🇮🇹 Intervista - Cardano SPO #090: SHARE Pool [SHARE]

Interviste scritte con gli Stake Pool Operator (SPO) della blockchain Cardano.
Link alla intervista in lingua inglese sul mio Medium.

L’ospite di questa settimana nella rubrica Cardano SPO è uno stake pool gestito da Bastian, un professionista della finanza e dell’economia con sede a Berlino: SHARE Pool [SHARE].

L’ospite precedente è stato uno stake pool gestito da Toshi, originario del Giappone, che vive a Bangkok, in Thailandia, e che ha come obiettivo quello di donare il 25% delle entrate dello stake pool a un orfanotrofio in Thailandia.

Questa iniziativa è un punto di riferimento per tutto ciò che riguarda Cardano e ogni settimana o due inviteremo uno Stake Pool Operator (SPO) a rispondere ad alcune domande e a darci un aggiornamento direttamente dall’interno della Cardano community .

Cardano SPO [SHARE] dona ad enti di beneficenza in tutto il mondo

Ciao, grazie per il tuo tempo. Raccontaci qualcosa di te, dove risiedi e qual è il tuo background?

Ciao, sono Bastian , un professionista della finanza e dell’economia con sede a Berlino , appassionato di tecnologia blockchain, criptovalute e decentralizzazione. Sono anche appassionato di filosofia, storia, politica e cultura (soprattutto musica) e mi piace particolarmente ciò che Berlino ha da offrire in questo ambito.

Mi sono avvicinato alla tecnologia blockchain grazie alla mia curiosità per le grandi idee . Mi piaceva il cambiamento di paradigma nell’economia e nella finanza, così come nei nostri sistemi sociali nel loro complesso, che è possibile attraverso questa rivoluzione tecnologica. Sono ansioso di cambiare la nostra economia e i nostri sistemi sociali verso una maggiore inclusione e sostenibilità e credo che la tecnologia blockchain giocherà un ruolo importante nel risolvere questi problemi. Per questo motivo, sono stato coinvolto direttamente come operatore di SHARE, uno stake pool mission-driven di Cardano .

Qual è il percorso che ti ha portato a Cardano e a diventare uno Stake Pool Operator (SPO)?

Sono entrato nel mondo delle crypto nell’autunno del 2017, all’epoca vicino all’apice del mercato delle crypto e uno dei primi video correlati che ho visto è stato il famoso video whiteboard di Charles Hoskinson . Mi sono appassionato immediatamente al progetto Cardano e lo seguo da allora.

Nei miei primi due anni di attività nel settore crypto, ho dovuto imparare a orientarmi e a familiarizzare con la tecnologia, quindi mi sono documentato su diversi progetti e ho assorbito tutte le informazioni possibili . Quando ho capito che la visione di Charles per Cardano iniziava a realizzarsi durante l’era ITN , mi sono concentrato esclusivamente su Cardano, perché ritenevo che l’approccio del progetto (basato sul metodo scientifico, PoS, programmazione funzionale, ecc.) fosse il migliore che il settore potesse offrire.

All’epoca, stavo concludendo il mio master e il mio obiettivo dopo la laurea era quello di entrare nel settore della blockchain . Durante l’ITN e quando PoS si è avvicinato alla mainnet, ho pensato che sarebbe stato davvero bello lanciare anche il mio stake pool . Ma il fatto di non avere un background in informatica o programmazione mi ha complicato un po’ le cose per diventare un SPO.

Mi sono rivolto ad amici con un background in informatica e anche a persone su Internet, chiedendo se qualcuno fosse interessato a fondare uno stake pool insieme . Tuttavia, non sono riuscito a trovare nessuno, quindi ho dovuto farlo da solo.

Fortunatamente, la Cardano Foundation ha offerto il corso Stake Pool School , che permette di imparare a gestire uno stake pool. Grazie a questo corso e all’aiuto di altri SPO esperti, sono riuscito a imparare a diventare io stesso un SPO .

