🇮🇹 "Book.io - Costruire il futuro dei libri"

:it: Traduzione italiana di “Book.io - Building the Future of Books | Lido Nation English”

Traduzione italiana a cura di Lordwotton di RIOT Stake Pools. Se apprezzi queste traduzioni, per favore valuta di supportare il mio lavoro delegando i tuoi ada a RIOT :pray: entra nel nostro gruppo Telegram


Book.io - Costruire il futuro dei libri

Pochi singoli eventi storici sono stati così trasformativi come l’invenzione della macchina da stampa da parte di Johannes Gutenberg nel 1400. I libri hanno cambiato il mondo. La capacità di condividere e diffondere informazioni è stata elevata ancora una volta da Internet, e ancora una volta siamo cambiati. I libri stessi si sono trasformati, con la crescente popolarità degli e-reader e degli audiolibri. Tuttavia, alcuni di questi cambiamenti non sono così positivi per i libri o per le persone che li leggono e li scrivono.
Quando si acquista un libro digitale o audio, in realtà non lo si possiede. In realtà si tratta di un contratto di locazione che dà accesso al libro per un certo periodo di tempo. Potrebbe trattarsi di un periodo piuttosto lungo, quindi forse non ci avete ancora pensato. Ma il libro non è di vostra proprietà. Non potete venderlo o mandarlo a vostra madre perché sapete che le piacerebbe molto. I vostri figli e nipoti non potranno sfogliare la vostra biblioteca per sapere cosa avete fatto e per entrare in contatto con la storia letteraria della vostra famiglia. Inoltre, il vostro libro è soggetto a censura, ritrattazione e modifica senza che voi lo sappiate o lo acconsentiate. Il vostro libro esiste solo su un database centralizzato controllato dall’editore e se questi vuole cambiare o rimuovere il vostro libro, può farlo.
Per gli autori, il potenziale di trasformazione dei media digitali è in gran parte non realizzato. Il lavoro per essere pubblicati e pagati non è cambiato molto. Sia che un autore venga scelto da una casa editrice, sia che venga autopubblicato, il processo e tutti gli intermediari coinvolti sono più o meno gli stessi di una generazione fa.

Book.io utilizza la tecnologia blockchain per portare i libri nel futuro del Web3. All’inizio non capivo perché i “libri blockchain” fossero migliori o diversi da qualsiasi altro libro digitale, ma dopo una grande conversazione con @JasonManske allo stand di Books.io a @RareEvo, mi sono convinto!

Utilizzando la piattaforma Books.io, sia gli autori che gli editori possono pubblicare libri digitali e audio per l’acquisto, e i lettori possono acquistarli. In questo senso, è come qualsiasi altro mercato dei media. Tuttavia, se si guarda dietro la tenda, tutto è diverso, per tutti.

Per i lettori

Per i lettori di libri digitali, Book.io rende la proprietà simile a quella di un libro stampato: non può essere rubato, ritrattato o modificato. L’oggetto digitale che si acquista è infatti un NFT, un file unico sulla blockchain che definisce la proprietà dei beni digitali. In questo caso il bene digitale è un libro. Il libro in sé non è memorizzato sulla blockchain: in genere le blockchain non sono pensate per memorizzare file di grandi dimensioni. Invece, Book.io sfrutta IPFS, la soluzione più diffusa per l’archiviazione decentralizzata dei file relativi alle transazioni blockchain[Beyond Blocks | Lido Nation English]. I libri di Book.io sono shardati e crittografati su IPFS. Utilizzando i servizi di “pinning” su IPFS, Book.io garantisce che il libro sarà disponibile per almeno 100 anni (presto sarà aumentato a 200 anni).

Non censurabile

Indipendentemente dai venti socio-politici che possono soffiare, il vostro libro non può essere censurato, né in tutto né in parte.

Non eliminabile

Per le attuali licenze di ebook “normali”, la durata standard del contratto è di 30 anni. Se in questo lasso di tempo il vostro libro viene venduto a un altro editore (un evento comune), il vostro libro scompare. Con la blockchain, solo voi potete scegliere di bruciare i vostri beni.

Immutabile

I libri possono essere modificati, e lo sono, in reazione alla censura, alle spinte o ad altre influenze. L’era digitale rende questa minaccia più rilevante che mai. Se un libro esiste principalmente o esclusivamente in formato digitale, su server centralizzati, il libro può essere cambiato in qualsiasi momento, senza preavviso. I libri che sono sharded e criptati su IPFS, di proprietà del portafoglio che detiene l’NFT, non possono essere cambiati.

Poiché i lettori sono proprietari dei loro libri, possono anche condividerli o venderli. Per condividerlo con la mamma, basta inviare l’NFT del libro al suo portafoglio e il libro apparirà nella libreria del suo e-reader. Per venderlo, basta inserirlo in un qualsiasi mercato digitale. Quando questa tecnologia diventerà onnipresente sui telefoni di tutti, credo che si potranno vendere anche in un mercatino dell’usato!

