🇮🇹 "Quali problemi comportano i second layers?"

:it: Traduzione italiana di “What problems do the second layers bring?”

Traduzione italiana a cura di Lordwotton di RIOT Stake Pools. Se apprezzi queste traduzioni, per favore valuta di supportare il mio lavoro delegando i tuoi ada a RIOT :pray: entra nel nostro gruppo Telegram


Quali problemi comportano i second layers?


Cardano è il primo strato (L1) e, come rete blockchain, non è attualmente in grado di scalare bene. D’altro canto, Hydra è il secondo livello (L2) che scala molto bene. Ma non è così bianco o nero. Sebbene gli L2 risolvano il problema della bassa scalabilità delle blockchain, portano con sé molte domande alle quali non conosciamo le risposte. Dobbiamo concentrare i nostri sforzi su una migliore scalabilità della blockchain o piuttosto sullo sviluppo di L2?

Perché vengono costruiti i secondi livelli?

Bitcoin ed Ethereum sono le reti blockchain di prima e seconda generazione e nessuna delle due ha una buona scalabilità. Cardano, in quanto rappresentante della terza generazione, si trova in una situazione simile. Anche se il team IOG ha in programma di affrontare questo problema e Ouroboros Leios PoS (Input Endorsers) porterà un miglioramento significativo, Cardano non è attualmente in grado di essere adottato a livello globale. Non esiste una blockchain ben scalabile nella top 10 che mantenga contemporaneamente un alto grado di decentralizzazione.

Non appena è apparso chiaro che L1 non poteva gestire in modo efficiente le transazioni dei nuovi utenti, è stato necessario trovare rapidamente una soluzione semplice. Le persone hanno iniziato a lamentarsi che le transazioni erano troppo costose, lente e inaffidabili rispetto ai servizi bancari. Aumentare la scalabilità degli L1 è un problema tecnologico complesso ed era ovvio che la soluzione avrebbe potuto richiedere anni.

Le ragioni per cui le reti blockchain non scalano bene sono ben note e non ha senso discuterne in questo articolo. Il problema ha iniziato a essere risolto attraverso diversi tipi di secondi livelli e la comunità ritiene che sia una buona soluzione. Sebbene gli L2 risolvano uno dei problemi fondamentali degli L1, portano con sé molti altri problemi di cui dovremmo parlare più a fondo.

Si può dire che le persone hanno iniziato a usare gli L2, quindi il problema è almeno parzialmente risolto, o diciamo pure rimandato. Con l’adozione degli L2, tuttavia, i problemi sono più evidenti.

Quali sono i problemi degli L2?

Cominciamo a vedere l’elenco dei problemi. Poi li analizzeremo più in dettaglio.

  • UX più complessa per gli utenti
  • Suddivisione di utenti e capitali in più reti
  • Acquisizione dell’attività e delle tariffe degli utenti
  • Ritardo della soluzione di scalabilità L1

Gli L2 aggiungono ulteriore complessità al già difficile utilizzo della blockchain dal punto di vista degli utenti comuni. La realtà è che la maggior parte degli utenti detiene criptovalute su exchange centralizzati perché ha paura di usare i portafogli blockchain. Le persone percepiscono l’iscrizione a un exchange centralizzato come un processo sicuro e familiare. Al contrario, l’uso diretto della blockchain è una sfida per molti. Anche solo gestire la passphrase/seed in modo sicuro è una sfida e un’attività che le persone vogliono evitare.

Gli L2 sono spesso reti con un proprio spazio di indirizzi e regole diverse. Gli utenti sono costretti a comprendere non solo il funzionamento di base della blockchain, ma anche il funzionamento di una specifica rete L2. Gli utenti devono imparare come trasferire le attività da una rete all’altra e viceversa, e quali sono i rischi connessi. Il margine di errore e di perdita di denaro è relativamente ampio.

Più L2 esistono, più gli utenti e il capitale saranno frammentati. Ci sono molti L1 e ogni progetto importante ha almeno una soluzione L2 dominante. Ethereum ha un bel po’ di L2 di grandi dimensioni. La frammentazione è un problema non solo all’interno di un ecosistema, ma anche nell’intero settore della blockchain.

