🇮🇹 "Perché Cardano è più decentralizzato di Ethereum?"

:it: Traduzione italiana di “Why is Cardano more decentralized than Ethereum?”

Traduzione italiana a cura di Lordwotton di RIOT Stake Pools. Se apprezzi queste traduzioni, per favore valuta di supportare il mio lavoro delegando i tuoi ada a RIOT :pray: entra nel nostro gruppo Telegram


Perché Cardano è più decentralizzato di Ethereum?


La comunità di Ethereum sta lanciando l’allarme. La quantità di ETH in stake su Lido si sta avvicinando alla prima delle tre soglie critiche in cui Ethereum è più facilmente manipolabile da un attaccante. I protocolli che offrono derivati di staking liquidi (LSD) sono uno strato di cartellizzazione e comportano rischi significativi per il protocollo Ethereum e per il capitale comune associato.

Perché Cardano non ha lo stesso problema? La risposta semplice è che ha uno staking liquido e gli utenti non hanno bisogno di usare i protocolli LSD. Il team di IOG è riuscito a progettare Ouroboros Proof-of-Stake in modo tale che la sua decentralizzazione aumenti nel tempo. Gli incentivi economici motivano gli utenti a distribuire lo stake totale su più produttori di blocchi. Ethereum potrebbe trovarsi in una situazione in cui diventa economicamente conveniente utilizzare Lido per motivi di massimizzazione dei profitti. Questo rafforzerà ulteriormente il monopolio. Se la soglia critica viene superata, la produzione di blocchi può essere interrotta quando Lido crolla.

TLDR

La qualità della decentralizzazione dipende da piccoli dettagli nella progettazione del PoS. Se le parti interessate possono delegare anche solo alcune ADA direttamente dal portafoglio e le monete sono liquide, la decentralizzazione fiorisce. I token LSD hanno un valore di mercato simile a quello degli ETH, ma non svolgono alcun ruolo nel consenso di Ethereum. La centralizzazione di ETH in Lido rappresenta un grave rischio.

Staking liquido e saturazione del pool

Vediamo due ragioni principali per cui Ethereum ha problemi con la centralizzazione degli ETH. La necessità di avere almeno 32 ETH (~50K USD) per far funzionare il validatore e il blocco delle monete per un certo periodo di tempo (necessario a causa dello slashing). Il blocco delle monete rende impossibile delegare ETH in modo da rendere le monete liquide. Se è necessario affidare le monete a terzi per qualsiasi motivo, gli staker perdono il controllo delle monete. Dal punto di vista dell’utilizzo, gli utenti vogliono che l’ETH (o ADA) sia liquido. Dal punto di vista della decentralizzazione, è auspicabile che gli staker mantengano il controllo sulle monete. È necessario conciliare bene questi due principi.

Lo staking su Cardano non richiede una quantità minima di ADA. Durante lo staking, gli ADA non sono bloccati (non possono essere slashed) e gli utenti possono spenderli in qualsiasi momento. La chiave è che le monete possono essere delegate a un pool. La delega a un pool è essenzialmente una decisione di utilizzare l’infrastruttura di qualcun altro. Questo perché i possessori di monete PoS di solito non vogliono gestire il proprio pool (nodo affidabile 24/7/365). Vogliono solo ottenere un profitto. Il team di IOG era consapevole di questo fatto quando ha progettato PoS. Hanno deliberatamente creato un sistema di staking che consente di mantenere il controllo dell’ADA e allo stesso tempo di delegare il potere di consenso delle monete a chiunque voglia produrre i blocchi (operatori di pool/SPO).

Potrebbe non sembrarvi una differenza fondamentale, ma in realtà questi dettagli determinano la qualità della decentralizzazione.

I possessori di ETH, come quelli di ADA, di solito non vogliono gestire un proprio nodo produttore di blocchi (pool/validatore). Se vogliono ottenere un profitto, è logico che debbano affidare le monete a qualcuno che gestisca i nodi. Mentre nel caso di Cardano le monete possono essere delegate direttamente a livello di protocollo e gli staker hanno sempre il pieno controllo sull’ADA (e le monete sono anche liquide), Ethereum ha bisogno di una terza parte per ottenere la stessa funzionalità. Lido, ad esempio. I possessori di ETH devono inviare ETH alla terza parte e in cambio ottengono token LSD. I token LSD non hanno alcun significato nel consenso di Ethereum. Tuttavia, gli LSD hanno un valore di mercato vicino agli ETH e gli utenti possono venderli o utilizzarli nella DeFi in qualsiasi momento.

