🇮🇹 "La blockchain può rendere il settore dei servizi finanziari a prova di futuro"

:it: traduzione italiana di “Blockchain can futureproof the financial services industry” scritto da @Hinrich, segretario generale della Fondazione Cardano

Traduzione italiana a cura di Lordwotton di RIOT Stake Pools


City A.M.: La Blockchain può rendere il settore dei servizi finanziari a prova di futuro

Come può la tecnologia blockchain trasformare il settore dei servizi finanziari in un periodo di turbolenza dell’innovazione?

L’ultimo decennio è stato caratterizzato da un cambiamento tecnologico senza precedenti, soprattutto grazie all’adozione diffusa degli smartphone e a una sempre maggiore dipendenza dai servizi finanziari digitali.
In tutto questo tempo, le mutate esigenze dei clienti e le nuove generazioni di nativi digitali hanno costretto i fornitori di servizi finanziari ereditati dal passato a ripensare il modo in cui offrono i servizi; affrontando la pressione di competere con i fornitori neo-bancari, pur lottando per rimanere competitivi in un panrama finanziario difficile.

Eppure, nonostante le sfide più impegnative che mai, esiste uno strumento potente che i fornitori di servizi finanziari possono utilizzare per tenere il passo in quest’era in rapida evoluzione della tecnologia di digitalizzazione: la tecnologia blockchain.
Emersa all’inizio dell’ultimo decennio, la tecnologia delle blockchain sta ora raggiungendo la maturità, ponendo le basi per un sistema operativo finanziario completamente nuovo. Quindi, come possono i fornitori di servizi finanziari iniziare a sfruttare il potere di questa tecnologia nel corso del prossimo decennio e quali sono i suoi principali vantaggi?

Sfruttare il potere della blockchain

È probabile che i libri mastro distribuiti si abbinino ai sistemi finanziari globali di oggi. È molto probabile che ci sarà una maggiore coesistenza e sinergia tra i sistemi tradizionali e le infrastrutture decentralizzate, che è il primo passo per aumentare le soluzioni basate su catene di blocchi e guidare l’adozione di massa.
Alcune di queste soluzioni sono già pronte, perturbando i rispettivi settori e creando alternative e soluzioni innovative pronte per un nuovo decennio.

Pagamenti transfrontalieri

L’invio o la ricezione di denaro oltre confine, o tra due diverse valute nazionali, è stato in genere un processo pieno di complessità.

Quando i fornitori di pagamenti elettronici sono emersi per la prima volta accanto ai giganti dell’e-commerce, è stata una rivoluzione nel modo in cui i clienti potevano inviare denaro online. I pagamenti internazionali venivano generalmente regolati in meno di un giorno, a differenza dei giorni o delle settimane per i tradizionali bonifici bancari, e il cambio di valuta veniva effettuato dietro le quinte.

Tuttavia, la Banca dei Regolamenti Internazionali ha recentemente concluso che, nonostante le innovazioni nelle disposizioni relative ai pagamenti transfrontalieri, il settore era ancora irto di esempi di ostacoli tecnici e costi¹ elevati, e i bonifici bancari continuavano ad essere uno dei metodi preferiti per le transazioni transfrontaliere, nonostante i loro limiti.

I fornitori di servizi finanziari potevano sfruttare i gateway di pagamento costruiti utilizzando la tecnologia blockchain per consentire transazioni istantanee 24 ore su 24, con commissioni basse indipendentemente dal valore dell’operazione.

In particolare, gli stablecoins-digital asset ancorati al valore delle valute nazionali rendono semplice, veloce e poco costoso il trasferimento di valore oltre confine.

Identità digitali

Nonostante i migliori sforzi dei fornitori di servizi finanziari, il furto di identità è un problema crescente. Non solo le frodi basate sull’identità hanno gravi conseguenze economiche - con perdite di oltre 40 miliardi di dollari solo negli ultimi due anni secondo i dati di PwC² - ma hanno anche un impatto sull’esperienza dell’utente attraverso l’introduzione di requisiti di conoscenza del cliente (KYC) e antiriciclaggio (AML).

Invece, le identità digitali basate su blockchain, protette con tecnologie all’avanguardia per la tutela della privacy, come le prove di conoscenza zero, fungono da unica fonte di dati di identità e di verifica per l’inserimento di nuovi clienti senza soluzione di continuità, rispettando al contempo i requisiti normativi in materia di protezione dei dati.

Applicabili sia ai clienti privati che a intere aziende, le informazioni sull’identità memorizzate tramite registri distribuiti potrebbero aiutare a soddisfare i requisiti normativi di KYC e AML in modo più efficiente, unificando al contempo le informazioni sull’identità tra più servizi. Gli utenti dovrebbero caricare un solo set di documenti di identità in una soluzione di identità basata su una blockchain, eliminando la necessità per le organizzazioni finanziarie di autenticare gli individui in modo indipendente.