Se Alice usa Lightning Network, Bob Polygon e Carol Hydra, questi utenti non hanno alcuna possibilità di interagire tra loro. Ognuno si trova in un ecosistema diverso e su una rete L2 diversa. Gli utenti sono separati, compreso il loro capitale.

È un problema anche dal punto di vista dei commercianti che vogliono accettare le criptovalute come una delle opzioni di pagamento. Dovranno supportare tutti gli L1 e gli L2 esistenti, il che è quasi impossibile. In alternativa, gli utenti dovranno accordarsi su una soluzione unificata, il che sembra anch’esso irrealistico. Se i commercianti adottassero solo l’ecosistema Bitcoin, cioè la Lightning Network, perderebbero gli utenti che preferiscono l’ecosistema Cardano o Ethereum.

Le aziende che vogliono coniare NFT incontreranno un problema simile. Devono decidere su quale piattaforma specifica avverrà il conio e quindi si rivolgono fondamentalmente solo a una parte degli utenti di criptovalute. Se il conio avviene su Cardano, gli utenti fedeli all’ecosistema Ethereum non possono interagire con questi NFT.

Le più grandi monete stabili USDT e USDC esistono in diversi L1. L’USD tokenizzato è fungibile, quindi questo non è un problema come per gli NFT, che non sono fungibili. Se una società volesse tokenizzare le azioni, quale strategia dovrebbe scegliere? Scegliere una singola L1 o diverse?

È difficile decidere in base al numero di utenti, che molto probabilmente cambierà nel tempo. Uno dei motivi per cui l’adozione della tecnologia blockchain da parte di aziende e imprese è lenta può essere la frammentazione degli utenti in diversi ecosistemi concorrenti. Si noti che stiamo parlando di frammentazione a livello L1. Un’ulteriore frammentazione a livello di L2 rende tutto più complesso. In un ecosistema possono esserci più L2 in competizione tra loro.

Le aziende e le imprese vogliono rivolgersi al maggior numero possibile di utenti ed è ingenuo aspettarsi che il loro servizio abbia successo se si rivolge solo agli utenti di una rete specifica. Allo stesso modo, è ingenuo aspettarsi che le persone adottino in massa una particolare rete per un particolare servizio. Si scopre che le comunità più forti si creano intorno a singoli progetti che esistono da molto tempo, ed è impossibile ignorare questo fenomeno.

Gli L2 si appropriano dell’attività degli utenti degli L1 e delle tariffe che questi pagano per i servizi.

Questo è un altro problema relativamente grande che minaccia la sostenibilità economica degli L1. Nel caso di Bitcoin, si parla sempre più spesso del problema del budget di sicurezza. Tuttavia, tutti gli L1 dovranno affrontare questo problema prima o poi. Cardano ed Ethereum hanno il vantaggio che il consenso PoS è più efficiente e quindi molto meno impegnativo da finanziare. Tuttavia, ogni rete blockchain deve ricompensare i partecipanti che partecipano alla sicurezza e alla decentralizzazione della rete o che forniscono risorse di calcolo ad essa.

Se gli utenti dovessero passare in modo permanente a L2 senza dover tornare a L1, allora L1 perderebbe essenzialmente la maggior parte delle commissioni. Le persone pagherebbero tariffe più basse per servizi più facili da usare su L2.

Gli L2 di solito ereditano solo una parte della sicurezza dagli L1. Gli L2 sono spesso molto più centralizzati e meno sicuri (chiavi di amministrazione). È importante mantenere gli L1 per la decentralizzazione. Ma chi pagherà per la decentralizzazione se gli utenti useranno soprattutto gli L2?

Al momento, gli utenti di L2 sono costretti a pagare transazioni on-chain quando spostano beni da L1 a L2 e viceversa. Tuttavia, se ciò dovesse cessare, diventerebbe un problema fastidioso per L1. Gli L2 dipendono dagli L1 per la loro esistenza, ma sono fondamentalmente parassiti di questi ultimi dal punto di vista economico.