I protocolli PoS possono essere attaccati attraverso monete native come ADA ed ETH, non attraverso LSD. La centralizzazione delle monete native in un unico luogo (nelle mani di un’unica entità) è un problema critico e un singolo punto di fallimento.

Se ci fossero più protocolli LSD, forse non sarebbe un problema così grande. Purtroppo, Lido potrebbe presto superare la soglia critica di ⅓ di tutti gli ETH in stake. Com’è possibile che le persone deleghino più del 30% di tutti gli ETH puntati a una singola entità mentre il più grande operatore multi-pool (MPO) di Cardano ha meno del 10%? Ciò è dovuto al concetto di saturazione del pool.

Nell’ecosistema Cardano, la massima ricompensa per gli operatori di pool e gli staker può essere ottenuta avendo un numero preferito di pool (definito dal parametro k) che sono saturi. Il punto di saturazione può essere facilmente calcolato dividendo la quantità di tutti gli ADA in circolazione per il parametro k, attualmente 500. Se si fanno i conti, si ottiene qualcosa come 70M di ADA.

Se il pool supera il punto di saturazione, avrà una puntata più alta, ma non riceverà comunque ricompense maggiori. Gli staker hanno un incentivo economico a delegare le ADA a un altro pool non saturo.

Anche questo meccanismo non è ideale. Non impedisce la nascita di entità in grado di gestire più pool. Inoltre, i blocchi sono prodotti da più del doppio del numero preferito di pool (circa 1200). Ciò significa che invece di 500 pool saturi, nell’ecosistema Cardano c’è un numero maggiore di pool meno saturi. Questo è uno dei motivi per cui i premi di staking sono complessivamente più bassi. L’aspetto importante è che non c’è stata la centralizzazione critica dello stake che vediamo con Ethereum.

C’è un’altra ragione che vale la pena sottolineare. Per rendere la decentralizzazione di Cardano il migliore possibile fin dall’inizio, cioè dalla transizione alla versione PoS che consente lo staking nel 2020, sono stati formati degli operatori di pool. Ce n’erano centinaia fin dall’inizio. Dal mio punto di vista, la comunità di Ethereum ha sottovalutato lo stato dell’ecosistema durante la transizione a PoS e ha sostanzialmente permesso a Lido di ottenere il dominio. Forse si sarebbe dovuto educare maggiormente gli staker e creare più progetti LSD in competizione tra loro. Idealmente, tuttavia, il team avrebbe dovuto fornire un PoS che non richiedesse terze parti per funzionare.

Perché Lido è un problema?

Lido (e protocolli simili) è uno strato di centralizzazione e induce rischi significativi per il protocollo Ethereum. Se supera le soglie critiche di consenso, il capitale comune associato è in pericolo.

Lido è molto vicino a superare la prima soglia critica di consenso, pari a 1/3 degli ETH in stake. Le soglie critiche successive sono 1/2 e 2/3 degli ETH staked. Quando si verifica questa situazione estrema, il derivato di staking può ottenere profitti superiori rispetto al capitale non messo in comune a causa dell’estrazione coordinata di MEV, della manipolazione dei tempi dei blocchi o della censura dello spazio dei blocchi. In uno scenario di questo tipo, il capitale in stake viene scoraggiato dal fare staking altrove a causa delle ricompense eccessive del cartello, auto-rinforzando la presa del cartello sullo staking. In altre parole, sarà economicamente conveniente puntare ETH su Lido anche se minaccerà direttamente Ethereum.