Per i fornitori di servizi finanziari, una semplificazione del processo KYC attraverso identità digitali basate su blockchain si tradurrebbe in un minore attrito per i nuovi clienti, ridurrebbe il tempo necessario per costruire profili di rischio per i clienti e rappresenterebbe un enorme risparmio sui costi KYC per le organizzazioni finanziarie - che secondo la società di servizi professionali Capgemini costa fino a 500 milioni di dollari all’anno per le grandi aziende³.

Tokenizzazione delle attività

La Tokenisation dei titoli, come il capitale proprio, è forse uno dei casi d’uso più potenti della tecnologia blockchain. I registri delle azioni sono particolarmente maturi per la digitalizzazione, e i libri contabili distribuiti consentirebbero alle aziende di emettere facilmente gettoni basati sul capitale azionario; tracciare gli azionisti e aggiornare i registri delle azioni senza mantenere una tabella di capitalizzazione o organizzare il capitale attraverso sforzi manuali intensivi.

Semplificando il processo di emissione di azioni mediante la tecnologia blockchain, le aziende possono risparmiare tempo e risorse, particolarmente utile per le piccole e medie imprese con personale limitato.

I vantaggi più ampi della tokenisation per la negoziazione di azioni e di altre attività sono profondi. Per la prima volta nella storia, gli asset tokenizzati possono essere trasferiti a livello transfrontaliero in pochi minuti attraverso borse e mercati, un processo che normalmente richiederebbe giorni di liquidazione, coinvolgendo più intermediari e complessi processi interni.

Le borse e i mercati blockchain automatizzano invece il processo di negoziazione, esecuzione e regolamento. Di conseguenza, i piani di negoziazione non devono più essere limitati da fasce orarie, aprendo la strada al trading 24 ore su 24, 7 giorni su 7, con tempi di regolamento istantanei e bassi costi dovuti alla disintermediazione.

Finanziamento del commercio, credito e prestiti

L’accesso al capitale circolante è essenziale, e la finanza commerciale facilita questa necessità. Tuttavia, l’attuale processo, sia per il prestatore che per il mutuatario, è lungo e genera un’importante traccia cartacea attraverso le polizze di credito, le lettere di credito e la due diligence.

Ci sono ancora più punti di attrito per le aziende che cercano di impegnarsi con più fornitori di finanziamenti, in quanto ogni stakeholder mantiene diversi database e le aziende devono rivolgersi individualmente a ciascun fornitore.

Per risolvere questo problema, la tecnologia blockchain e i contratti intelligenti potrebbero essere utilizzati come infrastruttura di base per gli accordi di trade finance, automatizzando ed elaborando i prestiti secondo criteri predefiniti e inserendo nuovi clienti di trade finance attraverso le identità digitali esistenti.

Il risultato sarebbe un ecosistema di trade finance in cui la due diligence potrebbe essere completata in pochi minuti, i contratti di prestito richiederebbero una minore supervisione da parte di terzi e i contratti intelligenti farebbero rispettare legalmente gli accordi.

Analoghe efficienze potrebbero essere introdotte nel settore del credito al consumo utilizzando blockchain. Proprio come nel caso di un’azienda attraverso le identità digitali, le banche e gli istituti di credito potrebbero facilmente creare profili di rischio per i clienti al dettaglio attraverso informazioni pre-aggregate memorizzate su una blockchain, prendendo decisioni di prestito istantaneamente, riducendo le inadempienze sui prestiti e migliorando l’esperienza del cliente.

Prodotti alternativi

Anche gli asset digitali e le blockchain stanno creando tipi di asset completamente nuovi. Una recente tendenza ad emergere dallo spazio delle blockchain è rappresentata da asset e servizi alternativi, che fanno leva su prodotti in evoluzione come i protocolli di prestito P2P, o si concentrano sullo staking dei token di protocollo delle blockchain.

Il futuro completo della blockchain

Le soluzioni blockchain sono ancora un po’ nascenti e l’adozione da parte dei fornitori di servizi finanziari tradizionali è stata misurata e metodica. Ciononostante, una moltitudine di fornitori di servizi finanziari sta già sperimentando le blockchain, sviluppando MVP basati su blockchain, provando progetti pilota e facendo leva su soluzioni di blockchain esterne.

L’inizio di un’era di blockchain-completa si verificherà una volta che i quadri normativi avranno pienamente riconosciuto la tecnologia delle blockchain e i prodotti ad essa associati, che a loro volta daranno ai responsabili delle decisioni aziendali la possibilità di integrare le blockchain nei loro processi fondamentali.

In futuro, è molto probabile che i fornitori di servizi finanziari dovranno orientare i loro modelli di business in modo da includere attività decentralizzate e trasferimento di valore, il che renderà l’autonomia, i bassi costi, le identità digitali e le transazioni istantanee la norma.

Riferimenti:

1 - https://www.bis.org/cpmi/publ/d173.pdf
2 - https://www.pwc.com/gx/en/forensics/gecs-2020/pdf/global-economic-crime-and-fraud-survey-2020.pdf
3 - https://www.capgemini.com/2019/11/banks-can-mitigate-know-your-customer-pain-points-with-distributed-ledger-technology/

Articolo originale qua