E ora, eccoci qui, il mio stake pool è in funzione da più di due anni , con la speranza di molti anni a venire. Finora è stata una bellissima esperienza.

Sei stato uno degli organizzatori dell’evento Cardano Summit 2022, organizzato dalla community a Berlino. Com’è andato l’evento? Che cosa ne hai tratto?

A mio parere e in base al feedback che ho ricevuto dai partecipanti, l’evento è stato un grande successo . Con NMKR, Blueshift , Smart-Places e GeniusYield/GeniusX , abbiamo avuto quattro progetti molto interessanti che si sono presentati, e abbiamo avuto altri progetti Cardano , SPO , Ambasciatori CF , dipendenti IOG e molti altri ospiti all’evento.

Gli speaker sono stati accolti da un pubblico davvero entusiasta e hanno presentato in modo eccellente ciò che fanno su Cardano. Al termine delle presentazioni, anche la sessione di networking è stata fantastica. Ho incontrato innumerevoli persone interessanti della comunità di Cardano e nuovi arrivati, e credo che grazie all’evento si siano creati molti nuovi legami.

Organizzare l’evento Cardano Summit 2022 a Berlino è stato uno dei miei momenti più belli dell’anno . Sono molto entusiasta di Cardano e della rivoluzione blockchain, quindi è stato un grande onore farlo. Ho anche imparato molto e ho potuto trarre insegnamento dall’aver organizzato l’evento , quindi lo consiglio vivamente a tutti… ma è stato anche molto impegnativo, quindi preparatevi a questo se volete farlo.

Che cosa significa essere uno stake pool mission-driven? Qual è la missione del tuo pool? Perché è importante per te?

In linea con il nome dello stake pool, la nostra missione è condividere (share), in quanto ci impegniamo a fornire ai nostri deleganti ricompense ottimali per lo staking ADA , facciamo beneficenza e condividiamo le conoscenze sull’ecosistema blockchain di Cardano.

Essere orientati alla missione significa per me che il vostro stake pool fornisce un valore aggiuntivo, oltre alle semplici ricompense per lo staking . Ciò può riguardare la community di Cardano direttamente o anche al di fuori di essa. SHARE fa entrambe le cose: condividiamo contenuti educativi sull’ecosistema Cardano con un pubblico di lingua tedesca attraverso il nostro canale YouTube “Alles zu Cardano” e doniamo parte dei nostri profitti a cause benefiche in tutto il mondo. Finora, SHARE ha donato oltre 6000 euro (vedi donazioni). È importante per me essere mission-driven, perché voglio contribuire a creare un ecosistema Cardano migliore e, in ultima analisi, a rendere il mondo un posto migliore , proprio come la visione di Cardano.

Contrariamente all’opinione comune, personalmente ritengo che anche altri SPO che – ad esempio – contribuiscono al codice open source dell’ecosistema Cardano o gestiscono un proprio progetto Cardano, siano mission-driven , anche se forse non si considerano tali, perché di solito mission-driven significa donare a cause di beneficenza. Io la vedo un po’ diversamente. Pertanto, incoraggio ogni SPO a diventare mission-driven nel mio senso della parola, ovvero a contribuire in una forma o nell’altra all’ecosistema Cardano e/o al di fuori di esso, per rendere il nostro ecosistema e il mondo un posto migliore . Insieme, avremo un grande impatto.

Ottimo contributo. Qualche pensiero finale? Dove è possibile contattarti?

Grazie, Patryk, per l’opportunità di questa intervista! Apprezzo molto il lavoro che fai per l’ecosistema Cardano.

Invito tutti a mettersi in contatto con me e con il mio stake pool SHARE , e sarei anche molto felice se decideste di delegare a SHARE per sostenere la nostra missione.

Potete trovarci sul nostro sito web e sui nostri profili Twitter: @Bastian_SHARE e @share_pool.

Disclaimer: Le opinioni e i punti di vista degli SPO sono propri e non riflettono necessariamente quelli della Cardano Foundation o IOG.