Per gli autori

Per gli autori, Books.io offre l’opportunità di pubblicare e condividere i ricavi senza intermediari. In questo senso non è molto diverso dal self-publishing. Tuttavia, la blockchain consente anche alcuni nuovi strumenti per gli autori che non erano mai stati possibili prima.

Ricavi da rivendita

Poiché la proprietà del libro è rappresentata da un NFT, gli autori possono ottenere una quota dei ricavi di vendita non solo per la vendita iniziale, ma ogni volta che qualcuno acquista o vende il loro libro!

Personalizzazione e interazione

Questo nuovo modello offre agli autori la possibilità unica di interagire con il proprio pubblico e di personalizzare la propria opera. Questo può essere semplice come un’edizione limitata e numerata di un libro. Gli autori potrebbero offrire una pagina di dedica personalizzata per i lettori più fedeli. I libri per bambini e famiglie potrebbero essere facilmente personalizzati per riflettere i nomi, gli animali domestici o i dettagli dei luoghi che più li appassionano. Per i creatori, il cielo è il limite.

Per editori e stampatori

In un primo momento potrebbe sembrare che editori e stampatori abbiano solo da perdere da questa trasformazione, ma in realtà queste entità sono state tra i primi e maggiori investitori nel progetto Book.io.

Sebbene la possibilità di autopubblicarsi sia ottima, gli editori offrono ancora un servizio prezioso agli autori e ai lettori. Gli autori traggono vantaggio dalla collaborazione con agenti, editori e dipartimenti di marketing professionali. Essi contribuiscono a rendere l’opera di un autore la migliore possibile e a raggiungere il pubblico più ampio. I lettori appassionati imparano ad amare e a fidarsi delle case editrici che sanno coltivare i libri che amano. Gli editori che scelgono di collaborare con Book.io partecipano ai ricavi, quindi i vantaggi per loro sono molto semplici.

I libri digitali possono sembrare un’eccezione per gli stampatori, ma non è necessariamente così. Alcune persone preferiranno sempre mettere le mani su una copia cartacea di certi libri, sia perché amano sottolineare i passaggi e annotare note a margine, sia perché li espongono con orgoglio, sia perché semplicemente respirano l’odore delle pagine ammuffite. È possibile acquistare un libro su Book.io e poi scegliere di convertirlo in stampa. Collaborando con questo progetto, gli stampatori possono essere parte del futuro digitale.

Ma c’è di più

Trattandosi di una blockchain, il progetto prevede anche un token. Gli utenti possono acquistare token $BOOK direttamente o scambiarli su un DEX, ma i lettori potranno anche guadagnarli quando acquistano e leggono libri. Ad esempio, i lettori potranno guadagnare 1 token $BOOK per ogni pagina letta nell’app e-reader. I gettoni possono poi essere utilizzati sulla piattaforma per acquistare libri scontati o per accedere ad altri vantaggi. Gli autori e gli editori presenti sulla piattaforma possono organizzare le proprie promozioni sulla base dei token. È molto simile a un programma di fidelizzazione, con tutta la flessibilità e la sicurezza insite nella blockchain.
Il prossimo passo

Ci sono altri progetti che hanno cercato di unire libri e blockchain, ma nessuno ha ancora avuto la visione trasformativa del progetto Book.io. Altri progetti concedono l’accesso ai libri digitali tramite token gating. In questi casi, i libri sono accessibili da un server centralizzato e sono quindi ancora soggetti a modifiche, censure e ritrattazioni.

Book.io offre già una bella applicazione che funziona su iPhone, Android e alcuni e-reader. Il primo eBook pubblicato è stato la Bibbia di Gutenberg, in onore del primo libro prodotto in serie uscito dalla macchina da stampa di Gutenberg. Altri libri vengono aggiunti alla libreria in continuazione. Il supporto per gli audiolibri è in arrivo; questa e altre funzioni future possono essere consultate nella loro roadmap. L’azienda è agnostica rispetto alle blockchain e supporta già Cardano, Algorand, Ethereum e Polygon.

Ho deciso di provare tutto questo per questo articolo e posso solo dire che ha funzionato alla grande. Ho scaricato l’app, l’ho collegata al mio portafoglio Cardano e ho acquistato un libro per pochi ada. Il mio libro ha un numero unico, piuttosto simile a un numero di serie, che rappresenta la singola copia di questo libro che ora possiedo, shardata e crittografata su IPFS. Quando lo apro, appare come qualsiasi altro libro digitale, con immagini e tutto il resto.

È possibile partecipare scaricando l’applicazione gratuita, sfogliando il negozio e acquistando un libro. Sono in vendita anche i gettoni $BOOK, se volete sostenere il progetto in questo modo. Se siete autori, al momento c’è una lista d’attesa per essere pubblicati sulla piattaforma, poiché il team sta lavorando duramente all’infrastruttura che supporterà una scalabilità massiccia - ma potete unirvi alla lista d’attesa ora! Gli editori e gli altri operatori del settore librario che desiderano esplorare le possibilità di una partnership dovrebbero contattare il sito; per queste richieste è disponibile un modulo dedicato.