Gli L2 non sono in grado di risolvere completamente la scarsa scalabilità degli L1. I team possono ritardare la scalabilità di L1 perché ritengono che sia sufficiente concentrarsi sullo sviluppo di L2. A volte mi imbatto nell’opinione che gli L1 non hanno bisogno di scalare se c’è almeno un L2 dominante nell’ecosistema. Non sono d’accordo con questa opinione. Se gli L1 non scalano bene, la qualità degli L2 ne risentirà direttamente. Le persone devono essere avviate verso l’L2 e se questo sarà costoso e lento, allora ne ostacolerà l’adozione. Ancora di più se gli utenti di L2 sono costretti a interagire regolarmente con L1 e a pagare delle tariffe.

Un ecosistema di successo che deve essere pronto per l’adozione di massa deve, innanzitutto, avere una scalabilità risolta su L1 e avere almeno una L2. Questo risolve la maggior parte dei problemi menzionati.

Perché L1 deve scalare bene?

Vedo gli L2 come un’opzione per gli utenti avanzati. Molti utenti vorranno affidarsi esclusivamente a L1. Gli L1 devono quindi essere economicamente accessibili e sufficientemente affidabili per un numero di utenti molto maggiore di quello che sono in grado di gestire oggi.

È difficile prevedere il futuro, ma se ci sono molti L2 in ogni ecosistema, è possibile che il maggior numero di utenti e di capitali rimanga in L1. Tuttavia, è anche possibile che una particolare L2 diventi dominante e spiazzi le soluzioni concorrenti (compresa L1).

Le persone utilizzeranno L1 solo se le commissioni sono basse e il regolamento è veloce. Dal punto di vista del budget per la sicurezza, è essenziale che L1 fornisca un’utilità simile a quella di L2. Non avrei nemmeno paura di dire che L1 competerà direttamente con L2 per gli utenti, cioè principalmente per le loro tariffe. Se le tariffe di L2 sono di diversi ordini di grandezza inferiori, L1 potrà competere con loro solo con difficoltà. Le persone saranno semplicemente costrette economicamente a imparare a usare L2 (e ad abbandonare definitivamente L1).

È tecnologicamente possibile collegare tra loro le blockchain e consentire il trasferimento di beni. È già possibile tokenizzare il BTC e trasferirlo dalla blockchain Bitcoin ad altre blockchain. Questo tipo di interconnessione tra blockchain sarà piuttosto comune nei prossimi anni. Le singole blockchain devono scalare bene se vogliono essere facili da usare. Vedo un grande potenziale nei portafogli multi-catena come Lace. Gli utenti avranno un unico portafoglio che consentirà loro di interagire con molte blockchain (ed eventualmente con L2) in modo sicuro e molto semplice.

Posso immaginare che gli utenti abbiano NFT coniati in diverse L1 in un unico portafoglio. Potranno avere ADA, BTC, ETH e USDT uno accanto all’altro e se vorranno effettuare uno scambio tra questi asset, sarà questione di pochi clic direttamente nel portafoglio. Tutto avviene in background e l’utente potrebbe non accorgersi nemmeno se si trova su L1 o L2. L’unica cosa che notano è la tariffa e la velocità dell’operazione.

Conclusione

Ci sono diverse opinioni ben argomentate sull’opportunità di costruire L2 o di concentrarsi maggiormente sulla scalabilità della blockchain. Personalmente, ritengo che entrambe le cose siano importanti e che tutte le blockchain, compreso Bitcoin, debbano scalare meglio se vogliono essere economicamente sostenibili a lungo termine. Alcuni esperti ritengono addirittura che le L2 possano essere un vicolo cieco per lo sviluppo e che se esistesse una blockchain scalabile e allo stesso tempo ben decentralizzata, questa diventerebbe gradualmente la rete dominante. Non credo che sia possibile raggiungere questo obiettivo nei prossimi 10 anni, ma poter fare a meno completamente delle L2 sarebbe la migliore soluzione possibile da diversi punti di vista.

Non fraintendetemi. So che ci sono progetti che hanno già uno sharding funzionante e che allo stesso tempo possono essere ben decentralizzati. Tuttavia, questi progetti devono superare uno stress test. Le persone devono iniziare a usarli e verificare che l’implementazione dello sharding sia di buona qualità. Questo non è ancora avvenuto.

In ogni caso, gli L2 sono destinati a rimanere, poiché il livello di decentralizzazione e sicurezza offerto dagli L1 non è sempre richiesto. Per questo motivo ritengo che abbia senso concentrarsi sulla scalabilità di L1 e contemporaneamente costruire L2.