecipazione in un numero maggiore di pool. La rete è più sicura grazie a un numero maggiore di partecipanti che convalidano le transazioni.

Alla fine di ogni epoca - una misura di tempo utilizzata da Ouroboros, che dura circa cinque giorni - vengono distribuite le ricompense. Oltre ai costi operativi dello stake pool, i guadagni vengono trasferiti automaticamente al portafoglio privato di ogni partecipante dal protocollo stesso di Ouroboros, non dallo stake pool.

Un termine che potreste aver incontrato è “liquid staking”. Questo termine si riferisce a un problema di alcune altre blockchain in cui la quota associata a una criptovaluta viene “bloccata” dal processo di staking e non può quindi essere utilizzata per altri scopi, come ad esempio il voto. Questo non è un problema con Cardano: la posta in gioco è sempre liquida. Inoltre, non c’è un periodo di “blocco” prima che una quota diventi attiva o che possa ritardare la spesa o l’utilizzo di una moneta in qualsiasi altro modo.

Scegliere una stake pool

Oltre a decidere l’importo da impegnare, gli operatori degli stake pool devono stabilire il loro margine di profitto e i costi operativi. Alla fine di ogni epoca, le ricompense vengono distribuite agli stake pool. Le ricompense vengono distribuite al pool e agli stakeholder in tre fasi. In primo luogo, i costi operativi vengono automaticamente trattenuti dall’operatore, assicurando che gli stake pool rimangano redditizi. In secondo luogo, il profitto dell’operatore viene calcolato e trattenuto dal pool. Infine, tutti i titolari di ada che hanno delegato al pool vengono ricompensati in ada, l’importo è proporzionale alla loro partecipazione.

Il professor Kiayias suggerisce ai titolari di ada di considerare la delega come un “voto di fiducia”, un modo per dimostrare il proprio sostegno alla missione o agli obiettivi del pool. I titolari di ada dovrebbero utilizzare strumenti come adapools.org e pooltool.io per analizzare i fattori che potrebbero influenzare la loro decisione di puntare. Questi potrebbero includere la cultura, il ranking, le risorse, la presenza della comunità, la professionalità e l’impegno a lungo termine nell’ecosistema Cardano. Tenete d’occhio le notizie sui miglioramenti al meccanismo di classificazione nell’interfaccia del portafoglio Daedalus, per esempio. Infine, controllate regolarmente le prestazioni e gli aggiornamenti del pool per assicurarvi che la vostra scelta e valutazione rimanga la migliore possibile.

Nulla di quanto contenuto in questo articolo è da intendersi come consulenza professionale, inclusa, senza limitazioni, la consulenza finanziaria, di investimento, legale o fiscale. Input Output Global, Inc. non è responsabile per l’uso o l’affidamento dell’utente sulle informazioni contenute in questo articolo.