Al momento in cui scriviamo, il 31,5% di tutti gli ETH puntati è su Lido. Coinbase ha il 10% e Binance il 5,4%. Si prevedeva che dopo l’aggiornamento di Shapella (che finalmente permetteva l’unstake) le persone sarebbero migrate altrove e la quantità di ETH staked su Lido sarebbe diminuita. Ma questo non sta accadendo. Il team di Lido non ha in programma di limitare il numero di depositi (fissando il massimo al di sotto di 1/3) e quindi di salvare la decentralizzazione.

Gli utenti si comportano razionalmente prima di tutto nei confronti di se stessi e poi nei confronti degli altri. Mettere in stake con Lido sembra una scelta razionale per le persone, ma è irrazionale rispetto a Ethereum. Sia il protocollo che il capitale sono a rischio.

Ethereum è una rete in cui c’è una votazione attiva su ogni blocco e richiede che tutti i nodi siano online. C’è il rischio che la produzione di blocchi venga bloccata se più di 1/3 dei validatori va offline. Questo può accadere a causa di un bug del software o di un attacco (interno o esterno).

Non è bello vedere che Lido ha la possibilità di superare una soglia critica e che un’entità sarà essenzialmente responsabile della capacità di Ethereum di produrre blocchi o di bloccarsi. È certamente un punto allettante per gli aggressori. Se Ethereum si ferma, ci sarà probabilmente una sorta di riavvio e probabilmente uno slashing di ETH.

Conclusione

Il team di Ethereum considera Lido un rischio estremo. Gli influencer stanno lanciando l’allarme e chiedono alle persone di delegare saggiamente gli ETH. Se partecipate allo staking di ETH, ascoltate questo consiglio intelligente. Il team di Ethereum, ma anche la comunità, dovrebbero pensare alla qualità del PoS fornito. Le persone erano preoccupate per i PoS perché pensavano che gli exchange centralizzati avrebbero messo in stake grandi quantità di monete. È emerso che ciò non sta accadendo in misura così ampia. Tuttavia, il team di Ethereum ha fornito un PoS che ha dato origine a Lido, che sembra essere un problema ancora più grande degli scambi centralizzati. È un vero peccato. La finanza decentralizzata non può essere costruita su un protocollo centralizzato.

Cardano è anni avanti rispetto alla versione PoS attualmente utilizzata da Ethereum. Questo è legato principalmente alla decentralizzazione e allo staking. Ethereum ha un vantaggio: la finalità istantanea delle transazioni. Cardano ha una finalità probabilistica delle transazioni, il che significa che ci vuole un tempo relativamente lungo prima che una transazione possa essere considerata per sempre memorizzata nel ledger. Questi aspetti sono correlati. Ethereum deve bloccare le monete e avere lo slashing, in quanto richiede la costante e immediata partecipazione attiva dei nodi a ogni blocco prodotto. Cardano è in grado di produrre un blocco anche se solo il 10% dei pool è online. L’obiettivo finale è quello di una rapida finalizzazione, robustezza e decentralizzazione. Nessun progetto ha ancora raggiunto questo stato ideale.

IOG vuole mantenere la decentralizzazione di Cardano (o addirittura migliorarla) e migliorare la finalizzazione delle transazioni attraverso l’aggiornamento di Ouroboros Leios. Il team di Ethereum ha tranquillamente rinunciato a cercare di migliorare la scalabilità al primo livello. A meno che questo non cambi, Ethereum non scalerà al primo livello e inoltre sarà centralizzato. Cardano ha ancora la possibilità di essere il primo protocollo nella top 10 che sarà sia decentralizzato che scalabile (con l’istantaneità delle transizioni).

Un’altra riflessione. Il minimo per lo staking su Ethereum è di 32 ETH. Al momento, sono stati puntati ~22.800.000 ETH. Il numero massimo possibile di staker (se ogni individuo puntasse solo 32 ETH) è 712.500. Naturalmente, stiamo parlando della possibilità di gestire un validatore e non stiamo considerando Lido (e altri) dove le persone possono mettere in stake quantità inferiori di ETH. Quasi 1,3 milioni di titolari di ADA fanno staking su Cardano, un numero quasi doppio. Gli stakeholder si fidano più di Cardano che di Ethereum. Forse è più corretto dire che un numero significativamente maggiore di persone ha un controllo diretto sul consenso di Cardano rispetto al caso di Ethereum.